QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli attacchi aerei turchi in Siria uccidono almeno 31 persone

Il ministero della Difesa turco ha dichiarato che la Turchia ha “distrutto” 89 obiettivi curdi nel nord della Siria e nel nord dell’Iraq, da sabato a domenica. Almeno 31 persone sono state uccise nella sola Siria, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani.

Una settimana dopo Esplosione mortale Nel centro di Istanbul, uccidendo sei persone e ferendone più di altre 80, la Turchia ha reagito. Secondo il regime turco, l’esplosione è stata un attacco del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) e delle Unità di protezione del popolo curdo siriano (YPG), che non può continuare senza una risposta. Il presidente Recep Tayyip Erdogan ha parlato di “attacco alla schienaTuttavia, le due organizzazioni negano ogni responsabilità per l’esplosione.

Nella notte tra sabato e domenica, la Turchia ha effettuato una serie di attacchi aerei nel nord della Siria e nel nord dell’Iraq. Il ministro della Difesa turco Hulusi Akar ha affermato che “l’operazione Sword Claw” è stata una rappresaglia per quanto accaduto una settimana fa. Mentre gli aerei decollavano, ha twittato che “l’ora della resa dei conti è arrivata”.

neutralizzare i terroristi

Il ministero ha dichiarato domenica ad Ankara che almeno 89 obiettivi curdi sono stati distrutti e che un gran numero di terroristi è stato neutralizzato. Ha sganciato bombe su quelle che la Turchia chiama “basi curde” che sono state “usate per compiere attacchi contro la Turchia”. In una dichiarazione, Akar ha affermato che sono state prese tutte le misure necessarie per prevenire danni a persone innocenti e all’ambiente, aggiungendo che “solo i terroristi e le strutture terroristiche sono stati presi di mira”. Ancora una volta, gli artigli delle nostre forze armate turche erano alla periferia dei terroristi”. Dopo gli attacchi, tutti gli aerei sono tornati alle loro basi.

READ  Il caso "orribile" che Peter R. De Vries per la discussione su RTL Boulevard: 14 anni in prigione ha affermato di aver ucciso un parrucchiere la cui figlia era sul sedile posteriore | Si chiamava Peter R

Tuttavia, secondo un portavoce curdo siriano, sono stati colpiti due villaggi con civili innocenti, così come la città di Kobani.

L’Osservatorio siriano per i diritti umani, un’organizzazione non governativa con sede in Gran Bretagna con una vasta rete di fonti in Siria, ha riferito che “almeno 31 morti e circa 40 feriti”. Secondo l’ONG, 25 attacchi hanno avuto luogo contro posizioni curde in aree separate della Siria settentrionale. E nel nord dell’Iraq, la Turchia ha annunciato di aver preso di mira Qandil, Asus, Hakurk e i siti siriani di Tal Rifaat, Kobani, Al-Jazeera e Al-Malikjah.

Non è chiaro quali obiettivi siano stati bombardati in Iraq.

Autonomia curda

Dall’esplosione di Istanbul, la polizia turca ha arrestato decine di persone, tra cui una donna siriana. Si sospetta che abbia posizionato la bomba vicino a una panchina su cui doveva sedersi per quaranta minuti prima. Secondo Agence France-Presse, cinque persone sono state accusate in Bulgaria per l’attacco.

L’attacco è stato il più mortale in cinque anni di relativo “silenzio” sulla scia di un’ondata mortale di attentati in Turchia tra il 2015 e il 2017, attribuiti a militanti curdi e jihadisti dello Stato islamico. La Turchia ha ormai lasciato indietro dozzine di persone barre.

I curdi combattono da decenni per l’autonomia curda nel sud-est della Turchia. Negli ultimi anni, la Turchia ha condotto diverse operazioni contro siti di stoccaggio o assemblaggio curdi nel nord dell’Iraq e in Siria.