QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Google rende gli sviluppatori responsabili delle app rispettose della privacy

A partire dal 20 luglio, gli sviluppatori di app Android sul Play Store devono descrivere quali dati raccoglie la loro app, chi riceve i dati e come i dati sono protetti. La nuova politica può sembrare rispettosa della privacy, ma in realtà è un passo indietro.

AVG / GDPR afferma che gli utenti dell’applicazione bisogno di sapere su come vengono trattati i loro dati. Google Play Store e Apple App Store raggiungono miliardi di utenti con milioni di app. Google e Apple forniscono le app per conto degli sviluppatori. Questo è il motivo per cui sono corresponsabili della conformità AVG/GDPR.

Negli ultimi anni Google ha utilizzato un sistema automatizzato per notificare agli utenti il ​​trattamento dei dati. Se desideri pubblicare un’app sul Play Store, il sistema verificherà a cosa può accedere l’app. I risultati sono descritti nella pagina dell’applicazione, come mostrato di seguito. Gli utenti possono vedere a colpo d’occhio cosa stava succedendo con i loro dati. Questo non è stato possibile ultimamente.

Google ha annunciato nell’aprile 2022 che gli sviluppatori saranno tenuti a farlo per descrivere te stesso Come le loro app gestiscono i dati. Se vuoi pubblicare un’app sul Play Store, descrivi a cosa può accedere l’app.

Questione di privacy

Google non ha detto durante l’annuncio che il sistema automatizzato sarebbe scomparso. Questo sembra essere il caso ora. Esempio di pagina di contestazione. Ad aprile 2022 La pagina descriveva i siti a cui l’applicazione era in grado di accedere (“Autorizzazioni”). Tra aprile e maggio la descrizione è scomparsa. pagina corrente Non mostra alcuna informazione sull’accesso ai dati dell’app, perché Discord non ha ancora aggiunto alcuna informazione sulla privacy.

READ  Questi sono i giochi PlayStation 4 e PlayStation 5 più hot dell'autunno (2021)

Dal 20 luglio 2022 le informazioni sono obbligatorie. Il problema è che gli sviluppatori possono tenere per sé determinate informazioni. Google ha affermato che le app con informazioni incomplete possono essere rimosse dall’App Store, ma la trasparenza automatica del sistema scomparirà.

consiglio: “AVG è un colpo fatale per il mercato delle app”