QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Fotografo Reuters ucciso in Afghanistan – De Standard

Il danese Siddiqui, il fotografo indiano dell’agenzia di stampa Reuters, è stato ucciso venerdì in Afghanistan. Lì ha parlato del conflitto tra i servizi di sicurezza afgani ei talebani nei pressi di un punto di confine con il Pakistan.

Le forze afgane stavano cercando di riconquistare il distretto principale di Spin Boldak quando il mio amico e un alto ufficiale afghano sono stati uccisi in quella che hanno descritto come una “sparatoria talebana”. “Stiamo cercando urgentemente maggiori informazioni e consultazioni con le autorità sul campo”, ha affermato Michael Frydenberg, presidente di Reuters e caporedattore Alessandra Galloni.

All’inizio di questa settimana, il mio amico era un giornalista delle forze speciali afgane di stanza nella provincia meridionale di Kandahar. Stava parlando degli scontri tra commando afgani e talebani.

Occhio alle storie

Il mio amico una volta scrisse: “Il novanta percento della fotografia che ho imparato è venuto da esperienze sul campo”. Ha imparato di più sulla fotografia da autodidatta. I suoi amici e colleghi lo hanno descritto come un uomo che si preoccupava profondamente delle storie su cui lavorava. Il suo collega e vicino di casa Devgyot Ghoshal ha dichiarato: “Il suo ritratto più avvincente delle persone e l’isolamento dell’elemento umano erano”.

Nel 2018, lui e il suo team hanno ricevuto un “Premio Pulitzer per la fotografia di primo piano” per la loro documentazione della crisi dei rifugiati Rohingya in Myanmar. La giuria ha descritto la serie come “immagini scioccanti che hanno esposto il mondo alla violenza affrontata dai rifugiati Rohingya mentre fuggono dal Myanmar”.

Il danese Siddiqui lascia moglie e due figli

READ  La Nuova Zelanda manterrà le frontiere chiuse fino al prossimo anno | all'estero

33 giornalisti morti

33 giornalisti sono stati uccisi tra il 2018 e il 2021. Lo afferma un rapporto delle Nazioni Unite. Nove giornalisti sono stati uccisi in un attentato dinamitardo a Kabul il 30 aprile 2018. Lo stesso giorno, anche un traduttore della BBC è stato ucciso a Khost.

È stato il giorno più sanguinoso per i media afghani da quando i talebani sono stati rovesciati in una campagna guidata dagli Stati Uniti nel 2001. Quell’anno, i giornalisti australiani della Reuters Harry Burton e Azizullah Haidari, nato in Afghanistan, sono stati uccisi da uomini armati che hanno allontanato il loro convoglio dal Pakistan. confine con Kabul. Erano diretti a Kabul per denunciare la caduta del regime talebano.