QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli esperti sollecitano spostamento nel finanziamento del partito | interno

I quattro esperti indipendenti nominati dal Parlamento per valutare il finanziamento dei partiti nel nostro Paese raccomandano una riforma globale delle regole attuali. È quanto emerge dal rapporto pubblicato giovedì.

Molto è stato detto e scritto sul finanziamento dei partiti negli ultimi anni. Ad esempio, recentemente ci sono state richieste di eliminare l’indice di aggiunta alle parti, ora che l’inflazione è a livelli record.

Il governo federale di Vivaldi ha incluso una riforma finanziaria del partito nel suo accordo di coalizione, ma il Parlamento ha portato non più di un taglio dell’1,11 per cento alla moratoria alla fine dello scorso anno. Tuttavia, questo salvataggio è stato completamente annullato dalla modifica dell’indice.

Il Parlamento ha nominato quattro esperti indipendenti per indagare a fondo sul sistema. Per la parte di lingua olandese, si tratta di Günter Vanden Inde dell’Istituto statale (KU Leuven) e del professore di diritto costituzionale e amministrativo Hermann Matisse (UGent e VUB).

Importo massimo della donazione

Da allora questo rapporto è stato pubblicato e contiene le basi per una “riscrittura completa” della legge sul finanziamento dei partiti e delle campagne elettorali. Concretamente, gli esperti raccomandano di fissare annualmente l’importo forfettario massimo della sovvenzione, per poi ripartire tale importo tra i partiti attraverso una formula di ripartizione, in parte sulla base di una somma forfettaria e in parte sulla base dei risultati elettorali. In questo caso, le parti stesse dovranno raccogliere almeno il 10 per cento del loro budget totale attraverso, tra l’altro, contributi associativi, doni o contributi di rappresentanti. Un limite verrà quindi applicato a tali contributi. Alle parti sarà assegnata anche una parte del budget di funzionamento per i servizi di studio, in modo che ciascuna parte abbia “un minimo di risorse a disposizione per il lavoro sostanziale”.

READ  Crypto.com nega il furto di 15 milioni di dollari in criptovaluta dopo un "incidente" - Computer - Notizie

Separazione

Inoltre, gli esperti chiedono la separazione delle fazioni nei parlamenti e del partito stesso. Le risorse messe a disposizione dal Parlamento non sono utilizzate per attività di parte, ma sostengono i membri del Parlamento. Questo dovrebbe rafforzare il parlamento e indebolire la partecipazione, a quanto pare.

Gli esperti hanno basato le loro raccomandazioni, tra l’altro, sulla legislazione di altri paesi europei e su un regolamento europeo redatto nel 2014. Il deputato verde Kristof Calvo è convinto che ora ci sia una base per una revisione del finanziamento dei partiti. “Ha un disperato bisogno di una riforma. Inoltre, questo dibattito non andrà via, quindi faremmo meglio a seguirlo”.

Calvo comprende che si tratta di un fascicolo delicato, ma afferma che è possibile avviare una nuova struttura per il finanziamento dei partiti dopo le elezioni del 2024. “Spero che ogni partito dia questa opportunità”.