QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli imbrogli di Genk: un grosso problema andato completamente storto

Gli imbrogli di Genk: un grosso problema andato completamente storto

Nel 2022, il KRC Genk ha pagato 6 milioni di euro per Matias Galarza, uno degli acquisti più costosi nella storia del club. Intanto il suo valore di mercato è salito a sette milioni di euro, e il Genk ha rifiutato anche altre due offerte da 10 milioni di euro provenienti da club brasiliani e americani alla fine dello scorso febbraio.

Sebbene Galarza avesse dichiarato lo scorso febbraio di voler restare in Europa, ha cambiato idea e ora preme per tornare in Sud America. Il Boca Juniors sta già mostrando un interesse tangibile, facendo pressione sul Genk affinché accetti un’offerta adeguata.

Galarza in B due volte in una stagione

Nell’estate del 2022, il KRC Genk ha pagato almeno sei milioni di euro per portare Matias Galarza (22 anni) al club, rendendolo il terzo acquisto più costoso nella storia del club.

La sua prima stagione nel Limburgo è stata molto deludente e i problemi maggiori sono stati soprattutto di natura mentale.

secondo L’importanza del Limburgo Galarza ha mostrato un comportamento poco professionale, come mancare all’appuntamento per una risonanza magnetica del tendine del ginocchio, tornare tardi dall’Argentina e non adempiere ai suoi altri obblighi.

Ciò gli è valso un forte rimprovero da parte di Dimitri de Condé e Wouter Franken. Dopo la prima rivincita con la prima squadra, è diventato chiaro che Galarza non aveva imparato dai suoi errori e l’argentino ha dovuto concludere la sua prima stagione con Jong Genk.

“Non sono ancora mentalmente pronto”, ha detto. Il Genk sembrava sull’orlo di una grande rovina patrimoniale con un giocatore che costava 6 milioni di euro ed era già stato mandato in seconda squadra due volte in una stagione.

READ  Guarda: Tiger Woods finisce promettente primo round nel torneo Masters | golf

Galarza coglie a piene mani la terza occasione

Il club ha dato a Matias Galarza il tempo di adattarsi, ma il suo processo di integrazione è stato molto più difficile del previsto. Galarza proveniva da una cultura completamente diversa, essendo cresciuto in un quartiere difficile di Buenos Aires e non aveva familiarità con la lingua inglese.

Inoltre, era la sua prima esperienza all’estero, che si aggiungeva alle sfide di adattamento. Per esprimersi al meglio Galarza iniziò a frequentare lezioni obbligatorie di inglese e la fiducia nel centrocampista argentino rimase altissima all’interno del club.

L’estate scorsa, Galarza ha avuto una terza possibilità al Genk e l’ha colta. In campo ha messo in risalto le sue grandi qualità, che nella scorsa stagione ha potuto mostrare solo saltuariamente, ma soprattutto a livello mentale ha fatto grandi progressi.

Il centrocampista è stato estremamente concentrato, arrivando sempre puntuale e rispettando gli appuntamenti. La scorsa stagione ha avuto opportunità nella squadra titolare e raramente è rimasta delusa. “Sia dentro che fuori dal campo, il Galarza ha subito una trasformazione completa”, ha detto Wouter Franken.

Pitbull sul campo

La scorsa stagione, Matias Galarza ha giustificato il suo prezzo esorbitante di 6 milioni di euro e ha più che ripagato la fiducia di Dimitri De Conde e dell’allora allenatore Wouter Franken.

“L’argentino fornisce più forza a centrocampo”, ha osservato Thomas Chatel. L’importanza del Limburgo. Al-Khanous ha detto del suo collega: “Sul campo di allenamento, ho subito visto che era un giocatore di football e un combattente di prima classe”.

Con Galarza in squadra c’era più fuoco e temperamento, e il gioco era diventato più verticale e combattivo. Secondo Franken le qualità tecnico-calcistiche del Galarza sono indiscutibili.

READ  Super Bowl LVI preda dei Los Angeles Rams, dopo un violento scontro contro i Cincinnati Bengals | Calcio

Ha tutte le qualità richieste e importanti nel calcio moderno. È come un pitbull in campo, un guerriero che gioca con passione ed è anche un ottimo calciatore. L’argentino recupera palloni e riesce anche a distribuire il gioco.

Galarza a fine febbraio: “Non andrò in Sudamerica”

Grazie alle sue prestazioni costanti e impressionanti, Matias Galarza ha visto il suo valore di mercato salire a 7 milioni di euro, un risultato significativo nella sua giovane carriera all’età di 22 anni.

Il futuro sembra promettente per lui, con il KRC Genk che spera di assicurarsi un lucroso accordo a lungo termine.

La notizia è avvenuta a fine febbraio ultime notizie Il Genk ha rifiutato due offerte per il Galarza: un club brasiliano e uno americano hanno offerto più di 10 milioni di euro ciascuno.

All’epoca, però, il Genk non aveva intenzione di discutere di un trasferimento, magari anticipando la possibilità di accordi migliori nei prossimi anni. Per Galarza personalmente, un ritorno in Sud America o un passaggio alla MLS non erano una considerazione:

“Sarebbe un po’ presto. Sono in Europa solo da un anno e mezzo”, ha detto il centrocampista. Il giornale. “L’obiettivo è sfondare qui e costruire una grande carriera nel calcio europeo. Più avanti nella mia vita, potrò ancora tornare in Sud America per finire la mia carriera.

Galarza gira il suo carro: ritorno anticipato in Sud America

All’inizio di giugno, il futuro di Matías Galarza al Genk cominciava a diventare incerto. Si sente meglio in campo che fuori in Belgio, e Het Belang van Limburg riferisce che il club avrà difficoltà a fermarlo con una buona offerta.

READ  Serata sofferta per De Kittilari contro l'Inter: un gol annullato in apertura, seguito da un calcio di rigore | Calcio straniero

Non molto tempo dopo, il Genk ricevette la sua prima offerta dal Boca Juniors, massimo club argentino, che lo invitò anche a una partita casalinga. Anche lo stesso Galarza ha iniziato a spingere per un trasferimento.

Tuttavia, all’inizio di quest’anno ha dichiarato che il suo obiettivo è fare una svolta in Europa e che potrebbe ancora tornare in Sud America più avanti nella vita per finire la sua carriera.

secondo HBVL Galarza negli ultimi mesi ha dato segnali di non sentirsi bene fuori dal campo del Genk e di voler andarsene. Questi sviluppi rendono difficile per il Genk impegnarsi a pagare una commissione di trasferimento elevata, come più di 10 milioni di euro.