QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Guerra del tartufo in Italia: anche i cani vengono avvelenati

Guerra del tartufo in Italia: anche i cani vengono avvelenati

La ricerca del tartufo con i cani è una tradizione italiana. Ma il cambiamento climatico ha ridotto i raccolti e aumentato la concorrenza. Anche i cani sono avvelenati.

Paolino Walkenet

Il sole splende luminoso e le foreste di pini invitano. I cacciatori di tartufi Stefano Scaccia (40) e Antonino Lagana (64) parcheggiano la loro auto in una pineta nascosta tra le montagne vicino a Targunia (Italia centrale) questo sabato pomeriggio. “Raramente vedi queste foreste dalla strada, devi sapere che è lì”, dice Lagana. “Ecco perché le persone a cui piacciono le altre cucine raramente vengono qui.”

Due cani Lagoto Romagnolo, Daphne e Viola, saltano eccitati dal tronco e iniziano subito ad annusare. Sono addestrati a trovare i tartufi, un fungo dall’odore pungente e amaro che cresce sulle radici degli alberi. Ma ben presto Scacia e Lagana trovarono il terreno arido. E nel terreno asciutto i tartufi maturano raramente; Hanno bisogno di umidità e freschezza per crescere.

Scacia: “Questo inverno piove pochissimo. E fa caldo. Di conseguenza, c’è pochissimo cibo disponibile. Dice che normalmente torna a casa con un chilo di tamarindo al giorno. “Ma questo inverno posso essere felice se torno a casa a 300 grammi.”

700 euro al chilo

Il fatto che i tartufi bianchi e neri scarseggino quest’inverno in Italia sembra essere dovuto al cambiamento climatico: fa più caldo e piove meno. Quella carenza ha ulteriormente aumentato il prezzo della già costosa prelibatezza. Oggi, il tipo comune di tartufo bianco che entrambi gli uomini cercano costa fino a 700 euro al chilo. Agli appassionati piace radersi qualche grammo di tartufo dall’odore terroso sopra la pasta e le uova al tegamino.

Con la scarsità di tartufi ad alto rendimento, la concorrenza è feroce tra gli oltre 70.000 appassionati di tartufo. In quella dura battaglia, alcuni usano l’artiglieria pesante: avvelenano i cani mangiatori di tartufo per eliminare i rivali.

È successo a Thomas Moraska (38) all’inizio di gennaio. Questo cacciatore di tartufi, come la maggior parte delle persone per divertimento, ha portato il suo cane Thora in una faggeta al confine tra Lazio e Abruzzo. Tornando alla sua macchina con qualche chilo di tartufi, Thor leccò il wurstel sotto la macchina.

“Immediatamente ha avuto una convulsione e ha stretto i denti. Corsi come un matto con lui verso il villaggio dal veterinario. Ma Thor si è congelato completamente ed è morto nel raggio di 300 metri”, ha detto Moraska al telefono. “Ho capito subito che una persona gelosa aveva messo una salsiccia avvelenata sotto la mia auto. Si è rivelato essere veleno per topi. Moraska è furioso. “Se trovo il colpevole, lo ucciderò. Lo farò con Thor. Era molto affezionato. Mi manca.”

Stefano Scaccia mostra i tartufi trovati: ‘Circa 5 grammi. Non è molto.’Figura di Pauline Walkenet

Dopo quell’avvelenamento, il sergente capo Daniel Farmichetti si è recato nella faggeta. Apparteneva Carabinieri, un gendarme italiano con compiti di polizia, ed è di stanza a Righty. Il suo pastore belga, Asia, è addestrato a trovare carne avvelenata in natura. Farmichetti e Asia hanno ‘spazzato’ l’area. Quel giorno trovarono una volpe morta, anch’essa venuta dopo la salsiccia avvelenata.

Nessuna notifica

“L’avvelenamento degli anacardi è sempre stato presente”, ha detto Farmichetti, “ma quest’anno, con pochissime precipitazioni, stiamo assistendo a guerre del tartufo più intense e più avvelenamenti”. Non abbiamo statistiche concrete perché i cacciatori di tartufi infetti non lo segnalano. Non riescono a farlo perché non vogliono rivelare l’area che stanno cercando o perché il loro cane non ha il chip, come è ufficialmente richiesto. “Di recente abbiamo sentito di un uomo che ha perso sette tartufi in questo modo, attraverso l’uva.”

I carabinieri trovano raramente criminali. “È molto difficile prenderli in flagrante. Partiamo dal presupposto che si tratta di persone che vogliono più spazio e più cibo per se stesse.

Nella pineta vicino a Targunia, Scacia e Lagana sono esseri premonitori. Tengono d’occhio i loro cani. Scaccia dice che ha allenato la sua viola ed è naturale con un naso eccezionalmente buono. Qualcuno ha recentemente offerto 10.000 euro per lei, ma lui non vuole perderla. Perché questa è la cifra che Scacia guadagna in una buona stagione; Vende la prelibatezza ai ristoranti. “Dai!” Incoraggia Viola. “Vai lì!”

Un’ora dopo finalmente ha colpito. Viola si dimena sotto un albero e inizia a scavare. Scacia interviene subito, spinge via il cane, scava la terra con le mani e recupera un piccolo tartufo. “Un grammo o 5”, dice. “Non è molto.”

Dopo due ore gli uomini lo chiamano un giorno. La rapina è deludente. Mentre si avvicinavano alla macchina, per precauzione hanno messo i cani al guinzaglio. Scaccia: “Forse un wurstel avvelenato sotto”.

READ  Una funivia ficcanaso capita spesso questo fine settimana in Italia?