QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli Stati Uniti smettono di investire in combustibili fossili all’estero | all’estero

Ci sono ancora alcune grandi eccezioni, Scrive per Bloomberg News Sulla base di una nota inviata a diverse ambasciate statunitensi.

Si tratta, ad esempio, di interventi se la sicurezza nazionale degli Stati Uniti è a rischio. Potrebbero essere necessari investimenti anche per ampliare l’accesso all’energia nelle aree vulnerabili. La politica inoltre non si applica ai progetti esistenti, inclusi alcuni che gli Stati Uniti hanno sostenuto sotto vari governi.

Tuttavia, un cambiamento di politica potrebbe influenzare un gran numero di potenziali progetti all’estero. Si tratta, tra l’altro, della creazione di terminali nell’Europa orientale e nei Caraibi in cui è possibile stoccare il gas naturale americano.

La mossa sottolinea come l’amministrazione Biden abbia fatto della lotta al cambiamento climatico una delle sue massime priorità. Tuttavia, il ritiro degli Stati Uniti crea opportunità per la Cina, ad esempio. Questo paese è desideroso di finanziare progetti energetici in tutto il mondo. Questo sta accadendo con somme di denaro che gli Stati Uniti non possono eguagliare.

Il ritiro del governo degli Stati Uniti non significa che le società nazionali affronteranno un’opposizione attiva se inizieranno a lavorare all’estero su progetti di carbone, petrolio e gas.

READ  Twitter cancellerà le foto private degli utenti su richiesta - IT Pro - Notizie