QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Guardando all’interno di una casa di famiglia in uno studio di yoga di Gand con la punta del caffè

Tredici box garage traballanti con un tetto che perde e una grande attrazione per lo scarico illegale: non immediatamente uno spettacolo che fa battere forte il cuore del cacciatore domestico medio. Ma Lauren Grosenberger e Robin Schaefer l’hanno vista come la loro futura casa di famiglia.

Iris De Veter

Hai sentito parlare di un allevamento di tronchi testa e collo? Ti imbatti in questo tipo di architettura “incarnata” nella provincia olandese della Frisia. Chiamatela la tipologia perfetta per lavorare da casa: le persone vivono nella testa, lavorano nel corpo e il collo forma l’anello intermedio. Con un po’ di immaginazione si potrebbe definire la casa di Lauren Grusenmeyer e Ruben Sciffer la controparte urbana di una simile casa colonica, perché il nuovo edificio è composto da tre diversi volumi. Sul lato della strada c’è una “Halle” con una caffetteria e uno studio di yoga. Robin è la buongustaia di turno, Lauren Yogi. Attraverso un “collo” di vetro si finisce dal caffè di “Kop”: la loro casa di famiglia sotto forma di uno spazio abitativo a pianta aperta con una facciata interamente in vetro che si apre sul giardino recintato. “Era il nostro sogno combinare lavoro, famiglia e vita in un unico posto”, afferma Lauren. Holy Trinity ora si riunisce sotto il nome di Home Practice, nel quartiere popolare di Brugse Poort a Gand.

Lauren Groesenmaier (37), graphic designer, e Robin Schaeffer (37), fotografo, vivono qui con il figlio Roman (3) e la figlia Uma (1) / Gestiscono lo studio di yoga e il punto ristoro nell’Home Practice café / Householdpractice. be / Ristrutturazione studio di architettura Gand Felt/feltfoto di Luke Roymans

null Foto di Luke Roymans

foto di Luke Roymans

I mobili inferiori sono rivestiti in Fenix, una plastica opaca.  Gli armadi alti sono rifiniti con intonaco a calce.  foto di Luke Roymans

I mobili inferiori sono rivestiti in Fenix, una plastica opaca. Gli armadi alti sono rifiniti con intonaco a calce.foto di Luke Roymans

La scala è un'impresa, ogni piastrella è stata tagliata su misura.  foto di Luke Roymans

La scala è un’impresa, ogni piastrella è stata tagliata su misura.foto di Luke Roymans

Gli architetti hanno progettato uno spazio a doppia altezza a livello delle scale.  Crea un senso di spazio e luce.  foto di Luke Roymans

Gli architetti hanno progettato uno spazio a doppia altezza a livello delle scale. Crea un senso di spazio e luce.foto di Luke Roymans

Tutto è iniziato tre anni fa quando una coppia ha avuto la possibilità di acquistare un terreno di tredici box per il loro garage. Certo a brandelli. “Non c’era elettricità e dentro pioveva”. Le casse si trovavano in uno stretto vicolo laterale, in un angolo buio che attirava discariche abusive. Ma la giovane coppia ha visto opportunità piuttosto che problemi. Lorraine: “Abbiamo visto l’enorme potenziale del luogo. Ma per assicurarci che ci fosse effettivamente permesso di vivere qui, ci siamo prima avvicinati a Gand. Abbiamo appreso che le case chiuse esistevano qui negli anni ’30, quindi la terra aveva ancora un scopo residenziale. Inoltre, la città era così entusiasta del nostro piano: affrontare un luogo fatiscente rimuovendone lo squallore e rendendolo più verde e avviare un’iniziativa di quartiere: il nostro caffè. Ma quando abbiamo presentato la nostra domanda di costruzione qualche mese dopo, ci siamo presi una cappa sul naso. Hanno visto il nostro appezzamento di terreno come parte di un piano più ampio: l’affiancamento. Con i fienili vicini, questo potrebbe diventare una joint venture con un giardino pubblico. Ha vacillato, perché avevamo comprato il terreno nel frattempo e non eravamo interessati a tale cooperazione. Abbiamo negoziato e alla fine ci è stato permesso di realizzare il nostro piano, proprio come volevamo che fosse “.

READ  'Non ho mai sentito parlare di cure all'interno della famiglia reale': il principe Harry testimonia della sua salute mentale | Proprietà

Ingresso alla sala yoga.  Gli elementi strutturali della struttura a telaio in legno sono rimasti visibili.  foto di Luke Roymans

Ingresso alla sala yoga. Gli elementi strutturali della struttura a telaio in legno sono rimasti visibili.foto di Luke Roymans

Questo progetto è venuto da Felt, uno studio di architettura di Gand fondato da Jasper Stevens e Karel Verstraeten nel 2014. Ottima mossa, perché il loro primo progetto è stato un successo immediato. “Quando abbiamo visto la loro proposta, abbiamo detto: ‘Hai dipinto il nostro sogno.'” Non abbiamo cambiato quasi nulla della planimetria del primo piano. Solo la cucina e la zona salotto hanno cambiato posto. E al piano di sopra abbiamo trasformato una grande camera da letto in due piccole stanze.

