QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Gli scienziati dovrebbero anche comunicare sugli errori e sviluppare intuizioni” – Science

Gli scienziati aiutano il mondo ad andare avanti. Fatti e idee aiutano a fare le scelte giuste”, ha scritto Kathleen Brack dell’Università delle Fiandre alla vigilia del Science Day. Ma se vogliono che le persone partecipino e facciano opinioni e scelte basate su fatti e idee, devono comunicare. Sulle nuove scoperte, ma anche sugli errori e sullo sviluppo di insight.

“Perchè dico così!” Negli anni ’80 avresti potuto farla franca come genitore, ma pochi bambini oggi sono soddisfatti di quella frase. I bambini di oggi sono importanti e sono anche incoraggiati ad essere critici. abbastanza! Ci sono anche pochissimi adulti che considerano vere le parole di un politico, insegnante o pastore. “Osa pensare” è da anni il motto intelligente dell’Università di Gent. E forse tutti lo stiamo facendo sempre di più. Non accettiamo più patroni paternalistici, politici o professori che pensano per noi e poi ci dicono cosa è giusto e cosa è sbagliato e come dovremmo agire.

Il rovescio della medaglia è che le persone con un certo potere non sono più credute da alcuni per definizione. Presumono che tutti i politici siano bugiardi, che i preti siano leader di culti sottoposti a lavaggio del cervello e che i professori universitari siano manipolatori che vogliono imporre la loro visione del mondo.

Gli scienziati devono anche comunicare gli errori e avanzare intuizioni.

è un problema. Non voglio parlare di politici e preti, ma di studiosi. Perché gli scienziati sono fantastici e abbiamo un disperato bisogno di loro. Forniscono fatti, cifre, intuizioni e soluzioni a problemi piccoli e grandi. Stanno studiando come un vello può ridurre il bruciore, come possiamo combattere i cambiamenti climatici e come possiamo resistere al meglio alla pandemia della corona. Quindi è importante che le loro idee siano ampiamente diffuse. Poiché la scienza aiuta il mondo ad andare avanti, più conoscenza ci rende più umani e di solito ci fa fare scelte migliori.

Gli scienziati cercano di capire il mondo e, quando gli fa comodo, cercano anche di migliorarlo. Gli scienziati si concentrano su una piccola parte della realtà e, mettendo insieme tutte quelle minuscole particelle, tutta l’umanità alla fine diventerà più intelligente e forse anche migliore. Ma per convincere noi non scienziati, devono comunicare. Perché non accettiamo più “perché lo dico io”. Quindi gli studiosi devono spiegare a noi, al grande pubblico, cosa sanno della pazienza e delle abili tecniche di narrazione del santo. Questo non è sempre chiaro. Perché nella nostra società critica, una buona comunicazione della scienza significa non solo spiegare che qualcosa è così, ma anche perché lo è. Se (quasi) tutti gli scienziati affermassero che un vaccino salva vite ed è sicuro, non andrei in studi scientifici per verificare se è così. Nemmeno io potrei. Ma vorrei ancora sapere perché questi vaccini funzionano e se ciò che dicono sui vaccini è vero. E se ci sono rischi associati al vaccino, è importante che gli scienziati lo dicano onestamente. In modo che possiamo concludere da soli sulla base di quanti più fatti possibili che la vaccinazione è davvero una buona idea, e non sulla base del “perché lo dico io”.

READ  I telespettatori di LLDL sono rimasti indignati dopo le osservazioni anti-fax di Marion

Significa anche che a volte gli scienziati possono dire forte e chiaro che si sbagliavano. Nessuno sta accusando gli scienziati di aver sottovalutato il modo in cui il virus si è diffuso nell’aria all’inizio della pandemia di Corona. Ma è importante che riceviamo anche un chiaro aggiornamento dello stato man mano che acquisiamo informazioni. Altrimenti la sfiducia comincerà a diminuire, la sfiducia che è già troppo grande nei confronti degli scienziati in alcuni ambienti.

Ecco perché è fantastico che così tanti accademici provino ogni giorno a rendere la scienza disponibile a tutti. in un Tutti sono famosi occupazione L’appuntamento, in un bella sensazione occupazione eos, nei documentari su tela e nelle lezioni dell’Università delle Fiandre, nei podcast, su Twitter, YouTube, Instagram e persino su TikTok. È bello vedere quanta comunicazione scientifica c’è – su iniziativa di scienziati, università e college e su richiesta dei media.

Quindi, grazie ai numerosi studiosi che stanno dedicando tempo e sforzi per tradurre le loro competenze a un pubblico più ampio, grazie! Più ci dici, più impariamo a pensare scientificamente e quindi possiamo pensare in modo creativo sulla base di fatti e idee!

