QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Guida pratica GIRO D’ITALIA 2022. Il giro d’Italia più duro può andare in tutte le direzioni

Il percorso. Molto pesante, a partire dall’Ungheria

La Grande Bardensa si terrà quest’anno in Ungheria. Il lancio a Budapest era già previsto per l’edizione 2020, ma il piano ha dovuto essere modificato dopo che la corsa a tappe è stata posticipata all’autunno a causa dell’epidemia di Corona. Questo è il quattordicesimo lancio di Ziro all’estero, lanciato l’ultima volta nel 2018 a Gerusalemme.

Il primo giorno i pugili hanno un’occasione unica per ritirare la maglia rosa, il giorno dopo è la fine dei cronometristi e il turno dei velocisti in terra ungherese l’ultimo giorno. Dopo una giornata di riposo per spostare l’intera carovana in Italia, segue subito un applauso sul suolo italiano: il monte Edna. Dopodiché, si applicherà nuovamente a pugili, attaccanti e velocisti, con il primo scontro tra uomini in programma per domenica 15 maggio al Blockhaus.

La seconda settimana è per i primi (er)uomini al via, ma da sabato 21 maggio è tempo di scalare le Alpi piemontesi. Dopo l’ultimo giorno di riposo, ci aspetta la tappa della Regina attraverso le Alpi, oltre 5.000 metri di dislivello e sulla strada per il famoso Passo del Morolo. Tuttavia, il risultato finale per la classifica generale è previsto con una degna conclusione nelle Dolomiti nel fine settimana, con tre salite difficili come Passo San Bellegrino, Passo Portoi (“Sima Copy”) e Marmalade. Nella giornata conclusiva è in programma a Verona una cronometro decisiva.

© AFP

Il 19 maggio è un momento emozionante

Giovedì 19 maggio sarà per molti una giornata emozionante, perché per la prima volta dalla morte di Water Wayland, Giro Paso torna al del Poco. Nella terza fase di Zero 2011, il pedale dell’allora velocista belga di 26 anni rimase bloccato dietro il muro in quella vasca da arrampicata, dopo di che cadde pesantemente e morì. Dall’inizio a Pharma si sta dirigendo verso il terzo tipo di salita a metà gara, a seguito della quale quella lunga e tecnica discesa è pericolosa per Wayland.

Leggi di più.Dieci anni dopo lo spettacolo in Zero, la ragazza di Waters Wayland guarda indietro: “Non ci sono foto di Waters in casa. Fa molto male “

© Getty Images

Partecipanti: nessun campione in carica, nessun Remco, nessun Merlier

Zero non era l’attuale campione all’inizio di quest’anno. La riabilitazione di Egan Bernal sta andando bene, ma sicuramente non farà un grande giro quest’anno. Il 25enne vincitore del tour 2019 e Zero 2021 lo ha già annunciato ad aprile. Il colombiano degli Ineos Grenadiers si è scontrato con un autobus a tutta velocità il 24 gennaio durante una sessione di addestramento. Il colombiano ha rotto undici costole, un femore, una rotula, due vertebre toraciche, una vertebra cervicale, un osso metacarpale e un pollice. Ha perso un dente e ha avuto due fori ai polmoni.

Ci sono alcuni chilometri testati nel tempo in questo Zero, il che significa che non sarai in grado di vedere il Remco Evenpoil all’inizio di quest’anno. Il vincitore della Liegi-Bastogne-Liegi quest’anno guiderà la Vuelta e, secondo Patrick Lefevere, il 22enne Evenepoel ha ancora bisogno di un grande giro all’anno perché non ha iniziato a pedalare in giovane età come Tadej. Ad esempio, Pokhar. Neanche gli sloveni partiranno, perché lui – come il suo compagno di squadra Primos Roquel – è completamente concentrato sul Tour de France.

