QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli incendi devastano l’Europa meridionale: Turchia, Grecia e Italia continuano a soffrire il caldo

Incendi senza precedenti stanno imperversando nell’Europa meridionale. In Turchia, l’incendio ha ucciso almeno otto persone. Si stanno compiendo sforzi per controllare il fuoco in Grecia e in Italia. “Questo è un forte avvertimento”, conclude Patricia Espinosa, una donna al vertice dell’accordo sul clima delle Nazioni Unite.

Turchia, Grecia e Italia stanno affrontando incendi che sono difficili da controllare a causa del caldo continuo. La situazione in Turchia è particolarmente grave. Otto sono già stati uccisi, diverse centinaia di feriti e migliaia di abitanti evacuati. Anche famose località balneari come Marmaris e Bodrum sono state minacciate dal fuoco. Poiché le strade erano coperte di fiamme, la marina turca ha dovuto portare barche da pesca e yacht per portare i turisti che soggiornavano lì in sicurezza. Nel nord della penisola greca del Peloponneso, diversi villaggi sono stati evacuati e i vigili del fuoco hanno dovuto evacuare centinaia di volte lo scorso fine settimana in Italia, soprattutto in Sicilia. Una località balneare vicino a Catania ha preso fuoco e centinaia di persone sono state evacuate.

E la sofferenza non è ancora finita. Le alte temperature, a volte superiori ai 40 gradi, continueranno la prossima settimana. Secondo gli esperti greci, questa è una delle ondate di calore più lunghe dagli anni ’80.

Accordo sul clima

L’ondata di caldo e gli incendi nell’Europa meridionale sono continuati poco dopo il maltempo nell’Europa nordoccidentale, provocando inondazioni mortali. All’inizio di luglio, la cosiddetta “cupola di calore” in Nord America ha causato temperature estreme e incendi. Quindi non ci sono dubbi sulla donna Patricia Espinosa al vertice dell’accordo Onu sul clima. “Questo è un forte avvertimento che dobbiamo agire molto rapidamente nella lotta contro il riscaldamento globale”. Tuttavia, la gravità della situazione non è ancora nota a tutti gli Stati membri dell’ONU. Nel 2015, quasi 200 paesi hanno firmato l’Accordo di Parigi sul clima. Lo scopo dell’accordo è limitare il riscaldamento globale a un massimo di 2 gradi. Per raggiungere questo obiettivo, ogni paese ha il proprio piano climatico che deve diventare gradualmente più ambizioso ogni pochi anni.

E lì la scarpa pizzica. Questi piani ambiziosi avrebbero dovuto essere discussi in una conferenza sul clima a Glasgow alla fine dell’anno scorso. Ma Corona ha rinviato quella conferenza, e così hanno fatto i relativi progetti. La scadenza per la presentazione delle domande è stata spostata al 30 luglio. Nonostante quel tempo extra, finora solo 110 paesi hanno escogitato un piano del genere, ha affermato Espinoza. “Inoltre, l’ambizione espressa in quei progetti non era sufficiente”, ha aggiunto.

Il piano climatico belga è stato presentato il mese scorso con il titolo “Fit for 55” nei progetti europei. Il titolo mira a ridurre le emissioni del 55% entro il 2030. Questo potrebbe essere un passo significativo rispetto all’obiettivo originale di ridurre le emissioni del 40%, ma gli esperti avvertono che anche l’obiettivo europeo è molto basso. “In effetti, dobbiamo ridurre le emissioni del 60 o del 65 percento entro il 2030”, ha affermato l’esperto di clima. “Inoltre, la misura per il pacchetto 55 al momento non è altro che una proposta. Si attende ancora un’attuazione definitiva. Si teme che perderemo molto tempo prima che vengano intraprese azioni concrete.

READ  Le tendenze stanno arrivando dall'Italia