QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli “ispettori del buco nero” ora scoprono il proprio buco nero: New Scientist

Un gruppo di ricerca noto per aver ridimensionato le scoperte dei buchi neri ha ora fatto una straordinaria scoperta: un buco nero “dormiente”. “È la prima indiscutibile scoperta di una cosa del genere”.

Gli astronomi dell’Università di Amsterdam hanno scoperto un buco nero in orbita attorno a una stella nella Grande Nube di Magellano, una galassia vicina. Il team, guidato dall’astronomo Tomer Schnarer, ha pubblicato i risultati sull’Industry Journal la scorsa settimana astronomia naturale. Questo è il cosiddetto buco nero stellare, che si forma quando una stella massiccia collassa sotto l’influenza della sua stessa gravità.

A differenza dei buchi neri supermassicci, che sono al centro delle galassie, finora sono state rilevate solo alcune di queste varianti “leggere”. Si ritiene generalmente che i buchi neri stellari, che sono molte volte più grandi del Sole, siano tutt’altro che rari. Gli astronomi stimano che la nostra galassia da sola ospita milioni, forse miliardi.


Leggi anche
Le barriere coralline di acqua fredda sono foreste pluviali oceaniche

I buchi neri stellari sono difficili da trovare perché non emettono luce da soli. L’esistenza di un tale buco nero da qualche parte può essere dedotta solo indirettamente dall’interazione con altri oggetti nel suo ambiente. Questo vale, ad esempio, per la piccola porzione di buchi neri stellari che non volano da soli attraverso la galassia, ma hanno una stella che è la loro compagna. Ciò consente alla materia di fluire dalla stella verso il buco nero, rilasciando raggi X. Una manciata di buchi neri scoperti finora nella Via Lattea sono venuti alla luce grazie a questa radiazione.

READ  Gerucht: productieproblemen per il rilascio successivo del Samsung Galaxy S22

confutare i buchi

Potrebbe essere solo la punta dell’iceberg. Per ogni buco nero “radiante”, ci sono circa migliaia di sistemi “dormienti”, in cui nessuna materia fluisce nel buco nero e quindi nessuna radiazione viene rilasciata.

Sebbene ciò renda più difficili da individuare i buchi neri stellari, non è impossibile trovarli. Quando un tale buco nero è accompagnato da una stella, la sua presenza può essere dedotta anche dal movimento della stella.

“Diversi gruppi di ricerca hanno affermato di aver trovato un esemplare dormiente in questo modo, ma in quasi tutti i casi siamo stati in grado di confutare tale affermazione”, afferma Schnarer. “Ad esempio, perché alcune ipotesi sulla stella si sono rivelate errate”.

indiscutibile

Quando il suo team ha trovato un sistema promettente nelle osservazioni dal Very Large Telescope in Cile, Chinar era inizialmente scettico. Questo è il motivo per cui ho deciso di includere nello studio tutti i “buchi neri preferiti” conosciuti. Si scopre che sono tutti convinti che questo sia davvero un buco nero dormiente. Per quanto mi riguarda, questa è la prima indiscutibile scoperta di un oggetto del genere.

Il team non è preoccupato che altri ricercatori, a loro volta, confutino questa scoperta? “No, mi piacerebbe davvero che si facessero avanti”, dice Schnarer. È qui che entra in gioco il progresso scientifico. Inoltre, è probabile che la spiegazione alternativa sia sorprendente. I nostri calcoli mostrano che c’è un oggetto nel sistema con una massa superiore a nove volte la massa del Sole, ma non si vede luce. Ad eccezione di un buco nero, ogni altro tipo di oggetto che conosciamo dovrebbe essere visibile. Quindi l’unica altra opzione è che questo sia qualcosa che non è mai stato visto prima o è completamente sconosciuto, come una stella fatta interamente di materia oscura. Oppure – non puoi escludere nulla – una struttura invisibile di una civiltà aliena.

READ  Il remake di Dead Space ha una data di uscita

le coppie si scontrano

L’astronomo si aspetta che questa scoperta reggerà e che il sistema fornirà molte nuove conoscenze sui buchi neri. Ad esempio, i rivelatori di onde gravitazionali hanno rilevato diverse collisioni tra buchi neri stellari negli ultimi anni. Tuttavia, rimangono molte domande su questi potenti eventi.

Schnarer: “La stella in orbita attorno al nostro buco nero è così massiccia che alla fine crollerà anche in un buco nero. Quindi questo sistema potrebbe finire con una coppia di buchi neri in collisione. Quindi potrebbe fornire nuove informazioni su come si formano queste coppie. “

Non esiste una supernova

Il buco nero dormiente ha anche un’altra caratteristica notevole: sembra essersi formato senza il suo coinvolgimento in una massiccia esplosione: la cosiddetta supernova.

L’orbita attorno alla stella è quasi circolare, mentre una tale esplosione di solito spinge il buco nero in un’altra orbita. Questa è una delle indicazioni più dirette della teoria popolare secondo cui stelle molto massicce possono anche collassare senza un’esplosione.