Tim Merlier ha vinto ad un certo punto al Giro de Italia l’anno scorso, ma questa volta non ci sarà. Il velocista belga dell’Alpecin Fenix ​​Carrefour de l’Arbre è caduto alla Parigi-Roubaix e aveva una ferita aperta al gomito che doveva essere pulita chirurgicamente. L’infortunio non è guarito quando Jiro era all’inizio.

© Belka

Alla festa: Van der Boyle, Dumoulin, …

Tuttavia, il suo primo Zero all’inizio: Matthew van der Boyle. La prima tappa in Ungheria è diventata la finale completa se il vitello è stato morso a pochi chilometri di distanza. Adatto per perforatori come VDP. Ma ci sono anche opportunità per meno di dieci chilometri di cronometro in due giorni e un po’ di alpinismo nei prossimi giorni. “La prima settimana è particolarmente interessante, con la possibilità di una maglia rosa”, conferma Van der Boyle. “Questa è la ragione principale.” Se il piano continua, come sembra, Van der Poyle intende anche finire il Giro. Partire presto per iniziare Tour Fresher non è un’opzione.

Un altro drammatico olandese al via a Budapest: Tom Dumoulin. Zero sarà un grande obiettivo per il pilota Jumbo-Wisma che ha già vinto la gara nel 2017. “La scelta tra Zero e Tour non è stata molto difficile”, dice, “e abbiamo già una grande squadra del tour. Primos (Rocklick), Jonas (Winkard) e Steven (Kruiswijk) sono andati avanti. Quindi la scelta è stata fatta rapidamente. Sto bene con l’Italia. Ci sono ricordi e non vedo l’ora di buttarmi indietro per una classifica. Stress? Ebbene no, le aspettative sono sempre alte, non importa da quale materia parto. Ci stiamo comportando bene e lo sono in attesa della partita finale con lui.

Da parte belga, attende l’esperto Thomas de Gent, che correrà per la prima volta nella Lotto-Soutal insieme a Maxim von Giles e Harm von Hook al servizio del velocista Caleb Ivan. L’australiano più veloce ottiene sette possibilità di sprint sulla carta e deve consegnare punti (costosi) del World Tour con una squadra complessa. In Quick-Step Alpha Vinyl, dopo il ritiro del giovane Van Wilder, solo il giovane Maori von Sevenant viene dal Belgio. La squadra belga si concentrerà sullo sprinter Mark Cavendish nella prima settimana. Oltre a Ivan, dovrà vedersela con altri uomini dal ritmo incalzante come Revelation Pinium Girme, Elijah Viviani e Fernando Gaviria.

Non così preferito: la tensione trionfa!

Senza Bernal, Pogacar o Roglic, quest’anno non sarebbe stata avanzata alcuna opzione migliore. L’ex vincitore è uno dei rivali di Dumoulin, ma per il momento si ipotizzano le condizioni fisiche e mentali dell’olandese. Ma dietro gli altri “grandi nomi” ci sono alcune domande, perché uomini come Simon Yates, Richard Carabas, Michael Landa, Joao Almeida, Miguel Angel Lopez o Romain Bardet sono abbastanza forti da vincere il Grand Tour? Quindi la tensione trionfa!

© AFP

Quindi questo è l’anno scorso. L’unica costante è Egan Bernal

Dopo tre settimane particolarmente turbolente, con ogni giorno sorprendente, grazie a due vittorie di tappa belghe del velocista Tim Merlier e dell’attaccante Victor Cambernaz (vedi sotto), solo uno fissato a Zero lo scorso anno: Egan Bernal.

