QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli ex compagni di Rotterdam lanciano l’allarme: “Ti contagia con l’HIV”

Uomo affascinante e affascinante. È così che interpreta la sua ex ragazza L., soprattutto all’inizio della relazione. L’uomo, che si guadagna da vivere con un parrucchiere durante le relazioni ed è un fanatico giocatore di calcio amatoriale nei fine settimana, incontra donne attraverso app di appuntamenti e ai festival.

Non nasconde il fatto che il 29enne appassionato di sport ha un occhio incredibile per la bellezza femminile. Ma quando incontra Nina di quattro anni più giovane di lui tramite un’app di appuntamenti, mostra immediatamente quanto sia serio con lei. Vuole che sia la madre di suo figlio. Nina: “Ho sempre voluto essere una madre in giovane età, la nostra relazione era buona, quindi l’abbiamo perseguita”.

A quel tempo, Nina notò che L aveva spesso delle pillole nella tasca interna. Quando gliel’ho chiesto, ha detto: Queste sono pillole di ecstasy. Mentre la gravidanza di Nina procede, riceve lamentele sorprendenti. Quando sei incinta di 13 settimane, dovresti presentarti con un’infezione ai reni, mal di gola e bocca piena di afte. “Dopo il parto, linfonodi ingrossati su tutto il corpo. Hanno anche rimosso chirurgicamente una ghiandola, ma non sono riusciti a trovare quello che avevo”.

Kimberly riceve anche vaghi disturbi fisici poco dopo aver iniziato la sua relazione con L.. “Circa due settimane dopo aver fatto il primo sesso, sono finita in ospedale con la febbre alta e un forte dolore al basso ventre. Sono stata messa nella ciotola, ma non sono riusciti a trovare quello che ho.”

Alla fine, Kimberley rimane con L per due anni, una relazione che ha molti alti e bassi. “All’inizio è stato divertente, ma presto ho scoperto che non era mai stata la causa. Anche se era in ritardo di un’ora per un appuntamento, è stato in grado di renderlo il colpevole”.

READ  Una lieve infezione da corona per una donna incinta a volte può essere fatale per il bambino

Le due donne scoprono presto che Rotterdam non è monogama. Poco dopo la nascita della loro figlia, Nina fa il check-in, poiché sente che L sta tradendo. Controlla la sua e-mail, ma si imbatte in qualcosa di più fastidioso. Tra gli elementi cancellati ha una mail dell’ospedale – il Dipartimento di Medicina Interna – che afferma che i farmaci L sono “pronti”.

L’istinto di Nina le dice che qualcosa non va, ma non sa ancora quali farmaci sta assumendo L.. Quel centesimo cade solo quando si sottopone per l’ennesima volta ai controlli ospedalieri a causa di vaghi disturbi fisici. “Quando mi è stato diagnosticato l’HIV, il mio mondo è crollato. Sono andato a parlare con L., ma ha chiuso la porta. Non è uscito niente”.

Poiché (l) nasconde lui stesso la sua malattia, secondo i suoi ex partner, avvertono le donne con cui ha una relazione o che sono legate a lui. In poco tempo L. è diventato più volte padre.

Ciò che ha anche un ruolo nel dare l’allarme è che agli occhi delle donne, L prende i suoi farmaci incautamente e spesso non li prende. Nina: “Con questa malattia devi prendere le medicine fedelmente ogni giorno, altrimenti puoi resistere alle medicine, e anche trasmettere il virus più velocemente. Sono fortunata che nostra figlia non si sia infettata alla nascita”.

Il contatore ora è sei, dice Kimberly, il cui sangue è stato testato su insistenza di Nina quando hanno scoperto di avere una relazione con L. allo stesso tempo. “Ora siamo con sei donne che hanno l’HIV attraverso L. Temo che possa averlo portato con sé per molto tempo. Il fratello di L. è morto di AIDS alcuni anni fa. Poi inizi a pensare: l’hanno fatto forse ce l’hanno così presto nella loro vita?” “

READ  Ricerca per ottenere farmaci con vibrazioni sonore in modo più efficace nel cervello

Proprio lo scorso dicembre, Kimberly ha chiamato l’amica di Wendy, da un amico di L. Wendy: “Si scopre che ho la clamidia, la gonorrea e l’HIV”.

Alla fine del 2020, Nina prenderà l’iniziativa e denuncerà alla polizia di Rotterdam le gravi violazioni nei confronti del padre di sua figlia per aver “trasmesso consapevolmente l’HIV”. Questo è stato seguito da Kimberly un mese dopo e Wendy è andata di recente alla polizia per denunciare una grave aggressione.

La loro storia viene ascoltata dalla polizia, le donne si sentono ascoltate e le persone che registrano il loro annuncio non fanno mistero del fatto che trovano la storia incredibile. Tuttavia, le tre donne sentono che i casi vengono archiviati per un motivo principale: prove insufficienti.

Secondo un portavoce della pubblica accusa, è “legalmente impossibile” perseguire L. “Sappiamo da precedenti casi simili che un caso del genere non sarebbe stato portato in tribunale. È impossibile provare che le donne abbiano contratto l’HIV proprio attraverso quest’uomo”. La Procura della Repubblica fa riferimento anche alla “responsabilità speciale delle donne”. Il portavoce afferma che si tratta di una “valutazione giuridica”. “È molto riprovevole da un punto di vista umano quello che è successo alle donne, ma da un punto di vista legale questa responsabilità ha un peso”.

Animek Van Spani – che aiuta le tre donne – ammette che è legalmente complicato. Ma secondo lei ci sono prove e non riesce a credere che non sia stata nemmeno aperta un’indagine. “Aveva una relazione a lungo termine con le tre donne. A tutte e tre le donne è stato successivamente diagnosticato l’HIV. L’ha affrontato molte volte. Diverse volte gli è stato chiesto un test”. Van Spani ora vuole provare a forzare l’accusa attraverso il tribunale. “Le donne sperano di entrare in contatto con altre donne che hanno vissuto la stessa cosa delle donne L. che sono state inconsapevolmente infettate dall’HIV”.

READ  verifica dei fatti. Bere una tazza di tisana allo zenzero aiuta a curare il mal di gola?

I nomi delle tre donne in questo articolo sono stati cambiati. I loro veri nomi sono noti agli editori, così come il nome completo dell’uomo della storia.