QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Greg Van Avermait mette alla prova le gambe a Dauphin e parla del Giro -…

Gregg Van Avermait in un campo di addestramento negli altopiani delle Alpi francesi.
Foto: AG2R CITROËN TEAM

Gregg Van Avermait (AG2R-Citroën) ha parlato alla vigilia del Critérium du Dauphiné di come si è sentito dopo i molti metri nelle Alpi francesi e delle sue aspirazioni per il tour e le partite di Tokyo. Il campione olimpico in carica ha anche evidenziato il primo grande round del Remco Evenepoel Championship (Deceuninck – Quick-Step). “Se avesse già vinto il Giro, non sarebbe stato un bene per la sua carriera”.

Come ti sei preparato per le Olimpiadi e il tour?

Dopo le classiche, all’inizio mi sono preso un po ‘di tempo per riposarmi e poi pian piano ho iniziato a costruire Dauphiné-Tour-Games con Triple. Ho completato un training camp sugli altipiani con la squadra nelle Alpi francesi. ma abbiamo cercato di finire il programma di allenamento il più possibile, abbiamo fatto molti altimetri e in generale sono molto soddisfatto delle mie condizioni, penso che sia particolarmente importante essere bravi al tour e sperare di poter andare alle Olimpiadi. Ci sono cinque posti, due dei quali sono già stati occupati, ma presumo che farò parte della selezione. Ora devo vedere che vinco le mie strisce a Dauphiné. Dauphiné è una gara molto importante per la squadra e ha anche un grande pista in serbo. C’è qualcosa per ogni tipo di pilota da testare, che è perfetto per il mio accumulo di tour. “

Pensi che questo tour sarebbe giusto per te?

“Come ogni anno cercherò di vincere le tappe, ma dipende dal mio livello la prossima settimana. Resta da vedere come reagisce il mio corpo al ritmo della prima gara. Inoltre, ho avuto solo la seconda vaccinazione, che comunque mi turba un po ‘, quindi sarà più eccitante. “È sempre un po’ raddoppiato. In realtà ho lasciato Dauphiné così male, ho persino chiesto al direttore sportivo di tenermi fuori dal tour perché non mi sentivo pronto a tutto. E quell’anno ho vinto una tappa e ho preso la maglia gialla. Quindi, la sensazione non dice tutto. L’importante è divertirti quando sei al top della forma. Sicuramente non dovresti essere anche bravo all’inizio del Dauphiné. Anche se di certo non smetterò di cercare di ottenere buoni risultati, cercherò principalmente di raggiungere una forma forte nel tempo “.

READ  Il difensore del Manchester City Mendy rimane in custodia della polizia dopo le accuse di stupro e aggressione sessuale | premier League

Come vede il corridoio di Remco Evenbuell al Giro? È stata una buona idea lasciarlo partecipare adesso?

“Non è una brutta cosa fare un grande giro comunque. Penso che abbia imparato molto da questo. Tuttavia, le aspettative erano molto alte in anticipo. I media hanno elogiato Evineboel molto rapidamente e molto. È il suo primo grande tour, e ci sono molte novità in arrivo. Non ancora. “È facile esibirsi per tre settimane e soddisfare tutte quelle aspettative proprio in questo modo, soprattutto quando si esce da un infortunio così grave. Ma ha fatto tutt’altro che male. Il primo La settimana è andata molto bene, la cosa particolarmente importante: ha potuto imparare molto, non si tratta solo di premere forte i pedali, ci sono molti altri fattori da considerare, è positivo che sia riuscito a fare il suo primo grande giro in questo modo. Se avesse vinto il Giro adesso, non sarebbe stato così bello per la sua carriera. Certo, le aspettative sono. Ti alzerai forte e la pressione sulle sue spalle aumenterà notevolmente. E sei tutt’altro che salti per questo. una giovane età. “

Poi su Dauphiné. Qual è il piano di battaglia?

“Iniziamo con una squadra molto versatile che possiamo significare qualcosa ogni giorno.” Cercheremo di vincere le tappe con fantini diversi e con Ben O’Connor e O’Connor Barrett-Pinter entreremo nella classifica generale. Anch’io ho ottenuto un ruolo gratuito e di tanto in tanto sarò probabilmente in grado di correre il rischio. Vedo alcune possibilità per me stesso nelle fasi un po ‘colorate. Se sono sopravvissuto bene alla salita per i primi 2-3 giorni, potrei essere in grado di correre in un piccolo gruppo per un buon risultato. In ogni caso, vedrò fin dove posso arrivare “.

READ  'Mettili su quella barca senza giubbotto di salvataggio': i trafficanti di persone che hanno inviato rifugiati con bambini nel Mare del Nord rischiano fino a 12 anni di carcere | Cocjeddi

Chi è il tuo preferito?

“Richie Porte (INEOS-Grenadiers) è una persona molto forte nelle gare di teatro per una settimana. È stato anche al TED (Tenerife, Liberator of Spain), quindi sarà sicuramente lì. Per me è l’uomo da battere”.