QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Frutta e verdura non sono state caricate a causa dello sciopero dei camion in Italia

La lotta dei camionisti, iniziata lunedì 21 febbraio con blocchi arbitrari al carico/scarico merci in Sicilia e nella regione Puglia meridionale, si è estesa ad altre parti d’Italia. I primi effetti sulla distribuzione sono già mostrati. Il motivo dello sciopero è l’aumento dei prezzi del carburante, ma tutti gli altri costi stanno interessando il settore.

“Di solito in questo periodo dell’anno abbiamo 200 persone che lavorano nei campi e nei magazzini per raccogliere e lavorare fragole e agrumi, ma lo sciopero è costretto a mandare a casa il 70% del personale. ”, afferma Giuseppe Zuccarella della Cooperativa OP Zuccarella Società della provincia di Modera.

Giuseppe Zucarella

“Abbiamo una grande quantità di fragole e agrumi in celle frigorifere che avrebbero dovuto essere spedite a vari supermercati italiani all’inizio di questa settimana, ma avrebbero dovuto essere spedite principalmente all’estero, come Paesi Bassi, Germania e Francia. E non c’è frutta. Perché si tratta di merci deperibili.

“Fino allo scorso fine settimana mettiamo in commercio circa 10 tonnellate di fragole e 25 tonnellate di arance al giorno in Italia e in Europa. Ora siamo costretti a lasciare i frutti non raccolti fino alla ripresa del traffico. Se i giorni passano è ancora più difficile e lì c’è il rischio che i prezzi salgano”.

Lo sciopero dei vettori siciliani è stato definito da molti “selvaggio”, ma ora arrivano le prime voci sul sollevamento dello status quo. Martedì sera (22/02/2022) si diceva che frutta e verdura (e altri oggetti) potessero essere ricaricati. La Regione ha stanziato 10 milioni di euro a sostegno dei trafficanti stradali siciliani, il cui aumento dei costi è diventato insopportabile.

I rappresentanti del settore stimano un aumento del 30% del costo totale di carburante, tariffe e materie prime più costosi. Ad esempio, per attraversare lo Stretto di Messina è previsto un supplemento di 10 € al metro. Si tratta di un aumento registrato dalle compagnie di navigazione per gli autocarri con rimorchio poiché anch’esse dovranno fare i conti con l’aumento dei costi.

READ  Anche l'Italia è afflitta da una carenza di etichette

“Siamo stanchi di rispondere a tanti telefoni e di spiegare ai nostri clienti che i ritardi non dipendono da noi”, ha affermato Patricia Calabres della Cooperativa Fondeverte nella provincia siciliana di Ragusa.

“Questa protesta è assurda perché riguarda solo una parte del Paese, forse solo i più vulnerabili. L’unica conseguenza è che la nostra economia crollerà. Comprendiamo le frustrazioni e le intenzioni degli scioperanti perché anche noi. Gli agricoltori sono stati duramente colpiti l’aumento dei costi, ma il modo giusto per protestare Non solo, dobbiamo già lavorare sodo per essere sempre un partner affidabile per i nostri clienti, cosa non facile a causa dei ricorrenti eventi meteorologici estremi.

“La nostra missione non è solo fornire prodotti di qualità, ma anche servizio: consegne affidabili e tempestive. Il danno alla reputazione in questo settore è enorme. Molti dei nostri clienti in Italia e all’estero ora effettuano i loro ordini con fornitori di altre regioni. Il trasporto può essere organizzato – non possiamo – e possiamo rivolgerci ad altri agenti italiani o stranieri.

Giorgio Fucsia

“Per noi, il risultato di questo sciopero è che frutta e verdura aspettano di essere scaricate nei magazzini”, afferma Giorgio Pucia, il nuovo commissario prodotto al Victoria’s Wholesale Market in provincia di Ragusa.

“Non può esserci molto tempo nelle piante mature che non sono state ancora raccolte. Il danno è già enorme e anche maggiore. Migliaia di aziende siciliane vengono trascinate nel baratro. La resistenza riguarda solo le nostre aziende, perché la frutta e la verdura stanno arrivando in Italia da tutti i paesi possibili”.

Ernesto Fornari, regista di Afrodite

“Abbiamo 50 tonnellate di fragole in stock oggi a Basilicotta e non sappiamo quando verranno consegnate”, ha affermato Ernesto Fornari, direttore di Afrodite in Cecenia. “Lo sciopero sta colpendo aree chiave del sud del Paese, come Basilicotta, Puglia e Sicilia. Abbiamo grandi quantità di ortaggi a foglia in Sicilia. Esortiamo il governo ad agire immediatamente e con tempestività.

READ  Innogusto traduce i sapori italiani in ingredienti alimentari di origine vegetale

Le lotte dei trafficanti stradali stanno colpendo il Lazio, in particolare Fondi in provincia di Latina.

“Per diversi giorni un folto gruppo di autisti ha bloccato i cancelli del mercato all’ingrosso di Fondi”, ha detto il manager della società di logistica italiana. “Stanno protestando contro l’aumento dei prezzi di carburanti, tariffe, pneumatici ed energia. Nessuno può entrare o uscire dal mercato all’ingrosso, che ha un impatto negativo su imprese e aziende manifatturiere. La situazione si risolve facilmente chiedendo: altri 10 euro saranno basta.”

Autori: Vincenzo Iannuzziello, Gaetano Piccione, Cristiano Riciputi, Lorena L. Reale