QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gene dell’Asia meridionale legato a un rischio maggiore di Covid: studio britannico

Ricercatori nel Regno Unito riferiscono che tre persone su cinque di origine sud-asiatica sono portatrici di un gene legato a un raddoppio del rischio di insufficienza respiratoria da COVID-19.

Lo studio, condotto da ricercatori dell’Università di Oxford, ha affermato che la versione ad alto rischio del gene, “fattore di trascrizione della cerniera della lisina come 1” o LZTFL1, “può” impedire alle cellule che rivestono le vie aeree e i polmoni di rispondere correttamente al virus La genetica raddoppia il rischio di morte per Covid-19 negli adulti di età inferiore ai 65 anni.

“Ma, cosa ancora più importante, non influisce sul sistema immunitario, quindi i ricercatori si aspettano che le persone che portano questa versione del gene rispondano normalmente ai vaccini”, ha affermato Oxford in una dichiarazione sui risultati dello studio pubblicato giovedì.

“Sebbene non possiamo cambiare i nostri geni, i nostri risultati mostrano che le persone con geni ad alto rischio traggono particolare beneficio dalla vaccinazione. Poiché il segnale genetico colpisce i polmoni piuttosto che il sistema immunitario, ciò significa che l’aumento del rischio deve essere affrontato. Viene abolito da un vaccino”, afferma lo studio citato da James Davies, professore associato di genomica presso il Dipartimento di Medicina dell’Università di Oxford, Radcliffe.

Lo studio pubblicato su Nature Genetics (Identification of LZTFL1 as a candidate effector in the COVID-19 risk locus: Hughes et al) è uno studio di associazione a livello di genoma (GWAS) volto a identificare i geni candidati suscettibili di grave infezione da Covid-19. 19 Può causare il fallimento di molti organi attraverso il rilascio di citochine, ecc.

La principale scoperta del GWAS è stata che il 60% delle persone di origine sud-asiatica portava un segnale genetico ad alto rischio, rispetto al 15% di quelle di origine europea. Questo “spiega in parte i decessi aggiuntivi in ​​alcune comunità britanniche e l’impatto di COVID-19 sul subcontinente indiano”, afferma la nota.

READ  “I medici prescrivono antipsicotici pesanti per problemi di sonno” | L'interno

Lo studio ha anche scoperto che solo il 2% delle persone di origine afro-caraibica aveva un segnale genetico ad alto rischio, “il che significa che questo fattore genetico non spiega completamente i tassi di mortalità più elevati riportati per le minoranze nere ed etniche”.

Davis ha sottolineato che “è probabile che anche i fattori socioeconomici siano importanti nello spiegare perché alcune comunità sono particolarmente colpite dalla pandemia di COVID-19”.

“Il fattore genetico che abbiamo scoperto spiega perché alcune persone si ammalano gravemente in seguito Corona virus infezione. Il modo in cui il polmone risponde all’infezione sembra essere critico. Questo è importante perché la maggior parte dei trattamenti mira a cambiare il modo in cui il sistema immunitario risponde al virus.

Il co-leader dello studio Jim Hughes, professore di regolazione genica, ha dichiarato: “Il motivo per cui è così difficile da definire è che un segnale genetico precedentemente identificato colpisce la “materia oscura” nel genoma. Abbiamo scoperto che l’aumento del rischio non era dovuto a la differenza nella codifica del gene per la proteina, ma a causa della differenza nel DNA che fa l’interruttore per attivare il gene. È molto difficile rilevare quale gene è influenzato da questo tipo di effetto di commutazione indiretto”.