QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Google accusato di inserzionisti ed editori fuorvianti | iHLN

Google ha ingannato gli inserzionisti e gli editori nelle aste per anni a causa dei suoi annunci. Questo è affermato in un atto d’accusa di più di dieci stati degli Stati Uniti, pubblicato per intero venerdì. Il caso è in corso dalla fine del 2020.




Google ha raccolto la differenza tra ciò che ha detto agli inserzionisti e agli editori il costo della pubblicità. L’accusa afferma che la società ha poi manomesso le nuove aste con questi fondi. Google nega queste accuse.

Il modo in cui gli annunci pubblicitari vengono scambiati su Internet è un processo complesso. Google gioca un ruolo importante in questo come banditore, ma anche come partecipante. Hanno anche piattaforme come YouTube che raggiungono i consumatori. I critici affermano che questo potrebbe squalificare i concorrenti.

Trattare con Google e Facebook

L’accusa afferma anche che il CEO di Google Sundar Pichai e il CEO di Facebook Mark Zuckerberg hanno autorizzato un accordo nel 2018 in cui Facebook avrebbe vinto una certa percentuale di aste, cosa che anche Google ha negato. L’accordo consentirà ai clienti di Facebook di inserire più annunci rispetto ai clienti di altri partner di Google.

La denuncia affermava che le due società hanno anche concordato i livelli dei prezzi degli annunci. Si dice che Facebook abbia accettato di rinunciare ai programmi di supporto dei concorrenti di Google.

Alla fine del 2020 era già stato annunciato che diversi stati degli Stati Uniti, tra cui il Texas, avrebbero citato in giudizio Google per abuso di potere con i suoi servizi pubblicitari. La causa contro Google segue una richiesta separata del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Afferma che Google ha acquisito illegalmente il monopolio del suo motore di ricerca. Google lo ha fatto bloccando i concorrenti dai principali canali di distribuzione.

READ  Dopo tutte le battute: il governo degli Stati Uniti indagherà sul perché...