QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

FMI: economia russa in condizioni migliori del previsto nonostante le sanzioni | Economia

Il Fondo Monetario Internazionale prevede che l’economia russa si contrarrà del 6% quest’anno. Quel numero è ben al di sotto della contrazione dell’8,5% che il Fondo Monetario Internazionale aveva previsto ad aprile.

“Si prevede che l’economia russa si contrarrà meno del previsto nel secondo trimestre e le esportazioni di petrolio e non petrolifere reggono meglio del previsto”, ha affermato il Fondo monetario internazionale nel suo rapporto. Inoltre, la domanda interna sta mostrando una certa resilienza a causa dell’allentamento dell’impatto delle sanzioni sul settore finanziario interno e di un mercato del lavoro più debole del previsto.

Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, l’Occidente ha imposto una serie di sanzioni alla Russia con l’obiettivo di isolare il Paese dal punto di vista finanziario ed economico.

Per il 2023, il FMI prevede un impatto sulla Russia maggiore di quanto previsto in precedenza. Si prevede una recessione del 3,5 per cento, mentre ad aprile c’era ancora una recessione del 2,3 per cento.

L’Europa paga

Il FMI conferma inoltre che gli effetti della guerra sulle principali economie europee sono più negativi del previsto. Ad esempio, le previsioni di crescita economica sono state riviste al ribasso per Germania (-0,9 punti percentuali all’1,2 per cento), Francia (-0,6 punti percentuali al 2,3 per cento) e Spagna (-0,8 punti percentuali al 4 per cento).
Gli effetti sono maggiori a causa dell'”aumento dei prezzi dell’energia, del calo della fiducia dei consumatori, del calo dell’attività nelle fabbriche a causa delle continue interruzioni nella catena di approvvigionamento e dell’aumento dei prezzi delle materie prime”, secondo il Fondo monetario internazionale.

READ  Netflix perde di nuovo abbonati, ma la condivisione va a fuoco perché il calo è meno grave del temuto | All'estero

Una moratoria completa sulle esportazioni di gas dalla Russia ridurrebbe significativamente la crescita nell’eurozona nel 2022 e nel 2023. I paesi europei saranno quindi costretti a razionare l’energia, il che potrebbe danneggiare settori industriali chiave.

Leggi anche: Il Fondo Monetario Internazionale è più negativo sulla crescita economica globale quest’anno e il prossimo