QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli speroni del cerchio amano le ‘luci da discoteca’: scoperte casuali possono portare a tecniche di pesca più ecologiche | gli animali

Gli scienziati hanno scoperto per caso che le capesante sono attratte dalle luci a LED. Ciò significa che i frutti di mare gourmet possono essere pescati in modo più ecologico. “Questo potrebbe creare una pesca costiera completamente nuova, e questa è la prima nel suo genere al mondo”, afferma Rob Enver, l’entusiasta leader della ricerca britannica.

Il biologo marino Rob Enever e il suo team della Fishtek Marine del Devon hanno progettato piccole lanterne subacquee con luci a LED e le hanno posizionate in trappole per catturare granchi e aragoste senza usare il pesce come esca. Quindi la luce avrebbe dovuto attirare granchi e aragoste, ma inaspettatamente altre creature marine erano principalmente attratte da essa: pectin maximus o capesante. “È come una discoteca per le ostriche: accendi la trappola ed entrano”, ha detto Enver. “È incredibile che nessuno l’abbia scoperto prima. È una scoperta davvero eccitante”.

La capesante è il pesce commerciale più importante per la pesca inglese e la quarta specie ittica più importante in tutto il Regno Unito. Di solito vengono catturati dal dragaggio, che è dannoso per gli habitat marini. L’alternativa è farlo raccogliere dai subacquei, ma questo è molto laborioso, richiede tempo e quindi più costoso. Lavorare con la pesca illuminata è una tecnica di pesca più rispettosa dell’ambiente e può fornire entrate aggiuntive ai pescatori di aragoste e aragoste.


All’inizio del 2019, si è scoperto che le trappole a lanterna sbarcate al largo della costa della Cornovaglia ospitavano non solo granchi e aragoste, ma anche molte capesante. Il cacciatore John Ashworth non ha trovato capesante nelle trappole spente, il che era già una chiara indicazione. Sono stati condotti ulteriori esperimenti, con 985 reti fyke illuminate che hanno recuperato 518 capesante, mentre 901 “stagni di controllo” contenevano solo due di quei gusci. Il 99,6% delle capesante è stato catturato nella pesca leggera.

La capesante ha fino a 200 occhi nel mantello, lungo i bordi interni delle aperture del guscio. “La maggior parte degli animali, incluso noi, ha le lenti, ma le capesante no. Hanno specchi sul retro degli occhi e hanno anche due retine, una che percepisce le cose scure e l’altra che percepisce le cose più chiare. Il biologo marino Bryce Stewart di York L’università ha detto al Guardian: “Potrebbero essere in grado di utilizzare questo contrasto per rilevare il movimento”. Secondo lui, le capesante potrebbero preferire le aree illuminate perché si sentono più al sicuro lì o perché il plancton che mangiano è più facile da trovare lì. Stewart crede che questa scoperta sia una delle cose più emozionanti di tutta la sua carriera.

Questa lanterna funziona con due batterie ricaricabili AA e dura da cinque a dieci anni. Ever continua a tendere trappole. Si scopre che la capesante è più un fan della luce blu che della luce bianca. “Il nostro obiettivo è quello di avvicinarci il più possibile a una pesca commercialmente redditizia”, ​​ha affermato Ennifer. “Penso davvero che possiamo.”

READ  Ha ricevuto la Principessa Amalia al Consiglio di Stato