Catelyn Brack è caporedattore dell’Università delle Fiandre. L’Università delle Fiandre vuole la scienza per tutti, dove gli scienziati spiegano le loro ricerche ed esperienze in modo chiaro e comprensibile a tutti.

“Perchè dico così!” Negli anni ’80 avresti potuto farla franca come genitore, ma pochi bambini oggi sono soddisfatti di quella frase. I bambini di oggi sono importanti e sono anche incoraggiati ad essere critici. abbastanza! Ci sono anche pochissimi adulti che considerano vere le parole di un politico, insegnante o pastore. “Osa pensare” è da anni il motto intelligente dell’Università di Gent. E forse tutti lo stiamo facendo sempre di più. Non accettiamo più patroni paternalistici, politici o professori che pensano per noi e poi ci dicono cosa è giusto e cosa è sbagliato e come dovremmo agire. Il rovescio della medaglia è che le persone con un certo potere non sono più credute da alcuni per definizione. Presumono che tutti i politici siano bugiardi, pastori sottoposti a lavaggio del cervello, leader di setta e professori manipolatori che vogliono imporre la loro visione del mondo, e questo è un problema. Non voglio parlare di politici e preti, ma di studiosi. Perché gli scienziati sono fantastici e abbiamo un disperato bisogno di loro. Forniscono fatti, cifre, intuizioni e soluzioni a problemi piccoli e grandi. Stanno studiando come un vello può ridurre il bruciore, come possiamo combattere i cambiamenti climatici e come possiamo resistere al meglio alla pandemia della corona. Quindi è importante che le loro idee siano ampiamente diffuse. Poiché la scienza aiuta il mondo ad andare avanti, più conoscenza ci rende più umani e di solito ci porta a fare scelte migliori.Gli scienziati cercano di capire il mondo e quando gli si addice, cercano anche di migliorarlo. Gli scienziati si concentrano su una piccola parte della realtà e, mettendo insieme tutte quelle minuscole particelle, tutta l’umanità alla fine diventerà più intelligente e forse anche migliore. Ma per convincere noi non scienziati, devono comunicare. Perché non accettiamo più “perché lo dico io”. Quindi gli studiosi devono spiegare a noi, al grande pubblico, cosa sanno della pazienza e delle abili tecniche di narrazione del santo. Questo non è sempre chiaro. Perché nella nostra società critica, una buona comunicazione della scienza significa non solo spiegare che qualcosa è così, ma anche perché lo è. Se (quasi) tutti gli scienziati affermassero che un vaccino salva vite ed è sicuro, non andrei in studi scientifici per verificare se è così. Nemmeno io potrei. Ma vorrei ancora sapere perché questi vaccini funzionano e se ciò che dicono sui vaccini è vero. E se ci sono rischi associati al vaccino, è importante che gli scienziati lo dicano onestamente. In modo che possiamo concludere da soli sulla base di quanti più fatti possibili che la vaccinazione è davvero una buona idea, e non sulla base del “perché lo dico io”. Significa anche che a volte gli scienziati possono dire forte e chiaro che si sbagliavano. Nessuno sta accusando gli scienziati di aver sottovalutato il modo in cui il virus si è diffuso nell’aria all’inizio della pandemia di Corona. Ma è importante che riceviamo anche un chiaro aggiornamento dello stato man mano che acquisiamo informazioni. Altrimenti la sfiducia comincerà a diminuire, la sfiducia che è già troppo grande nei confronti degli scienziati in alcuni ambienti. Ecco perché è fantastico che così tanti accademici provino ogni giorno a rendere la scienza disponibile a tutti. In Everyone Famous e De Afspraak, in Goed Geluk ed Eos, nei documentari delle lezioni di Canvas e dell’Università delle Fiandre, nei podcast, su Twitter, YouTube, Instagram e persino su TikTok. È bello vedere quanta comunicazione scientifica c’è – su iniziativa di scienziati, università e college e su richiesta dei media. Quindi, grazie ai numerosi studiosi che stanno dedicando tempo e sforzi per tradurre le loro competenze a un pubblico più ampio, grazie! Più ci dici, più impariamo anche a pensare scientificamente e quindi possiamo pensare in modo creativo sulla base di fatti e intuizioni! Catelyn Brack è caporedattore dell’Università delle Fiandre. L’Università delle Fiandre vuole la scienza per tutti, dove gli scienziati spiegano le loro ricerche ed esperienze in modo chiaro e comprensibile a tutti.

READ  Non avremmo problemi di CI se il nostro BMI fosse più basso? "L'80% dei pazienti affetti da corona con cistite interstiziale ha un indice di massa corporea superiore a 25".