QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Guardare il calcio al bar diventa una spinta (per i proprietari): ‘Non ne vale più la pena’ | Jupiler Pro League

Il nostro torneo nazionale di calcio è ricominciato e anche i caffè erano pieni. È evidente quando si guarda il calcio con un drink in mano. Ma una decisione del titolare dei diritti Eleven Sports minaccia di rimuovere questa tradizione.

Studenti o amici tra di loro, padre e figlio insieme al pub o tifosi che fraternizzano davanti a una birra: guardare una partita di calcio in TV in un bar o in un caffè fa parte della nostra società.

Ma per i proprietari di caffè, qualcosa è cambiato in questa stagione. D’ora in poi, i proprietari di caffè dovranno pagare per poter trasmettere le partite di calcio belga nel loro stabilimento.

A seconda delle dimensioni del bar o della mensa, l’importo varia dai 70 ai 150 euro, un importo mensile in aggiunta alla quota di abbonamento richiesta da Eleven Sports, titolare dei diritti della Jupiler Pro League.

La misura è stata inizialmente accolta con incredulità nel nostro settore e poi si è trasformata in indignazione di massa.

Eric Bionkins, amministratore delegato di FEDCAF

Eric Beunkens, vicedirettore della FEDCAF, la Federazione dei caffè del Belgio, ha risposto indignato a Radio 1: “L’azione è stata prima accolta con incredulità nel nostro settore e poi si è trasformata in indignazione di massa”.

Il settore della caffetteria conferma ancora una volta come le ripercussioni della crisi del Corona siano ancora palpabili. “Il caffè ora ha un fatturato dal 50 al 70 percento rispetto alla quantità di corona”.

“Inoltre, i prezzi dell’energia sono molto alti e anche il prezzo della birra è salito. A questo si aggiunge un importo di circa 120 euro al mese per il calcio al bar …”

READ  Perché l'europeo Andrew Hjulsager non gioca: 'Se non lo fanno, è perché voglio tenere tutti a bordo' | AA Gent

“Temo sia un dato di fatto”

Presumibilmente a causa del titolare dei diritti Eleven Sports che perde molti potenziali abbonati se questi clienti guardano in massa il calcio belga in un bar.

Il direttore della FEDCAD Nuances: “Da 10 a 15 anni fa, il calcio professionistico poteva essere guardato quasi esclusivamente in un bar. La gente allora non aveva un abbonamento a casa, ma la sorpresa del passato non c’è più”.

“Il calcio affolla ancora i frequentatori dei pub, ma non come lo era anni fa, quando non riuscivi più a trovare un posto. Quel grande afflusso è sparito e Eleven Sports se ne è dimenticato”.

Non ne vale più la pena. La maggior parte dei proprietari di bar con cui ho parlato sta valutando la possibilità di non trasmettere più il calcio e quindi di annullare l’abbonamento.

Eric Bionkins, amministratore delegato di FEDCAF

Anche i proprietari di caffè fanno il conto. “Non ne vale più la pena. La maggior parte dei gestori di bar con cui ho parlato stanno pensando di non trasmettere più il calcio e quindi di cancellare l’abbonamento”.

“Ogni bar deve vedere se è ancora redditizio. Ma la maggioranza mi dice che non ha più senso. Devi davvero approfittare di molta birra extra per coprire quei costi, per non parlare di farne qualcosa. “

“Possiamo ancora consultarci con il titolare dei diritti? Temo che sia un fatto compiuto. Aziende così grandi stanno cercando di recuperare profitti da Corona, ma stanno solo guardando a se stesse”.