QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Finalmente: stanno arrivando nuovi e molto migliori vaccini antinfluenzali

Perché questo è importante?

Nessuno può dire con certezza fino a che punto andrà a finire uno di questi quattro vaccini contro l’influenza stagionale, ma molti esperti sono ottimisti. Ritengono inoltre che la tecnologia dell’mRNA possa essere adattata per produrre vaccini che funzionano per anni contro un’ampia gamma di ceppi di influenza.

Il vaccino antinfluenzale è attualmente utile solo per una stagione influenzale e di solito è efficace tra il 40 e il 60 percento. In alcuni anni fino al 10 per cento. Mentre i vaccini antinfluenzali tradizionali vengono coltivati ​​nelle uova di gallina per diversi mesi, i vaccini a mRNA vengono prodotti relativamente più velocemente. In teoria, la loro produzione più rapida potrebbe renderli un abbinamento migliore per i ceppi influenzali di ogni stagione. E se iniettato nell’uomo, può suscitare una risposta immunitaria più forte rispetto ai tradizionali vaccini antinfluenzali.

Due società – Moderna, la società biotecnologica del Massachusetts che ha prodotto uno dei vaccini mRNA approvati per COVID-19, e Sanofi, un produttore francese di vaccini – hanno iniziato quest’estate le prove dei suoi vaccini antinfluenzali mRNA. Pfizer e BioNTech, che hanno prodotto un altro vaccino mRNA contro il Covid-19, hanno iniziato il mese scorso. Seqirus, un produttore di vaccini con sede nel Regno Unito, prevede di testare un altro vaccino contro l’influenza a mRNA all’inizio del prossimo anno.

Nessuno può dire con certezza fino a che punto andrà a finire uno di questi quattro vaccini contro l’influenza stagionale, ma molti esperti sono ottimisti. Ritengono inoltre che la tecnologia dell’mRNA possa essere adattata per produrre vaccini che funzionano per anni contro un’ampia gamma di ceppi di influenza.

Vaccini antinfluenzali dal 1933

La ricerca di un buon vaccino antinfluenzale va avanti da molto tempo. La pandemia influenzale del 1918 fu la peggiore della storia moderna, uccidendo tra 50 e 100 milioni di persone. All’aumentare del bilancio delle vittime, i medici hanno risposto vaccinando migliaia di persone con una varietà di vaccini sperimentali. Nessuno di quei vaccini ha funzionato. Gli scienziati dell’epoca credevano erroneamente che i batteri fossero causati da malattie, non da virus. Questo errore li ha portati a creare vaccini dai microbi raccolti nell’espettorato dei pazienti influenzali. I vaccini sono stati inutili nella costruzione di una difesa immunitaria contro le malattie virali.

Non è stato fino al 1933 che i virologi britannici hanno isolato il virus dell’influenza, che ha finalmente permesso la progettazione di un vaccino efficace. I ricercatori hanno iniettato i virus dell’influenza nelle uova di gallina, dove si sono moltiplicati. Dopo aver estratto e purificato i nuovi virus, li hanno uccisi con sostanze chimiche e hanno iniettato i virus inattivati ​​negli esseri umani.

READ  Un'emergenza acuta negli ospedali sovraffollati del Suriname a causa della mancanza di ossigeno

Gli Stati Uniti hanno concesso in licenza il primo vaccino antinfluenzale commerciale nel 1945. Il virologo Wendell Stanley, vincitore del premio Nobel, dichiarò all’epoca che il vaccino avrebbe impedito all’influenza di diventare di nuovo “uno dei più grandi distruttori della vita umana”. Ma il vaccino non è stato all’altezza delle aspettative. L’influenza l’ha vinta con un’incredibile capacità di mutare.

perché è così difficile?

