QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli estremisti intensificano le critiche all’esercito dopo il ritiro di Kherson

I sostenitori russi della guerra durante il fine settimana hanno espresso le loro più forti critiche ai militari in Ucraina, dopo l’umiliante ritiro delle forze russe dalla città di Kherson, nel sud dell’Ucraina. Il torrente di accuse di domenica ha posto fine alla proibita condanna dello stesso presidente Vladimir Putin e del governo russo.

Neil Mac Farquhar

Alexander Dugin – il teorico di destra il cui concetto di “mondo russo” ha contribuito a ispirare la guerra – ha scritto online che il compito principale di un leader autoritario è proteggere le persone e i paesi sotto il suo controllo. “Le autorità in Russia non possono più determinare nient’altro”, ha scritto Dugin. “Il limite è stato raggiunto”.

Non era solo. Altri post sui social media hanno messo in dubbio la validità del referendum di settembre a Kherson, quando la Russia ha votato a stragrande maggioranza per aderire a quel paese. I risultati del referendum si sono rivelati in netto contrasto con la folla esultante che venerdì ha accolto i soldati ucraini come liberatori.

La fazione del Partito Comunista della Duma, il parlamento russo, ha proposto di chiedere al ministero della Difesa di spiegare l’ordine di ritiro da Kherson. Tuttavia, questo partito sfida raramente il Cremlino. La fazione al potere di Putin, Russia Unita, ha silurato questa proposta.

Alcuni analisti hanno fatto notare che lo sfogo di critiche fa pensare che Putin non sia riuscito a prendere le distanze dalle frequenti battute d’arresto della guerra, ma non è ancora un vero peso.

Sicuramente sta peggiorando per Putin, ma è difficile dire fino a che punto. “Perché ha attraversato molti confini e tuttavia è riuscito a mantenere il controllo sulla sua cerchia ristretta e su coloro che contano per lui”, ha detto Maxim Trudolyubov, un ex analista politico e giornalista di giornali che ora è in esilio. “Finora sono riusciti a limitare i danni”.

READ  Boris Johnson dovrebbe andarsene se infrange le regole

Alexander Dugin, un ultranazionalista russo, durante una messa a Mosca per la figlia, morta in un attentato con un’autobomba ad agosto.foto AFP

Alti funzionari russi e media statali hanno ritenuto che il ritiro di Kherson fosse una misura tattica temporanea e che l’annessione della regione da parte della Russia – che l’Ucraina e l’Occidente hanno condannato come illegale – rimane in vigore.

La critica più aspra ai militari viene dagli account sui social media legati al Gruppo Wagner, un esercito di mercenari il cui fondatore Yevgeny Prigozhin ha criticato i generali. Quindi i militari tendono a respingere le critiche come un tentativo di metterle in cattiva luce. Wagner generalmente sostiene una maggiore violenza in risposta alle battute d’arresto.

La perdita del controllo di Kherson, l’unica capitale regionale occupata dalle forze russe dall’invasione di febbraio, ha apparentemente fatto il danno.

Il post di Dugin sul sito web della rete televisiva Tsargrad, che è di proprietà di un magnate dei media di destra che cerca di reintrodurre lo zar, rileva che il Cremlino sta fallendo perché si basa più su buone relazioni pubbliche che su un genuino impegno per il “pensiero russo “. .

Il post non menzionava direttamente Putin, ma si riferiva allo studio di miti e religioni. Discute la storia africana dei re della pioggia. Sono stati uccisi perché non sono riusciti a far piovere durante la siccità. Dugin ha poi scritto nel suo profilo VKontakte, l’alternativa russa a Facebook, che gli analisti occidentali lo hanno erroneamente descritto come anti-Putin.

La figlia di Dugin, ultranazionalista e sostenitrice delle sue opinioni, è stata uccisa in un attentato con un’autobomba in un ricco sobborgo di Mosca ad agosto. La Russia ha incolpato l’Ucraina per l’attacco e i funzionari dell’intelligence statunitense hanno affermato di ritenere che parte del governo ucraino avesse approvato l’attentato.

Veicoli militari distrutti a Kherson.  foto AFP

Veicoli militari distrutti a Kherson.foto AFP

Coloro che mettono in dubbio ciò che il Cremlino chiama “la mossa di Cherson” hanno attirato critiche sia per la storia che per la strategia coinvolta.

