QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Fiamme rosse nella partita della verità facilmente dopo la Polonia

Dovevano solo sconfiggere un avversario serio, che è quello che è successo con questo avversario. I Red Flames battono la Polonia 4-0 e partecipano più che mai ai Mondiali del 2023.

Velocità, potenza, qualità calcistica allo stato puro: c’era tutto nella partita in casa a Leuven. La partita contro l’Armenia non è stata 19-0 la scorsa settimana, ma questa vittoria decisiva sulla Polonia è la partita di riferimento di cui i belgi hanno bisogno.

Punteggi mostruosi, tutto bene. Ma nelle due maggiori qualificazioni ai Mondiali in Polonia (1-1) e Norvegia (4-0), i Red Flames ne hanno ammonito solo uno su sei finora. Quindi, mentre il vincitore del gruppo è l’unico ad essere confermato per i Mondiali in Australia e Nuova Zelanda nel 2023. Il secondo numero gioca i jump jack. In casa contro la Polonia, sarebbe dovuto essere chiaro se i belgi avevano davvero una possibilità reale di debuttare in Coppa del Mondo a Down Under. Questo è diventato evidente anche a Den Drive.

È stata la migliore partenza per i polacchi e le fiamme hanno avuto difficoltà a preparare un attacco di successo nella fase iniziale. Presto i belgi hanno iniziato a mettere più pressione in avanti e nei quindici minuti che hanno portato al gol del vantaggio. Wallart ha raggiunto la linea di difesa e ha abilmente restituito a De Kenny, che ha sparato 1-0 nell’angolo più lontano. Non importa se Eurlings ha segnato il secondo gol sul dischetto, ma il portiere polacco Klaps ha tenuto a galla la sua squadra. Anche Besman ha avuto una buona occasione per 2-0 quando un calcio di punizione è caduto davanti ai suoi piedi, ma il suo tiro è stato deviato.

READ  "L'Anderlecht avrebbe dovuto vincere, ma non l'ho riconosciuto nel loro gioco".

In mezz’ora, i polacchi sono andati vicini al gol per la prima volta durante una fase particolarmente caotica davanti alla porta belga, dato che tutti sembravano ostacolarsi a vicenda. La guardia Efrar è riuscita a colpire. Dopo di che, gli Eurlings sembravano segnare, ma sono stati segnalati per fuorigioco. Alla sua terza occasione, è stato un premio per l’attaccante dell’OHL. Wullaert manda in profondità Biesmans con un superbo passaggio filtrante ed Eurlings realizza il 2-0 sulla ribattuta. Le fiamme tuonano come un treno veloce sull’avversario e 40 minuti dopo il punteggio è di 3-0. Cayman Leather ha portato al gol da fuori area di rigore.

I belgi erano particolarmente bravi a giocare a calcio ed erano più intelligenti, più veloci e tecnicamente più forti della Polonia. I Red Flames sono stati primi in palla un po’ ovunque e sono entrati nel primo tempo con un comodo bonus.

affari migliori

I polacchi avevano senza dubbio sperato che il Belgio rallentasse dopo la sosta, ma non è stato subito così. Wallart ha collaborato bene con Cayman, che è passato a De Kinney. Quest’ultima ha visto che il suo tiro ha deviato da un difensore polacco, ma ha mantenuto il suo secondo gol in serata. Poi Red Flames ha preso il controllo del gioco.

Questa grande vittoria su un avversario degno di nota era esattamente ciò di cui avevano bisogno i giocatori dell’allenatore della nazionale Yves Cernells. Con la tua vittoria per 19-0 sull’Armenia, stai acquistando poco, tranne tre punti logici. Con questa vittoria invece – un match di riferimento sotto tutti i punti di vista – i Flames stanno facendo un ottimo lavoro. Con 13 punti, è in testa al Gruppo F dopo la Norvegia, anche se i norvegesi avranno tre punti in più se continueranno la partita contro l’Armenia mercoledì sera. Questo è stato interrotto martedì sera a causa della fitta nebbia con un punteggio di 0-9.

READ  L'ex Red Devil Gunther Schepens perde la patente: la polizia lo ha arrestato due volte in una notte

Il Belgio ha già battuto la Polonia che ha 11 punti. La prossima missione di Flames sarà quella di visitare l’Albania il 7 aprile. La Coppa del Mondo non è che iniziata, ma il viaggio di Down Under è ora più realistico che mai.

Belgio: Evrard, Vangheluwe (67′ Wijnants), Tysiak, De Neve, Philtjens (85′ Deloose), Cayman, Vanhaevermaet, Biesmans (71′ Minnaert), Eurlings (84′ Blom), Wullaert, De Caigny (84′ Onzia)