QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Giro de Italia: Egan Bernal vince assoluto, Filippo Cana …

Filippo Kanna (INEOS-Grenadiers) ha vinto la prova finale da Seneca a Milano. Timothy Egan Bernal è stato in grado di iniziare la gara con un enorme vantaggio contro il tempo, che si è rivelato sufficiente per vincere il 104esimo giro d’Italia.

Il campione del mondo di test Filippo Khanna oggi insegue la sua quinta vittoria consecutiva nei test dopo le sue tre vittorie nel 2020 e il suo successo nei test di apertura a Torino. INEOS-Grenadiers Italian migliora il record di quattro vittorie di Francesco Moser nel 1994-1985.

Sentiero

Il corso di oggi potrebbe essere stato piatto come una torta, ma una qualità di compressione è garantita per i favoriti del test una tantum nell’ultimo giorno del Grand Tour. Dalla piattaforma di partenza, prima di dirigersi verso Cascina Patiloka, si correva ovviamente leggermente verso ovest, dove si è registrato il primo tempo di intervallo dopo 9,2 km. Quindi il prossimo posto intermedio era a dieci chilometri di distanza.

Ovviamente c’erano ancora alcune curve nella prima metà della prova cronometrata, ma i Raiders hanno dovuto ancorarsi solo poche volte dopo il secondo punto intermedio. È diventato un crono test principalmente per uomini con una forza ruvida nelle gambe. I Pure Climbers in realtà perderanno molto tempo, ma Bernal non ha nulla da temere due minuti prima del suo attacco più vicino d’attacco Damiano Caruso. Questo è stato sufficiente per raggiungere il suo successo complessivo in questo Zero.

Al primo centrocampo, lo spagnolo Albert Torres (Movistar) era in testa. Era dieci secondi più veloce di Ricardo Minali dopo 9,2 chilometri. Pochi minuti dopo ha fatto segnare il primo tempo dopo 9,2 km, come previsto, sul fronte austriaco Matthias (10’43”). Ma il tedesco Max Walsheid all’epoca non era inferiore a tredici secondi.

READ  Controversia sull'aceto tra Italia e Slovenia: chi può chiamare il loro prodotto "Aceto Balsamico"?

Peter Sagan Wind Cycleman Jersey

Peter Sagan (Bora-Hansciro) doveva essere sincero oggi per diventare il vincitore assoluto nella categoria a punti, e fortunatamente lo ha fatto. Lo slovacco è stato autorizzato a portare a casa la prima maglia a pois viola o Maglia Ciclamino della sua vita.

Gomma a terra all’occhio

Il primo tempo obiettivo per il traguardo è stato per Maggie Potner. Il palo ha fatto segnare un tempo di 34’43” sul tavolo lì. Inoltre Chrono non durò a lungo. Il tedesco Max Walsheid ha estromesso Botner dalla presidenza con il tempo di 34’21”. Ma presto finirà anche la sua canzone. La cronometro Filippo Kanna ha avuto qualche sfortuna all’inizio perché ha avuto una foratura davanti a sé a circa un chilometro dalla fine. Fortunatamente, gli italiani sono stati in grado di lanciare rapidamente una nuova bici l’ultimo pezzo come un treno a vapore. Il collaudato campione del mondo alla fine ha concluso con una velocità massima di 53,8 km / h in circa 30 km / h. Nonostante la gomma a terra, Filippo Khanna ha mormorato ben 33 secondi (33’48”) del tempo di Walsheid.

Cavagna a terra, la squadra blocca la macchina

Eto’o Affini, un italiano, era a conoscenza del guasto meccanico di Kanna e aveva il cuore a mille. Aveva meno di dodici secondi per far cadere Kanna dal trono. Una delle più grandi sfide di Kanna, Remy Kawagna, è caduto a 500 metri dal traguardo. Si asciugò velocemente i piedi, ma purtroppo la prima volta aveva già cominciato a volare. Cavagna ha valutato male un’intera curva nell’ultimo chilometro ed è andato dritto negli ostacoli schiaccianti. Il francese è riuscito a frenare la caduta, ma ha perso più di dodici secondi. Kawagna era indietro di dodici secondi alla fine. Doveva accontentarsi del secondo posto.

READ  Cofinimo investe 40.340 milioni in centri di assistenza residenziale spagnoli e italiani - Immo

Gli incidenti hanno continuato ad accumularsi durante questo periodo di indagine. L’italiano Matteo Sopro sembrava essere sulla seconda pista veloce. Ma in una curva, il team Crubama-FDJ ha dovuto stringere i freni perché Carroll Chopro era l’ostacolo. Il pilota dell’Astana bussò con rabbia alla portiera dell’auto. Alla fine, Chopro ha segnato il quarto tempo, quattordici secondi dietro. Due secondi più lento di Kawagna, secondo nella classifica di giornata.

Keys è il miglior Belgio

Iljo Kayes è in realtà al decimo posto tra i migliori investigatori del tempo. Con ciò si comporta meglio di Botner e Brundle. Keys è partito un minuto prima del Kana preferito del nostro compagno dopo dieci chilometri. Quando Kanna è stato messo da parte in finale, Kayes lo ha superato di nuovo. Alla fine, Keiz ha dovuto portare il Ghana in vantaggio in 47 secondi.

Ritzlock:

1. Filippo Khanna (INEOS Granatieri) 33:48

2. Rami Kawagna (Disunazione – Passaggio rapido) +12

3. Eterdo Afini (Jumbo – Wisma) +13

4. Matteo Chopro (Astana – Premier Tech) +14

5. Jono Almeida (Disunazione – Passaggio rapido) +27

6. Max Walseid (Squadra Quebec – Asos) +33

7. Alberto Pettiole (EF Education – Nippo) +34

8. John Trotnik (Vittorio del Bahrein) +42

9. Gianni Moskan (INEOS Granatieri) +44

10. Chiavi Iljo (Disunazione – Passaggio rapido) +47