Grusenmeyer e Sciffer hanno fornito molta ispirazione agli architetti. Immagini di case tradizionali giapponesi con pareti scorrevoli in carta, tra le altre, ma anche Eames House: la moderna casa-studio della famosa coppia di designer, concepita come un blocco modulare di acciaio e vetro. Questi due effetti torneranno sicuramente. Basta guardare il ritmo dei pannelli di legno sul muro in cucina, nello studio di yoga e nel caffè. Il metallo della Eames House non si adattava agli architetti dell’area della classe operaia, quindi divenne una facciata in mattoni leggeri. Tuttavia, hanno mantenuto le grandi pareti vetrate e l’idea di spazi a doppia altezza all’altezza delle scale.

In bagno, Lauren ha scelto tessere di mosaico bianche.  foto di Luke Roymans

In bagno, Lauren ha scelto tessere di mosaico bianche.foto di Luke Roymans

Nel caffè, i pannelli di legno rivolti verso il muro sono abbastanza robusti da contenere gli scaffali.  foto di Luke Roymans

Nel bar, i pannelli di legno alle pareti sono abbastanza robusti da contenere gli scaffali.foto di Luke Roymans

C'è un ripostiglio della cucina e una lavanderia nel sottoscala in modo da sfruttare ogni metro quadrato.  foto di Luke Roymans

C’è un ripostiglio della cucina e una lavanderia nel sottoscala in modo da sfruttare ogni metro quadrato.foto di Luke Roymans

null Foto di Luke Roymans

foto di Luke Roymans

Quando si tratta di soldi, la coppia ha mantenuto la calma. Lorraine: “Sapevamo benissimo quanto volevamo spendere: 2.000 euro al massimo al metro quadrato. Questo è aggravato dai nuovi standard edilizi. Spesso abbiamo dovuto fare i puzzle e cercare, ma ci siamo riusciti”. Tra le altre cose, l’uso di materiali strutturali come finitura. Ad esempio, l’intera struttura del telaio in legno è rimasta visibile, basta guardare le travi del soffitto e la parete di vetro. Le pareti sono state rivestite con Fermacell, un’alternativa ambientale all’intonaco. Di solito è intonacata, ma l’abbiamo lasciata a vista. Fornendo doghe di legno sulle cuciture non vedi che sono tutte tavole sciolte. Nel caffè abbiamo scelto travi più larghe in modo che potessero essere posizionate delle mensole”.

READ  Non era "vicino", ma "Triangle of Sorrow" è stato incoronato miglior film europeo

Robin dice che hanno fatto più soldi in cucina. “Sono un vero cuoco per hobby. La cucina dovrebbe essere ampia e confortevole, preferibilmente realizzata interamente in acciaio inossidabile. Gli architetti hanno disegnato la cucina dei miei sogni, ma quando abbiamo ricevuto il preventivo si è rivelata fuori dalla nostra portata”. Alla ricerca di un’alternativa più economica, Lauren si è imbattuta in Firmax, un’azienda belga che produce cucine basate su mobili Ikea. “Non vendono solo altre facciate, realizzano intere cucine che puoi personalizzare in misura ragionevole. La nostra cucina Firmax costa la metà di una cucina su misura. Naturalmente ci sono anche dei limiti: a causa del sistema modulare, hai scendere a compromessi. Ad esempio, la parete dell’armadio non arriva Il tetto e il ritmo delle ante non si adattano perfettamente alla struttura delle travi.”

La parete laterale della casa esposta a sud è quasi interamente in vetro.

La parete laterale della casa esposta a sud è quasi interamente in vetro. “Abbiamo scelto l’alluminio di facile manutenzione per le finestre.”foto di Luke Roymans

Dallo scorso anno, Brugse Poort a Gand ha aggiunto uno studio di yoga con pratica a casa.  foto di Luke Roymans

Dallo scorso anno, Brugse Poort a Gand ha aggiunto uno studio di yoga con pratica a casa.foto di Luke Roymans

Un altro grande risparmio è l’elettricità: Robin l’ha installata lui stesso. “La tecnologia è importante per me. Inoltre, volevo davvero la domotica e il controllo degli accessi per gli insegnanti di yoga che vengono qui. Lasciarlo a un professionista era fuori dal nostro budget”, dice, aggiungendo rapidamente: “Devo ammettere L’ho totalmente sottovalutato. Hai allentato almeno sei chilometri di tubo flessibile. Fino a quando non riuscivo più a muovere braccia e spalle”. Il suo lavoro instancabile ha dato i suoi frutti: lo studio di yoga, dove insegnano altri nove insegnanti oltre a Lauren, opera in modo completamente indipendente, separato dalla casa di famiglia. Perché non importa quanto sia meravigliosa la combinazione di lavoro , vita e famiglia è, a volte è gratificante chiudere quella porta.

READ  Ecco perché William e Harry non hanno tenuto un discorso separato: 'Sarebbe stato disastroso' | Proprietà