QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli esperti di asteroidi della NASA creano un ipotetico scenario di impatto per l’esercitazione

Gli esperti di asteroidi della NASA creano un ipotetico scenario di impatto per l’esercitazione

Gli esperti di asteroidi della NASA creano un ipotetico scenario di impatto per l’esercitazione

Voto dell’utente: 5 / 5

È molto improbabile che un grande asteroide entri in collisione con la Terra nel prossimo futuro. Ma poiché il danno derivante da un simile evento potrebbe essere così diffuso, la NASA ospita ogni due anni esercitazioni virtuali con esperti e decisori di agenzie federali e internazionali per affrontare le numerose incertezze legate allo scenario di impatto. L’ultima esercitazione è stata condotta lo scorso aprile e un primo rapporto è stato pubblicato il 20 giugno.

Rendere uno scenario del genere realistico e vantaggioso per tutti i soggetti coinvolti non è un compito semplice. Gli scienziati del Center for Near-Earth Object Studies (CNEOS) del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California, specializzato nel tracciare e determinare le orbite di asteroidi e comete e nello scoprire se rappresentano una minaccia per la Terra, hanno svolto un ruolo importante nello Questo. Questi esercizi sono stati progettati a partire dal primo esercizio 11 anni fa. “Questi scenari ipotetici sono complessi e richiedono molto impegno per essere progettati, quindi il nostro obiettivo è renderli utili e stimolanti per i partecipanti all’esercizio e i decisori per migliorare i loro processi e procedure per arrivare rapidamente a un piano d’azione, affrontando contemporaneamente le lacune di conoscenza in la comunità”, ha affermato Paul Chodas del JPL e direttore del CNEOS.

Scenario di impatto

Lo scenario di quest’anno: scoperta di un ipotetico asteroide, di diverse centinaia di metri di diametro, con una probabilità del 72% di colpire la Terra entro 14 anni. I possibili siti di impatto includono aree densamente popolate del Nord America, dell’Europa meridionale e del Nord Africa, ma c’è ancora una probabilità del 28% che l’asteroide manchi la Terra. Dopo averlo seguito per diversi mesi, l’asteroide è passato troppo vicino al Sole, rendendo impossibili ulteriori osservazioni per altri sette mesi. I decisori devono sapere cosa fare.

READ  Microsoft vuole raddoppiare i propri sforzi nella divisione giochi Xbox

Questa esercitazione è stata condotta dall’Ufficio di coordinamento della difesa planetaria (PDCO) della NASA, dalla direzione di risposta della FEMA e dall’Ufficio per gli affari spaziali del Dipartimento di Stato. Nel corso di due giorni in aprile, i partecipanti si sono riuniti presso il Johns Hopkins Applied Physics Laboratory a Laurel, nel Maryland, dove si è tenuto l’evento, per considerare le potenziali risposte nazionali e globali a questo scenario. “Si è trattato di un’esercitazione di grande successo, con quasi 100 partecipanti provenienti da agenzie governative statunitensi e, per la prima volta, esperti internazionali in difesa planetaria”, ha affermato Terek Daly dell’APL, che ha coordinato l’esercitazione. “L’impatto dell’asteroide avrà gravi conseguenze a livello nazionale e internazionale, quindi se questo scenario si verifica effettivamente, abbiamo bisogno della cooperazione internazionale”.

La realtà informa la finzione

Nella vita reale, CNEOS calcola l’orbita di ogni oggetto vicino alla Terra conosciuto per valutare i potenziali rischi di collisioni futuri a sostegno del programma di difesa planetaria della NASA. Per rendere realistico questo scenario, il team del CNEOS ha simulato tutte le osservazioni nei mesi precedenti l’esercizio e ha utilizzato calcoli di pathfinding per simulare la probabilità di una collisione. “A questo punto, l’impatto era probabile ma incerto, e c’erano significative incertezze sulla dimensione dell’oggetto e sulla posizione dell’impatto”, ha detto Davide Farnocchia, ingegnere di navigazione al JPL e al CNEOS, che ha progettato l’orbita del pianeta. asteroide. “È stato interessante vedere come ciò abbia influenzato le scelte dei decisori e come la comunità internazionale avrebbe risposto a una minaccia reale 14 anni fa”.

Opzioni per la deflessione

La preparazione, la pianificazione e il processo decisionale sono stati gli obiettivi principali di tutti e cinque gli esercizi negli ultimi 11 anni. Ad esempio, si potrebbe inviare una navicella spaziale da esplorazione sull’asteroide per raccogliere ulteriori dati sulla sua orbita e determinarne meglio le dimensioni e la massa? Sarebbe anche possibile provare a deviare l’asteroide in modo che non manchi la Terra? La fattibilità di questo metodo è stata recentemente dimostrata dal Double Asteroid Redirection Test (DART) della NASA, che si è scontrato con la luna dell’asteroide Demorphos il 26 settembre 2022, cambiando leggermente la sua orbita. Durante gli esercizi sono state prese in considerazione anche altre distrazioni.

READ  Recensione di OnePlus 10 Pro - Conclusione

Ma qualsiasi missione di deviazione o esplorazione richiederebbe molti anni di preparazione e richiederebbe l’uso di osservatori avanzati in grado di rilevare asteroidi pericolosi il prima possibile. Il Near-Earth Object Surveyor della NASA, o Near-Earth Object Surveyor, è uno di questi osservatori. Il telescopio spaziale a infrarossi, gestito dal JPL e il cui lancio è previsto per la fine del 2027, rileverà sia gli asteroidi chiari che quelli scuri, compresi quelli in orbita vicino al sole. In tal modo, NEO Surveyor supporta gli obiettivi di PDCO di rilevare asteroidi pericolosi il prima possibile, concedendo più tempo per lanciare una missione diversiva verso potenziali minacce.

fonte: NASA