QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Google ci fa sopravvalutare le nostre conoscenze

I ricercatori dell’Università del Texas negli Stati Uniti hanno studiato fino a che punto le persone pensano di possedere le conoscenze disponibili su Internet. Lo studio mostra che le persone sopravvalutano le loro conoscenze. Il più grande colpevole di tutta la storia sono i motori di ricerca come Google. questo dice Wouter Dweck, professore di psicologia all’Università di Gand, in “Nuovi fatti”.

Non c’è dubbio che Internet ha democratizzato la conoscenza e l’informazione. Qualunque siano le aree in cui risiedono gli interessi di qualcuno, puoi sempre imparare qualcosa online. Anche Dweck ne è consapevole: “Viviamo in un’enorme società della conoscenza. La conoscenza viene costantemente diffusa ed è costantemente disponibile su Internet, garantendo che nessuno sappia più tutto”.

Le persone sopravvalutano le loro conoscenze

Tuttavia, molte persone credono che Internet abbia reso le persone più intelligenti. Ma questo non è ancora chiaro, secondo i risultati della ricerca. L’accesso istantaneo alle informazioni fornite dai motori di ricerca come Google dà alle persone fiducia nella loro capacità di ricordare ed elaborare le informazioni. Le persone vedono Google come il terzo emisfero del cervello e, di conseguenza, sopravvalutano le proprie conoscenze generali.

I ricercatori hanno organizzato una serie di esperimenti con quasi 2.000 persone, ponendo loro domande del quiz. Sono state presentate domande nello stile di “come si chiama un cucciolo di squalo”. La metà è stata autorizzata a cercare la risposta su Google e il ad altri concorrenti è stato permesso di fare affidamento solo sulla propria memoria, spiega Dweck.

“Non sorprende che le persone che usano Google abbiano un punteggio migliore. Ai ricercatori di Google è stato chiesto quanto sono intelligenti e se hanno una memoria migliore degli altri. La risposta è stata due volte più positiva. Ma questo non corrisponde alla realtà: sebbene le persone Chi usa Google ottiene un punteggio migliore, sopravvaluta le proprie conoscenze”.

READ  I 4 strumenti più belli di domani che puoi ordinare ora (maggio 2022)

aumentare la fiducia

In un altro esperimento, i ricercatori hanno portato in laboratorio un nuovo gruppo di soggetti di prova e di nuovo hanno posto loro domande difficili come la città natale di Madonna. Il risultato si è rivelato invariato: le persone che utilizzano Google per cercare questo tipo di curiosità si sopravvalutano in seguito. “Pensano davvero di saperne di più, ma faranno anche meglio di altri nei test futuri”, afferma il professore.

I ricercatori hanno quindi esaminato se fosse effettivamente così. Dopotutto, le persone potrebbero ottenere una spinta di fiducia dal trovare tutte quelle schifezze su Internet. Sono stati presentati di nuovo con domande difficili e indovina un po ‘: non ottengono affatto un punteggio migliore. Quindi è sicuramente una sopravvalutazione di sé”.

Risultato sorprendente

I ricercatori si sono chiesti perché e da dove derivi la confusione che le persone credono davvero che le cose che stanno cercando siano già nel loro cervello. Per scoprirlo, hanno aggiunto una nuova serie di soggetti all’esperimento.

A questi intervistati sono state poste domande e prima di poter cercare la risposta su Google, hanno dovuto scrivere quale pensavano fosse la risposta. In questo modo, gli intervistati hanno capito rapidamente se conoscevano o meno la risposta.

Questo porta ad un risultato sorprendente. “Se costringi le persone a pensare in anticipo che lo sappiano o meno, non si sopravvalutano. La sovrastima si verifica solo se le persone non esaminano in anticipo la loro memoria”, afferma Dweck.

In un altro esperimento, alle persone è stato permesso di utilizzare Google, ma i ricercatori hanno fatto funzionare il motore di ricerca con un ritardo di 25 secondi. Quindi le persone potevano cercare la risposta, ma nel frattempo dovevano aspettare 25 secondi per ottenerla. Nel frattempo, hanno provato a pensare da soli alla risposta e hanno scoperto, ad esempio, che non conoscevano il cosiddetto squalo piccolo. Ma quando Google dà la risposta dopo 25 secondi, si scopre che i soggetti del test non si considerano più intelligenti degli altri.

READ  iCloud Private Relay arriva prima come beta pubblica

Quindi, come facciamo a sopravvalutarci da Google? Dweck: “La risposta appare ancor prima che ci richiami in mente. E presto le persone pensano che lo avrebbero saputo se ci avessero pensato da soli”.

Sopravvalutarsi è una doppia storia

Secondo il professore, quindi, è una doppia storia. A suo avviso, la sopravvalutazione non è necessariamente un male, ma può anche avere conseguenze negative: “Immaginate che medici e virologi pensino di avere tutte le conoscenze disponibili su Internet, quando non è così”.

“Questo può portare a sopravvalutazioni e valutazioni mediche errate. Internet è lì e possiamo usarlo, ma se non c’è abbastanza conoscenza interna a lungo termine, le persone potrebbero non essere in grado di archiviare tutte queste informazioni. Cerca in Internet in modo efficiente. “

Ascolta la conversazione con Wouter Duyck su nuovi fatti

Fonte: vrtnws.be e nuovi fatti