Come è successo? Durante l’influenza, le cellule del tratto respiratorio iniziano a copiare il genoma del virus, permettendogli di riprodursi. Il processo di trascrizione provoca molti errori genetici. A volte, queste mutazioni consentiranno al virus di sfuggire alla risposta immunitaria dell’organismo, stimolata dal vaccino. I virus dell’influenza hanno anche un altro percorso di rapida evoluzione. Quando due virus influenzali infettano la stessa cellula, possono produrre un ibrido genetico in grado di eludere meglio l’immunità indotta dal vaccino.

Questa insolita capacità di cambiare spiega anche perché più ceppi di influenza circolano in una stagione influenzale e nuovi ceppi predominano nell’anno successivo. I produttori di vaccini hanno risposto includendo fino a quattro diversi ceppi nelle loro formule annuali. Ma poiché la produzione di vaccini nelle uova di gallina è un processo lento, diversi mesi prima della stagione influenzale, gli scienziati devono scegliere quali ceppi utilizzare, il che spesso porta all’incompatibilità quando arriva già il morfovirus.

Tra il 2004 e il 2019, l’efficacia del vaccino antinfluenzale variava dal 60% al 10%. Tuttavia, anche questa modesta protezione si traduce in molti benefici, perché così tante persone si ammalano di influenza ogni anno. Oltre a ridurre la possibilità di contrarre un’infezione, il vaccino riduce anche la possibilità che le persone con l’influenza debbano andare in ospedale.

Ma se gli scienziati riuscissero a ideare vaccini antinfluenzali più potenti, potrebbero salvare migliaia di vite in più. Quindi la linea di fondo è che i vaccini antinfluenzali che abbiamo ora non sono abbastanza buoni.

1993: Un nuovo ciclo

All’inizio degli anni ’90, alcuni ricercatori hanno scelto un percorso completamente nuovo, realizzando vaccini antinfluenzali dall’mRNA. L’idea alla base di questa tecnica era radicalmente diversa dall’approccio pollo e uovo. In effetti, le nuove iniezioni trasformeranno le cellule delle persone in fabbriche di vaccini. Gli scienziati creano una molecola di mRNA con le istruzioni per produrre la proteina influenzale e poi consegnarla alle cellule. Queste cellule poi creano copie della proteina virale. Le cellule immunitarie rilevano proteine ​​estranee e reagiscono con una difesa contro il virus.

READ  Riscoprire un farmaco potrebbe debellare la malattia di Lyme

Nel 1993, un team di scienziati francesi ha condotto i primi esperimenti utilizzando un vaccino a mRNA contro l’influenza. I vaccini hanno mostrato risposte promettenti nei topi, ma sono ancora rudimentali. Per cominciare, le cellule animali a volte hanno risposto al vaccino mRNA distruggendole. Ci sono voluti più di due decenni di lavoro di laboratorio aggiuntivo affinché i vaccini mRNA fossero pronti per la sperimentazione umana.

Quando Moderna è stata fondata nel 2010 per commercializzare vaccini mRNA, l’influenza è stata una delle prime malattie trattate. La società ha iniziato con vaccini per due ceppi di influenza che di solito infettano gli uccelli, ma a volte anche gli esseri umani, i tipi di virus che possono portare a nuove pandemie.

risultati incoraggianti

I risultati del loro primo studio clinico, nel 2016, sono stati incoraggianti. I volontari hanno prodotto anticorpi contro i virus, ma hanno avuto anche effetti collaterali come febbre e affaticamento. I risultati hanno spinto Moderna a costruire un nuovo stabilimento a Norwood, nel Massachusetts, dove l’azienda avrebbe potuto produrre in serie mRNA per ulteriori studi clinici.

La società iniziò a sviluppare un nuovo vaccino antinfluenzale in quel periodo, questa volta per l’influenza stagionale piuttosto che per le pandemie. I ricercatori hanno lavorato per rendere meno gravi gli effetti collaterali del vaccino. Ma proprio come avevano sperato di iniziare una nuova sperimentazione sull’influenza all’inizio del 2020, gli scienziati hanno dovuto ritardare il piano. Dopotutto, in Cina si è diffuso un nuovo coronavirus.

