QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Giornata storica: oggi iniziano i negoziati con Ucraina e Moldova per l’adesione all’Unione Europea

Giornata storica: oggi iniziano i negoziati con Ucraina e Moldova per l’adesione all’Unione Europea

Il presidente Yanukovich ha dovuto lasciare il paese a causa della rivoluzione Maidan. Da allora, il presidente russo Putin considera illegittimo il regime ucraino. La Russia ha annesso la penisola di Crimea e ha fornito pieno sostegno ai separatisti filo-russi nell’Ucraina orientale.

Paesi come Francia e Germania hanno cercato di mantenere le relazioni parlando con Putin. La cancelliera tedesca Merkel elimina ogni speranza che l’Ucraina entri nell’Unione Europea. La Germania ha iniziato ad importare più gas dalla Russia. Il presidente francese Macron ha invitato Putin al Palazzo di Versailles nel 2017 per ripristinare le normali relazioni.

Gli Stati baltici e la Polonia hanno criticato questa posizione lassista (dal loro punto di vista). Non si fidavano nemmeno un po’ della Russia. L’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio 2022 ha dimostrato che la loro convinzione era corretta. Da allora, la posizione di quasi tutti i paesi è cambiata.

Il 16 giugno 2022, il cancelliere tedesco Schulz, il presidente francese Macron e (l’allora) primo ministro italiano Draghi si sono recati a Kiev con un messaggio: l’Ucraina deve essere riconosciuta come candidato a diventare uno Stato membro dell’Unione europea. Pochi giorni dopo, i 27 Stati membri hanno deciso di concedere questo status all’Ucraina.

Si tratta di sostegno morale ai soldati ucraini che rischiano la vita al fronte per difendere il sogno europeo dell’Ucraina. Ci sono anche considerazioni geopolitiche in gioco. Un’Ucraina europea è migliore per la sicurezza dell’UE rispetto a un paese confinante con la Polonia e diretto da Mosca.

La prospettiva di adesione all’Unione europea obbliga l’Ucraina a combattere la corruzione e gli oligarchi, e questo è anche nell’interesse dell’Unione europea. Questo è anche il motivo per cui il processo di allargamento per includere gli stati membri nominati dei Balcani occidentali è ancora una volta in cima all’agenda europea: rafforzare la stabilità nella regione che circonda l’UE e ridurre l’ingerenza russa e cinese.

READ  Il Dalai Lama in abito lucido