QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

GTA Trilogy ha un punteggio medio di 0,5 su Metacritic

Oops, i signori e le signore di Rockstar non sembrano decollare facilmente dopo l’uscita di GTA: The Trilogy – The Definitive Edition. Dopo il rilascio della mod per i tre titoli classici di GTA all’inizio di questa settimana, l’aspetto critico di Internet ha dato fuoco allo sviluppatore. Sulla piattaforma Metacritic, il gruppo di giochi ottiene solo un punteggio medio di 0,5. Ahia…

Molti fan sono rimasti offesi dalla presunta pigrizia con cui Rockstar ha affrontato la Trilogia di GTA. Bene, la grafica è leggermente migliorata, ma il fatto che molti vecchi codici possano ancora essere trovati nel codice dei Transformers non piace a molti fan del franchise. In precedenza, i minatori di dati hanno introdotto In considerazione di ciò, ad esempio, vari codici per vecchi brani musicali e mod Hot Coffee vengono ancora elaborati nei convertitori e questo, secondo Internet, mostra il lavoro pigro di Rockstar.

Questi spin-off hanno persino portato offline la versione PC di GTA Trilogy e questa è stata l’ultima goccia per molti fan. Quindi De Wacht può in qualche modo mettersi nella posizione di una manciata di persone che confrontano la riedizione di questa trilogia con la versione di Cyberpunk 2077. Ma anche quel gioco non ha ottenuto un punteggio così basso su Metacritic come la trilogia di GTA, se De Wacht lo fa la sua memoria non lo delude.

Speriamo che Rockstar impari la lezione, perché nonostante la facilità di copia e incolla, Watch pensa che GTA Trilogy sia una riedizione divertente che può divertirsi molto in un modo moderno. Se lo sviluppatore impara dai vari difetti di questa trilogia, potrebbe esserci una dose di grandi trasformatori dalla scuderia di Rockstar nel prossimo futuro. Sebbene la Guardia stia ancora sperando con impazienza in un gioco completamente nuovo dallo sviluppatore. GTA 6, chiunque?

READ  Il nuovo telescopio spaziale della NASA dovrebbe mappare l'evoluzione della Via Lattea