QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Google ha multato milioni per aver ingannato gli australiani con le impostazioni della posizione – IT Pro – Notizie

Google è stata multata di 60 milioni di dollari australiani per aver ingannato i cittadini australiani con le sue impostazioni dei dati sulla posizione. La corte federale ha stabilito nell’aprile dello scorso anno che Google aveva infranto la legge, ma la multa è stata annunciata solo ora.

Secondo l’organismo di controllo dei consumatori australiano ACCC, Google ha ingannato i cittadini con le impostazioni della cronologia delle posizioni, le attività web e le app dall’inizio del 2017 alla fine del 2018. L’agenzia afferma che utilizzando queste impostazioni, Google ha fatto sembrare che Google raccogliesse e utilizzasse i dati sulla posizione solo quando la cronologia delle posizioni è stata attivata. . In effetti, questo accade anche se l’impostazione Attività web e app è abilitata.

Quindi la Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori ha avviato una causa contro Google nell’ottobre 2019, nell’aprile dello scorso anno La Corte federale australiana si è pronunciata a favore di un organo di controllo. Secondo la decisione, Google e l’ACCC hanno dovuto elaborare insieme i passi successivi. Ciò ha comportato una multa di sessanta milioni di dollari australiani, che è stata trasferita a 41,5 milioni di euro. Il Il Tribunale federale ha accettato questa sanzioneIl che significa che la compagnia americana dovrà ora pagare la multa.

Gina Kass Gottlieb, membro del Consiglio di amministrazione dell’ACCC, ha parlato di una multa “significativa” e afferma che le aziende e le piattaforme non dovrebbero fuorviare i consumatori su come vengono raccolti e utilizzati i loro dati. Il watchdog stima che 1,3 milioni di account Google australiani abbiano visualizzato le organizzazioni incriminate. A dicembre 2018, Google ha modificato le impostazioni, in modo che i consumatori non siano stati fuorviati, secondo il watchdog.

Impostazioni dei dati sulla posizione utilizzate da Google tra aprile e dicembre 2018. Con queste impostazioni, Google salverà la posizione dell’utente, anche se non espressamente indicata.

READ  Bitcoin si consolida sotto i 30.000$, l'hacking potrebbe presto seguire gli insider di criptovalute