L’anno successivo, Moderna ha realizzato e testato un vaccino contro l’mRNA di Covid a velocità record. E questo successo, come quello del suo principale concorrente, Pfizer-BioNTech, è notevolmente protettivo, con un tasso di efficienza di circa il 95%. Il successo dei vaccini mRNA ha portato enormi ritorni a entrambe le società. Il vaccino Pfizer-BioNTech sta per diventare il farmaco più venduto di tutti i tempi. Dall’inizio della pandemia, la capitalizzazione di mercato del nostro gestore è aumentata di 19 volte a circa 123 miliardi di dollari.

Tre vantaggi

Jean-François Toussaint, capo della ricerca e sviluppo di Sanofi Pasteur, che sta anche lavorando a un vaccino mRNA contro l’influenza, ha già avvertito che il successo dei vaccini mRNA contro il Covid non garantisce risultati simili all’influenza. Ma alcune ricerche suggeriscono che i vaccini a mRNA potrebbero essere più efficaci dei vaccini convenzionali. Negli studi sugli animali, i vaccini a mRNA sembrano fornire una difesa più ampia contro i virus dell’influenza. Stimolano il sistema immunitario degli animali a produrre anticorpi contro il virus e addestrano anche le cellule immunitarie ad attaccare le cellule infette.

READ  Un pipistrello rabbioso selvaggio è stato trovato allo zoo Henry Doorly di Omaha

Ma forse la cosa più importante per l’influenza: i vaccini mRNA possono essere prodotti rapidamente. La velocità di produzione dell’mRNA consente ai produttori di vaccini di attendere ancora qualche mese prima di scegliere quali ceppi influenzali utilizzare, il che potrebbe portare a una corrispondenza migliore.

Questa tecnologia rende anche più facile per i produttori di vaccini mRNA creare scatti compositi. Oltre alle molecole di mRNA per diversi ceppi di influenza, possono anche aggiungere molecole di mRNA per malattie respiratorie completamente diverse. Durante una presentazione agli investitori il 9 settembre, Moderna ha condiviso i risultati di un nuovo esperimento in cui i ricercatori hanno somministrato vaccini a topi che combinano l’mRNA di tre virus respiratori: l’influenza stagionale, il COVID-19 e un patogeno comune chiamato virus respiratorio sinciziale, o RSV. I topi hanno prodotto alti livelli di anticorpi contro tutti e tre i virus.

Perché ci vorrebbe ancora qualche anno?

Altri ricercatori hanno cercato un vaccino antinfluenzale universale in grado di proteggere le persone per anni combattendo un’ampia gamma di ceppi influenzali. Invece di un’iniezione annuale, le persone potrebbero aver bisogno solo di una dose di richiamo ogni pochi anni. Nella migliore delle ipotesi, un vaccino potrebbe funzionare per tutta la vita. All’Università della Pennsylvania, un team di ricercatori guidati da Norbert Bardi sta sviluppando vaccini mRNA che codificano per proteine ​​di virus influenzali raramente mutati. Gli esperimenti sugli animali indicano che questi vaccini possono rimanere efficaci di anno in anno.

Anche se i vaccini contro l’influenza a mRNA saranno all’altezza delle aspettative, probabilmente ci vorranno alcuni anni per ottenere l’approvazione. Le prove sui vaccini contro l’influenza a mRNA non otterranno il massiccio sostegno del governo che hanno ricevuto i vaccini COVID-19. Inoltre, i regolatori non permetteranno loro di ottenere rapidamente approvazioni di emergenza. Dopotutto, l’influenza stagionale non è una nuova minaccia e può già essere combattuta con vaccini approvati.

Quindi i produttori dovranno prendere la strada più lunga per ottenere la piena approvazione. Se i primi studi clinici andranno bene, i produttori di vaccini dovranno passare a studi su larga scala che potrebbero dover estendere più stagioni influenzali. Quindi ci vorrà del tempo prima che lo otteniamo.

(libbra)

Leggi anche: