QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli scienziati hanno scoperto la causa dello sviluppo del morbo di Alzheimer in…

immagine a tema © Getty Images / iStockphoto

Grappoli di proteine ​​tossiche, che si ritiene siano responsabili del declino cognitivo del morbo di Alzheimer, non rimangono in una parte del cervello. Raggiunge parti diverse e si accumula lì per decenni, il che porta alla morte delle cellule cerebrali. Questo è secondo un nuovo studio pubblicato venerdì.

Fonte: belga

Articolo pubblicato su progresso scientificoÈ il primo ad utilizzare i dati umani per determinare la velocità dei processi molecolari che portano alla malattia di Alzheimer. Può influenzare il modo in cui vengono sviluppati i trattamenti.

Confuta la teoria secondo cui le aggregazioni si formano in un luogo e innescano una reazione a catena in altri, un modello visto nei topi. I ricercatori dicono che tale diffusione può verificarsi, ma non è il fattore principale.

400 campioni di cervello

“Due cose lo hanno reso possibile”, ha detto George Maisel, chimico dell’Università di Cambridge e uno degli autori principali dell’articolo. “In primo luogo, studiare i dati molto dettagliati delle scansioni PET e i vari set di dati che sono stati raccolti e i modelli matematici che sono stati sviluppati negli ultimi 10 anni”.

I ricercatori hanno utilizzato 400 campioni di cervello di malati di Alzheimer deceduti e 100 scansioni PET di persone che vivono con la malattia per tracciare l’aggregazione della proteina tau. La tau e un’altra proteina, l’amiloide-beta, si accumulano, causando la morte delle cellule cerebrali e il restringimento del cervello.

Ciò causa la perdita di memoria e l’incapacità di svolgere le attività quotidiane. La malattia colpisce oltre 40 milioni di persone in tutto il mondo.

I ricercatori hanno anche scoperto che occorrono cinque anni per raddoppiare il numero di proteine ​​raggruppate. Maisel dice che questo è un numero “incoraggiante” perché mostra che i neuroni sono in grado di combattere queste proteine. “Forse se potessimo migliorare un po’ le cellule, potremmo ritardare significativamente l’insorgenza di malattie gravi”.

READ  Non c'è influenza aviaria negli allevamenti di pollame intorno all'azienda infetta di Heeten