READ  Il talk show più seguito della Russia mostra la velocità di un attacco nucleare

Il Cremlino sta cercando di tracciare infiniti parallelismi storici tra la guerra in Ucraina e il ruolo chiave svolto dall’Unione Sovietica nella sconfitta della Germania nazista. Un giornale ha riferito che la resa di Kherson non è stata all’altezza di questa eredità.

Oleg Bakulkov, caporedattore del quotidiano Southern District Nota di divietoha osservato che i difensori di Stalingrado avevano la possibilità di ritirarsi attraverso il Volga, ma non lo hanno fatto “per distruggere e sconfiggere il nemico e per dimostrare al mondo che ce la possiamo fare”.

“La resa di Kherson dice il contrario”, ha scritto. E presto coloro che hanno preso Kherson verranno in altri posti. Sembra che non abbiamo nulla per fermarli”.

Alcuni commentatori si sono chiesti ad alta voce perché la Russia non abbia usato il suo arsenale di armi nucleari e perché l’esercito russo non abbia bombardato le strade nell’Ucraina occidentale. Sono usati per importare rifornimenti militari dagli Stati Uniti e dall’Europa.

Mentre mettere in discussione la guerra o l’esercito è un crimine, Putin finora è stato tollerante nei confronti dei fanatici di destra che hanno criticato la Russia per non averla combattuta abbastanza duramente.

Tuttavia, anche chi doveva difendere la linea ufficiale – che il ritiro era solo una manovra e che la Russia sarebbe tornata – ha avuto difficoltà a spiegare Kherson. Vladimir Solovyov, uno dei principali fan del Cremlino alla televisione di stato, oscilla tra rabbia e frustrazione nei suoi talk show. Un minuto incolpava l’Occidente per aver armato l’Ucraina, quello dopo parlava dell’incompetenza e della codardia di alcuni russi che si rifiutavano di combattere.

Il popolare canale Rybar su Telegram ha suggerito che la televisione di stato cercherà di “attenuare la medicina amara” dicendo che la storia alla fine correggerà la situazione a favore della Russia. “Agli occhi della gente, questa è una sconfitta”, ha scritto. “È la perdita di territorio che la Federazione Russa ha riconosciuto come suo territorio”.

READ  I talebani assediano Kabul: in corso trattative per un “pacifico trasferimento di potere” | I talebani avanzano in Afghanistan

I soldati ucraini rimuovono un poster russo a Kherson, domenica.  immagine AP

I soldati ucraini rimuovono un poster russo a Kherson, domenica.immagine AP

Kherson era una delle quattro regioni che la Russia ha annesso a settembre, sebbene non ne avesse il controllo completo.

Alcuni critici hanno colto l’occasione per mettere in discussione un sistema che dà troppo potere a un solo uomo.

“Le sue decisioni non sono in discussione”, diceva un articolo su Putin in un articolo. Nezavisimaya Gazeta, quotidiano indipendente. Per questo motivo non può sbagliare lui stesso, perché non esiste un meccanismo di correzione. Un leader che ammette un errore abbassa la sua statura, il che mette in dubbio le sue qualità”. Malik e caporedattore Nezavisimaya GazetaKonstantin Ramchukov è un membro della Fondazione Russa.

Questo pensiero è stato ripreso in un post di Telegram su un canale che generalmente segue la linea del governo. In questo caso, è stato suggerito che il sistema russo avrebbe eliminato qualsiasi tentativo di smantellarlo.

L’ordine russo è una delle creature viventi più persistenti sulla Terra, insieme agli scarafaggi. Può anche sopravvivere a una guerra nucleare, ne siamo sicuri.” “In effetti, è una continuazione del regime sovietico che ha tradito il suo paese e prima della sua distruzione e disintegrazione nel 1991 per sopravvivere”.

Gli analisti affermano che il sostegno al regime è uno dei motivi per cui la maggior parte delle critiche proviene da blogger militari di destra e altri sostenitori della guerra, mentre è meno probabile che coloro che hanno legami con il Cremlino mettano in discussione apertamente il ruolo di Putin nella gestione della guerra. La Russia è iniziata.

“Hanno inventato una grande bugia e devono attenersi ad essa”, ha detto Trudolyubov.

© New York Times