QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli adolescenti fiamminghi vengono vaccinati in massa: più di due terzi dei bambini tra i 12 ei 17 anni hanno già ricevuto la prima vaccinazione | Notizie su Instagram VTM

Il 66,87 per cento dei giovani fiamminghi di età compresa tra 12 e 17 anni è già stato vaccinato contro il coronavirus almeno la prima volta. In totale, questo riguarda già più di 294.000 adolescenti di età inferiore ai 18 anni. Il ministro della Sanità fiammingo Wouter Beck (CD&V) parla di un enorme successo. Se tutti ottengono anche il secondo colpo, esattamente lo stesso numero di adolescenti potrà iniziare il nuovo anno scolastico il 1° settembre dopo essere stato completamente vaccinato.




La vaccinazione dei bambini di età compresa tra 16 e 17 anni è stata approvata dai ministri della salute all’inizio di giugno e le prime chiamate sono partite due settimane dopo. A metà luglio, dopo il via libera del Consiglio Supremo della Sanità, sono iniziati gli inviti per i ragazzi dai 12 ai 15 anni. Da allora, il tasso di vaccinazione tra gli adolescenti è aumentato rapidamente.

I minori seguono altre fasce di età con un’elevata suscettibilità alla vaccinazione: in ogni altro gruppo, almeno l’80% è ormai vaccinato, dai 18 ai 24 anni con l’81,6% ai 75-84 anni con oltre il 96%.

L’obiettivo è invitare alla vaccinazione tutti coloro che hanno almeno 12 anni o che compiranno 12 anni prima del 31 agosto, ed è successo un po’ ovunque. Al momento, i giovani ricevono solo il vaccino Pfizer e l’intervallo tra le due iniezioni è stato ridotto a tre settimane appositamente per loro. In questo modo, quanti più giovani possibile dovrebbero poter tornare a scuola in piena protezione il 1° settembre.

L’intervallo più breve significa che coloro che sono stati vaccinati fino ad oggi e fino ad oggi saranno completamente vaccinati in linea di principio poco prima dell’anno scolastico, poiché le vacanze estive durano ancora tre settimane.

Ad oggi solo il 12,5% dei minori è stato completamente vaccinato. Tuttavia, solo in questa settimana, nelle Fiandre sono previste 238.000 seconde iniezioni, la maggior parte delle quali per adolescenti. Pertanto, anche la copertura vaccinale completa aumenterà notevolmente nelle prossime settimane. In linea di principio, la protezione completa si applica solo due settimane dopo la seconda iniezione.

‘Un grande atto di solidarietà’

Il ministro della Sanità fiammingo Wouter Beck (CD&V) si è detto molto soddisfatto dell’alto numero di giovani. I sintomi della malattia per questa fascia di età possono essere limitati in caso di infezione, ma lo fanno per proteggere i loro genitori, nonni e amici, il che è un grande atto di solidarietà secondo me. I nostri giovani non solo si sono impegnati molto per rispettare le misure, ma ora stanno anche dando un serio contributo al raggiungimento della massima copertura vaccinale possibile. Sono molto grato a loro per questo.”

Vallonia e Bruxelles

Anche gli adolescenti stanno bene in Vallonia: poco meno del 50 per cento è ora almeno parzialmente vaccinato. Bruxelles, d’altro canto, sembra avviarsi verso un plateau a solo il 18 per cento. Con il 37,6 percento, il tasso di vaccinazione per i giovani di 18-24 anni è anche meno della metà di quello delle Fiandre (81,6 percento).


Con adulti nelle Fiandre La soglia del 90% per la copertura vaccinale parziale è già stata raggiunta lunedì. L’83,8% era completamente vaccinato. Della popolazione totale, il 77,3 per cento della popolazione è stato parzialmente vaccinato e il 68,4 per cento completamente immunizzato.


Ulteriori numeri di vaccinazione sono disponibili su hln.be/vaccinatieteller