QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Foca vuole un assegno netto di 500 euro per le aziende per un salto nell’indice

Al fine di mantenere a galla le aziende il più possibile in questi tempi di alta inflazione, l’organizzazione dei datori di lavoro fiamminga Voka suggerisce di lavorare con un assegno netto una tantum di € 500. Ci dovrebbe essere un balzo del 3 percento nell’indice contro questo. “Chiediamo al governo: per favore, non aspettare che sia troppo tardi per agire”, ha affermato l’amministratore delegato Hans Mertens.

Arnott Gesels e Farid Mabrouk

Leggi anche. Ci sarà una recessione o no? Il mondo economico è ancora diviso

Foca ha sparato un colpo attraverso l’arco. Il governo federale rivisiterà l’inflazione alle stelle nelle prossime settimane. al 9 per cento, che è più alto che negli ultimi 40 anni. Ciò provoca mal di testa alla popolazione, poiché vede il proprio potere d’acquisto diminuire a un ritmo rapido. Questo preoccupa il mondo degli affari. Perché a causa dell’ancoraggio automatico in Belgio, i salari seguono l’inflazione. I datori di lavoro vedono il loro salario aumentare rapidamente. Nel 2022-2024 è uno sporco 15 percento. Pertanto, vedono che la loro competitività è inferiore rispetto ai loro concorrenti stranieri.

Quindi l’Organizzazione fiamminga dei datori di lavoro fa la sua proposta. I dipendenti ricevono un assegno una tantum dal datore di lavoro per un importo netto di € 500 per assorbire lo shock inflazionistico. Ciò corrisponde a un aumento del 3 percento nell’indice. L’idea è che il salto del puntatore sia più sociale. I percettori di reddito più bassi – quelli con un indice più basso di redditi più alti – ottengono un po’ di più. Redditi più alti – quelli che perderanno il loro potere d’acquisto meno – meno.

READ  Engi/Electrabel riceve sovvenzioni per centrali elettriche a gas a Vilford e Owers per sostituire le centrali nucleari | Notizia

Leggi anche. Governatore della Banca nazionale: “Il Belgio non ha più ammortizzatori per lo shock economico”

occhio storto

Ma questo è a breve termine. L’intervento dovrebbe essere una tantum, mentre l’indicizzazione continuerà a funzionare per sempre. Se ne salti uno, questa compensazione per l’aumento della durata della vita non verrà restituita. Le aziende non dovranno pagare 4,5 miliardi di euro di salari più elevati con la proposta. Questo è anche il motivo per cui i sindacati ei partiti di sinistra guarderanno con occhio di parte la proposta di Foca.

Il governatore della Banca nazionale Pierre Winch. © BELGA

“I costi salariali che vengono fatti deragliare causeranno vittime”, ha affermato l’amministratore delegato Hans Mertens. Le nostre aziende competono con le mani legate dietro la schiena. Un salto dell’indice è necessario se non vogliamo mettere a repentaglio la nostra prosperità futura”. Un sondaggio della sua organizzazione mostra che una grande azienda su sei sta già giocando con l’idea di stabilirsi altrove a causa degli alti salari nel nostro Paese .

dubbioso

La proposta di Foca ha anche esacerbato le contraddizioni per il governo di de Croo. Riceverà uno studio questa settimana dal gruppo di esperti che devono studiare l’escalation della crisi economica. Il governatore della Banca nazionale Pierre Winch spiegherà queste proposte questa settimana. È dubbio che lui e i suoi colleghi esperti vedranno molto spazio per ulteriori misure del potere d’acquisto.

Quando ha pubblicato le previsioni economiche della Banca nazionale, Wunsch ha già messo in guardia sulle finanze pubbliche. Se il governo non interviene, il deficit risalirà al 5% entro il 2024. Nel frattempo, il rapporto debito/PIL continua a salire. “Se c’è una recessione, non controlleremo più questa situazione”, dice davanti alle telecamere VRT. Non abbiamo i seguenti negozi di ammortizzatori. I politici dovrebbero smettere di dire alla gente che la politica può continuare a compensare tutto”.