QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli Stati Uniti offrono 10 milioni di premi per l’arresto di hacker russi | all’estero

Il ransomware NotPetya ha causato gravi problemi informatici alle aziende ucraine nel 2017 e anche in altre parti del mondo, incluso il porto di Rotterdam. Negli Stati Uniti, i danni agli ospedali e all’industria farmaceutica, tra gli altri, sono stati stimati in circa 1 miliardo di dollari. Nell’ottobre 2020, una giuria federale degli Stati Uniti ha incriminato sei di loro per una serie di crimini digitali.

I sospetti avevano orchestrato un attacco informatico il mese scorso infettando un migliaio di sistemi informatici in modo che potessero essere presi in consegna in qualsiasi momento. L’intervento di Stati Uniti e Gran Bretagna lo ha impedito. Prima dell’invasione russa dell’Ucraina, entrambi i paesi avevano già avvertito di questa guerra digitale.

Secondo Washington, gli hacker statali più ricercati che hanno preso di mira le infrastrutture critiche negli Stati Uniti sono Yuri Andrejenko, Sergey Detistov, Pavel Frolov, Anatoly Kovalev, Artem Ochchenko e Peter Plessin. Lavorano per l’unità GROe 74455, conosciuta anche tra quelle conosciute come Sandworm, Voodoo Bear, Telebots e Iron Viking. Il ministero vuole saperne di più su chi sono, dove vivono e con chi lavorano.

READ  Il Kazakistan si rifiuta di combattere con i russi in Ucraina