QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Foto toccanti mostrano le sofferenze dei civili mutilati negli ospedali ucraini | Guerra tra Ucraina e Russia

“Gruzza testimonianza della brutalità di questa dannata guerra.” Così il fotoreporter spagnolo Emilio Morenati, vincitore del prestigioso Premio Pulitzer, definisce le toccanti fotografie scattate nelle ultime settimane in alcuni ospedali ucraini. Queste immagini mostrano civili sfigurati che hanno perso gli arti e hanno visto le loro vite distrutte in un secondo dalla violenza della guerra.

Morenatti sa di cosa sta parlando. Lui stesso ha perso la gamba sinistra nel 2009 mentre copriva la guerra in Afghanistan. “Non sono più interessato a seguire la guerra dal fronte, ma da dietro le linee del fronte. Tutto ciò che resta è una cruda testimonianza della ferocia di questa dannata guerra”.

Olena Vetter (45)

Era il 14 marzo quando le bombe sono piovute su Rozvagiev vicino a Kiev, il villaggio in cui Olena Vetter (45 anni) viveva con il marito Volodymyr e il figlio Ivan (14 anni). L’esplosione che le è costata la gamba sinistra ha strappato anche Evan dalla sua vita. E suo marito lo seppellì con un altro ragazzo e poi morì. Nel loro giardino perché i continui combattimenti impedivano loro di raggiungere il cimitero.

Olena e una ventina di altri sono rimasti feriti. Quando ha saputo che suo figlio era tra i cinque morti, ha pregato il suo vicino di prendere il suo fucile e spararle. Ma suo marito l’ha convinta a restare con lui perché non poteva vivere senza di lei.

Olena viene portata in sala operatoria per un’operazione alla gamba. © AP

Ora è addolorata non solo per suo figlio, ma anche per la perdita di una gamba, che le è stata amputata appena sotto il ginocchio. “Ogni giorno provo un nuovo tipo di dolore”, ha assistito. “Ancora non mi accetto come sono ora. Amavo ballare e fare sport. Non riesco a immaginare come sarebbe camminare di nuovo”.

Dipinge nel suo letto d'ospedale per passare il tempo.

Dipinge nel suo letto d’ospedale per passare il tempo. © AP

Yana (11) e Natasha (43) Stepanenko

Il cielo era di un blu acciaio il giorno in cui Natasha Stepanenko, 43 anni, e sua figlia Yana, 11 anni, sono state ferite in un attacco missilistico alla stazione di Kramatorsk. Insieme al fratello gemello di Yana, Yarik, l’8 aprile si sono recati nella città dell’Ucraina orientale per salire a bordo di un treno di evacuazione.

Yaric aspettava alla stazione con le valigie, mentre Yana e la madre uscivano di nuovo per comprare il tè. Natasha ricorda quanto tutto fosse buio e silenzioso. Cadde e non riuscì a raddrizzarsi. Quando si guardò intorno, vide sua figlia. I suoi pantaloni le cadevano dove avrebbero dovuto essere i suoi piedi. Il sangue era ovunque. “Mamma, sto morendo”, gridò disperata la ragazza.

Yana ha perso due gambe, una sopra la caviglia e l’altra sulla gamba. Natasha ha perso una gamba sotto il ginocchio. Jaric è rimasto illeso e ora sta guidando sua sorella in giro per l’ospedale su una sedia a rotelle. Vuole alzarsi dal letto il più velocemente possibile e guarda i suoi arti protesici per poter camminare di nuovo.

Jaric guida sua sorella in giro per l'ospedale.  Dietro mamma Natascia.

Jaric guida sua sorella in giro per l’ospedale. Dietro mamma Natascia. © AP

Yarick spinge Yana sull'altalena.

Yarick spinge Yana sull’altalena. © AP

Il dottore tiene Yana.

Il dottore tiene Yana. © AP

Yana è assistita da alcuni medici.

Yana è assistita da alcuni medici. © AP

Sasha Horokhevsky (38)

Alexander Sasha Horokhevsky è stato colpito da uno spawn da una delle sue truppe. Pensava di essere una spia dopo essere uscito da un rifugio antiaereo e aver scattato foto vicino alla sua casa nella città di Pobrovitsia, vicino a Chernihiv. È stato interrogato per un’ora e mezza prima di essere portato in un ospedale affollato.

Due settimane dopo, il 4 aprile, la sua gamba sinistra è stata amputata in un ospedale di Kiev. L’ha scoperto da solo solo quando si è svegliato dopo l’operazione. “Come osano farlo senza il mio permesso?” Sembrava. Non ricorda molto di quel periodo, a causa del dolore e dei farmaci. “Ma ho dormito molto.”

Un appassionato giocatore di ping pong è preoccupato se potrà fare sport o viaggiare di nuovo.

Sasha si sottopone a una terapia speculare per controllare il dolore fantasma alla gamba.

Sasha si sottopone a una terapia speculare per controllare il dolore fantasma alla gamba. © AP

AP

© AP

Nastya Kosik (21)

Elettricità e acqua erano fuori dal rifugio di Chernihiv dove Nastya Kozyk, 21 anni, si era rifugiata con i suoi genitori, il fratello e altre 120 persone per due o tre giorni. Lei e suo fratello decisero di andare a casa sua per un po’. Sulla via del ritorno ho sentito improvvisamente un sibilo. Si è messa subito a correre e si trovava a pochi metri dall’ingresso del rifugio quando è stata scaraventata a terra.

Anche se occasionalmente ha perso conoscenza, i medici hanno cercato di salvarle la gamba. Non funziona. La sua gamba destra ha dovuto essere amputata appena sotto il ginocchio. L’altra gamba era gravemente rotta. “Non avrei mai pensato che sarebbe successo a me”, sospirò. “Ma sto cercando di accettarlo. Cosa posso fare?”

All’inizio di maggio è stata trasferita in un centro di riabilitazione speciale a Lipsia, in Germania. Studiare lì è sempre stato il suo sogno. Non è così, ma ne sfrutta al massimo.

Nastya durante una dolorosa sessione di riabilitazione.

Nastya durante una dolorosa sessione di riabilitazione. © AP

Nastya si trasferisce in Germania.

Nastya si trasferisce in Germania. © AP

Anton Gladon (22)

Lydia Gladon non aveva avuto notizie da suo figlio di 22 anni, Anton, per tre settimane. Come medico militare, è andato al fronte nell’Ucraina orientale. Qualcuno ha persino pubblicato un post su Facebook di un’infermiera in un ospedale di Kharkiv. Anton Gladon era registrato lì. Qualcuno lo conosce?

E quando si riprese un po’, il giovane chiamò sua madre. Si ritiene che sia stato colpito da una bomba a grappolo quando la sua unità si è ritirata il 27 marzo. Ha perso le gambe e il braccio sinistro. Il suo braccio destro è stato ferito. Rimase in coma per diversi giorni. Quando si riprese, rise. “Come se tutto andasse bene. Pensavo che la cosa più importante fosse che fossi vivo”, sembrava.

Poi vennero gli orribili incubi e le allucinazioni. Fortunatamente, se ne è sbarazzato con l’aiuto di uno psicologo. Non vede l’ora di ricevere protesi degli arti e di poter camminare di nuovo. La sua carriera militare potrebbe essere finita, ma ora vuole studiare informatica.

I medici si prendono cura delle ferite di Anton.

I medici si prendono cura delle ferite di Anton. © AP

AP

© AP

Cosa sta facendo Putin con i prigionieri ucraini nell’acciaieria Azov?

READ  Putin è stato curato per un cancro avanzato ad aprile