QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli zoo spostano i loro uccelli all’interno per proteggerli dall’influenza aviaria mortale

Negli ultimi mesi i casi di influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAI) sono aumentati negli allevamenti di cortili e negli uccelli selvatici in dozzine di stati, costringendo i funzionari dello zoo a sospendere temporaneamente gli scambi di uccelli.

“Questo ceppo della malattia è altamente contagioso e fatale per gli uccelli”, ha affermato lo zoo del Maryland a Baltimora in una dichiarazione sul suo sito web. “Per precauzione, abbiamo chiuso le nostre gabbie e spostato molte delle nostre specie di uccelli in strutture dietro le quinte con un contatto umano limitato fino a quando il rischio di influenza aviaria non sarà diminuito”.

Gli uccelli negli zoo possono essere infettati da uccelli selvatici, umani o da un nuovo uccello introdotto nella struttura.

La malattia causata dall’influenza è stata rilevata nelle mandrie commerciali e negli allevamenti di cortili 24 stati E con uccelli selvatici in 31 paesisecondo il dipartimento.
I virus di tipo A circolano naturalmente tra gli uccelli acquatici selvatici in tutto il mondo e possono infettare uccelli domestici, uccelli e animali, secondo Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Di solito non colpisce le persone.

La diffusione ha portato gli zoo in Pennsylvania, Colorado, Michigan, Wisconsin, Texas e Ohio, così come nel Maryland, a prendere precauzioni, inclusa la chiusura di spettacoli di uccelli all’aperto e lo spostamento degli uccelli all’interno per la loro sicurezza.

L’Associazione degli zoo e degli acquari (AZA) ha creato il programma di partenariato per tutti i rischi per gli zoo e gli acquari, che collabora con gli zoo per sviluppare un piano prima che si verifichino focolai.

Secondo Rob Vernon, vicepresidente senior per le comunicazioni e la strategia di AZA, le misure preventive includono il posizionamento di teloni o reti attorno alle mostre, la chiusura di gabbie al pubblico e l’implementazione di protocolli di quarantena rigorosi.

READ  Meno bambini sono stati vaccinati contro le malattie infettive, il che preoccupa in qualche modo l'organizzazione

“Le strutture saranno in modalità di risposta completa per proteggere i loro uccelli per almeno due mesi fino alla cessazione della trasmissione”, ha detto Vernon alla CNN in una nota.

Gli zoo prendono precauzioni

Nel tentativo di prevenire l’infezione, gli zoo hanno adottato diverse misure per proteggere i loro uccelli.

Il Pittsburgh Zoo and Aquarium PPG ha vietato al pubblico di accedere agli uccelli, inclusi struzzi, galline e gufi. I visitatori possono vedere fenicotteri e pinguini attraverso il vetro del loro recinto interno.

In Colorado, lo zoo di Denver ha spostato i suoi uccelli al chiuso per almeno 28 giorni Dichiarazione

Dott. Ann Duncan, presidente della salute degli animali per la Detroit Zoological Society, ha affermato che spostare gli uccelli all’interno è una precauzione di fondamentale importanza.

“Portando questi animali, possiamo monitorarli meglio ed evitare il contatto con uccelli selvatici che possono trasportare un’influenza aviaria altamente virulenta”, ha detto Duncan a febbraio. nuova copia Dallo zoo di Detroit.

In una dichiarazione, ha affermato che lo zoo del Maryland aderisce a un piano di risposta a più livelli che è stato rivisto dal Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti e da altre agenzie governative.

Gli zoo di tutto il Nord America stanno spostando i loro uccelli dentro e fuori gli esseri umani e la fauna selvatica mentre cercano di proteggerli dall'influenza aviaria altamente contagiosa e potenzialmente mortale.

Lo zoo, che ospita la più grande colonia di pinguini africani del Nord America, non ha trovato casi, ma il numero di casi è abbastanza vicino da tenere gli uccelli in casa, secondo Mike Evites, direttore senior delle comunicazioni.

“Stiamo schiudendo pulcini di pinguino come parte di un piano per aumentare il loro numero con il programma di riproduzione dell’Associazione degli zoo e degli acquari come parte degli sforzi di conservazione globale”, ha affermato.

Per precauzione, la Aviary Gallery del Milwaukee County Zoo e Humboldt Penguin sono temporaneamente chiusi, secondo il sito web.
Lo zoo di Dallas ha anche rimosso i suoi uccelli dagli spazi pubblici “fino a quando la minaccia non sarà passata”, ha affermato lo zoo di Dallas in una dichiarazione, e afferma che gli esperti di salute degli animali continueranno a monitorare e monitorare i protocolli secondo necessità. Dichiarazione

Lo zoo di Columbus in Ohio ha anche chiuso alcuni habitat di uccelli mentre vengono monitorati e valutati, secondo il direttore delle comunicazioni Jane Fields.

READ  Da una "nota sul vaiolo" a un certificato di vaccinazione? Ecco come curavamo le malattie infettive

Gregory Wallace della CNN ha contribuito a questo rapporto.