QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli Stati Uniti hanno quasi mandato a casa il pigro Rina durante i Mondiali: ‘Peccato che sia stato tirato fuori’ | Coppa del Mondo FIFA 2022

In 4 anni, gli Stati Uniti vogliono brillare nella Coppa del Mondo nel loro paese, ma c’è ancora del lavoro da fare nei prossimi anni. La squadra di coach Berhalter ha perso in Qatar negli ottavi di finale contro l’Olanda.

Ma prima l’allenatore dovrà concentrarsi sullo spegnimento di un incendio nel gruppo dei giocatori. Berhalter ha appiccato lui stesso il fuoco raccontando una storia sul suo gruppo di giocatori durante una conferenza. “Durante l’ultima Coppa del Mondo, c’era un giocatore che non ha raggiunto il livello richiesto dentro e fuori dal campo”, ha detto. “Poi ci siamo consultati con lo staff ed eravamo effettivamente pronti a metterlo su un aereo per tornare a casa”.

Berhalter non ha fatto nomi, ma vari media hanno presto saputo che stava parlando di Reina. Il giocatore del Borussia Dortmund ha avuto solo un ruolo limitato in Qatar. “Il giocatore ha poi chiesto scusa a tutto il gruppo e gli altri giocatori gli hanno detto che volevano vedere un cambiamento. Non è stato all’altezza delle loro aspettative”, ha detto l’allenatore della nazionale.

A seguito del putiferio, Rina ha risposto lei stessa su Instagram. Scrive: “Mi dispiace di averlo dovuto fare”. “Penso che quello che succede nella squadra dovrebbe rimanere dentro. Ma questo riguarda la mia personalità e la mia professionalità, quindi voglio dire qualcosa”.

“Prima della Coppa del Mondo, l’allenatore mi disse che il mio ruolo nel torneo sarebbe stato molto limitato. Ero devastato. Il calcio è la mia passione e la mia vita. Mi aspettavo di poter aiutare il mio paese e di poterlo fare”.

READ  LIVE: Rafael Nadal batterà il record del Grande Slam nella finale degli Australian Open di oggi? | Open d'Australia

E poi fa mea culpa. “Sono una persona emotiva e ammetto di non avere il controllo dei miei sentimenti in quel momento. Ha influenzato il mio lavoro di allenatore e il mio comportamento per alcuni giorni. Ma mi sono scusato con la squadra e l’allenatore per questo. Ho pensato che mi aveva perdonato. Da allora ho dato tutto dentro e fuori dal campo”.

“Quindi è un vero peccato che queste storie vengano fuori adesso. Sono stupito dal contributo dell’allenatore a questo. Ha sempre detto che i problemi dovrebbero essere tenuti dentro. Amo la mia squadra e il mio paese. Ora voglio concentrarmi sul mio sviluppo come giocatore e come persona in modo da poter disputare un grande torneo con gli Stati Uniti nel 2018″. 2026”.