QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Glenys Grace racconta la sua storia sette mesi dopo l’incidente di Jumbo e si dichiara colpevole: ‘uno schiaffo’ | Gente famosa

Gente famosaGlenys Grace sentiva di essere “la donna più odiata dei Paesi Bassi” dopo essere stata screditata lo scorso febbraio da un argomento che era andato fuori controllo. La cantante ha visto per la prima volta la sua storia sul tavolo in “Jinek” martedì sera e ha parzialmente ammesso la colpa, come è stata vista da 859.000 spettatori. “Gli ho dato un pugno in faccia”.

Glenda Bata, come in realtà viene chiamata Glenys Grace, è stata arrestata all’inizio di quest’anno con suo figlio di 15 anni e un amico di famiglia in un supermercato jumbo sulla Westerstrasse ad Amsterdam. Si dice che il figlio sia stato violentemente espulso dal negozio all’inizio della serata dopo aver tirato fuori una sigaretta elettronica all’interno, che è sotto il divieto di fumo.

Glennis è tornato al supermercato più tardi la sera con un gruppo di conoscenti per rivolgersi al personale interessato. Ne seguì una rissa. Si è scusata per l’incidente all’inizio di aprile.

La cantante ha detto al programma televisivo “Jink”, martedì sera, che non si aspettava che questo incidente “attirasse molti media”. “Questo è un giorno importante per me. Anche emozionante”, ha detto del suo arrivo al talk show di RTL 4. “Prima di tutto, non sono qui per essere io stessa la vittima. E in secondo luogo, per esprimere ancora una volta le mie scuse a tutte le vittime”.


confronto

Il cantante ha anche voluto chiarire alcune cose. Molte bugie sono state raccontate dai media. Non sono qui per divertirmi, ma per chiarire le cose.” Il cantante trova conflittuale che l’incidente abbia ricevuto così tanta attenzione. “È diventato una cosa importante grazie al mio nome. Non merito davvero un premio di bellezza, ma è diventato così grande che mi è stato detto qualcosa di me ogni giorno in TV. “Una volta si è sentita come “la donna più odiata dei Paesi Bassi”.


citazioni

Mi è dispiaciuto vedere il mio bambino così e non sapevo bene cosa fare

Gleny Grace

La cantante ha iniziato la sua storia sull’incidente lo scorso febbraio: “Nel momento in cui (il figlio di Glinis) è tornato a casa, il suo viso era coperto di sangue”. “Tutto quello che ho visto è stata la faccia insanguinata e graffiata del mio bambino. Per me, come madre, questo passa attraverso il midollo e le ossa. Ero sotto shock, cosa è successo qui? “Suo figlio ha detto di aver fumato una sigaretta elettronica all’uscita Jumbo e è stato punito dal personale. Glenys Grace all’epoca non sapeva di aver fumato tutto il tempo nel negozio.

Mai litigare con nessuno

“Ho cercato di mantenere la calma. Ero triste di vedere mia figlia così e non sapevo davvero cosa fare. Alla fine ho deciso di andare a Jumbo con altre tre persone. Quindi la cantante si è rivolta alla persona che presumibilmente l’ha spinta. figlio. Quando questo dipendente ha riso, secondo Glennis, ha “perso conoscenza”. “Poi gli ho dato un pugno in faccia”.

Guarda un estratto, leggi sotto:



Poi è scoppiata una lite al supermercato, a cui Glennis ha detto di non aver preso parte. “Non ho combattuto contro nessuno, ho solo spinto quel dipendente. Sono davvero sfuggito di mano. Non era affatto intenzione di farlo. “

Glinis comparirà in tribunale il 26 ottobre ad Amsterdam. La Procura della Repubblica sospettava che avesse ricevuto minacce, violenza aperta e aggressione premeditata. Se alla fine si scopre che Glennis viene punito, lei lo “accetta”. “crede”.

Jumbo è stato precedentemente chiamato dai redattori di “Jinek” per dire a Glennis che si sarebbe unito alla trasmissione, secondo i redattori. Il supermercato ha rifiutato di commentare l’incidente.

Leggi anche:

Glenys Grace si rammarica della lotta al supermercato: “Avrei dovuto saperlo meglio”

Glenys Grace è anche sospettata di essere una minaccia oltre all’aggressione

Il cantante Glenys Grace e suo figlio di 15 anni sono stati arrestati dopo una rissa in un supermercato di Amsterdam