Per le prime due settimane Bernal ha presentato la scena cercando un attacco sia su ghiaia che cemento, mentre Remco Evenpoil ha fallito per mancanza di preparazione. Nella terza settimana, quando il suo vantaggio era comodamente ampio, Yates e il vecchio Caruso hanno gareggiato con lui, dimostrando che era un maestro nel ciclismo conservativo. Inoltre, se ha avuto un momento di tremore, la sua squadra era sempre lì per sistemare la situazione in qualsiasi momento. Giorno dopo giorno in questo Zero, dopo il devastante Tour de France, Bernal ha scacciato i sospetti che lo avevano tenuto sveglio per nove mesi. La sua schiena era ancora in grado di resistere a una dura gara di tre settimane, e dopo ogni corsa abbiamo visto la sua nuova ragazza dai capelli scuri abbracciarlo con entusiasmo: l’LDVD, a lungo dimenticata. Inoltre può contare su una squadra fortissima, ricordate l’iconica immagine di Daniel Martinez, che gridava al suo leader quando sembrava avere il momento più debole. No, Bernal sembrava tornare fino alla sua morte a gennaio.

Punteggio finale:

1. Egan Bernal

2. Damiano Caruso

3. Simon Yates

4. Alexander Vlasov

5. Daniel Martinez

6. João Almeida

7. Romaine Barted

8. Ugo Carty

9. Tobias Foss

10. Daniel Martin

© BELGAIMAGE

Palmerasi. Eddie Merks (co) detentore del record

Come in molte gare, Eddie Merks è il co-detentore del record in Zero. Negli anni delle leggende italiane Alfredo Binda (1925, 1927, 1928, 1929 e 1933) e Fosto, 1940, 1949, 1940, 1940, 91, 1970, 1968, 1970, 1972, 1973 e 1974, il nostro connazionale Giro de Italia ha vinto cinque volte. . 1952 e 1953). L’ultimo vincitore assoluto del Belgio è stato Johan de Muyink nel 1978.

Con “solo” 25 vittorie di tappa, Merks dovrebbe rendere omaggio a Mario Cipolini, la cheerleader che ha esultato almeno 42 volte nel suo tour country. L’anno scorso abbiamo ottenuto due vittorie di livello belga al secondo round con Tim Merlier e Victor Campenerts al livello 15.

Ultimi dieci vincitori:

2021: Egan Bernal

2020: Tao Geogen Cuore

2019: Richard Carbus

2018: Chris Fromm

2017: Tom Dumoulin

2016: Vincenzo Nibalik

2015: Alberto Condor

2014: Nairo Quintana

2013: Vincenzo Nibalik

2012: Ryder Hessetel

© Chrotti / Icon Sport

Non sulla TV fiamminga, ma su Eurosport

Dal 2017 il Giro non è più trasmesso in diretta su VRT perché l’organizzatore RCS (legato al quotidiano Gazsetta Tello Sport) non vuole trasmettere l’intero set. Ecco perché anche quest’anno i telespettatori devono ricorrere a Eurosport per i film dal vivo. Puoi sicuramente guardare la trasmissione in diretta di ogni fase dall’inizio alla fine www.sportwereld.be

© LAPRESSE

Non giallo, ma rosa

Infine, un consiglio per i ciclisti: non cercate la familiare maglia gialla del Tour de France al Giro. No, il leader del giro d’Italia corre in maglia rosa. ‘Maglia Rosa’ è un simbolo del colore caratteristico della Gazette Dello Sport, il giornale organizzatore, stampato su carta rosa. Inoltre, la maglia a pois non è verde ma viola, e il regalo della montagna sarà dato a qualsiasi maglia a pois, ma non a una maglia blu. Solo la maglia bianca della gioventù è sulla sua controparte francese.

Il contenuto di un social network che vuole scrivere o leggere cookie è inserito qui. Non hai il permesso per questo.

Il contenuto di un social network che vuole scrivere o leggere cookie è inserito qui. Non hai il permesso per accedervi.

Il contenuto di un social network che vuole scrivere o leggere cookie è inserito qui. Non hai il permesso per accedervi.

Il contenuto di un social network che vuole scrivere o leggere cookie è inserito qui. Non hai il permesso per accedervi.

READ  Le patate tedesche vengono importate dall'Italia nei paesi balcanici e baltici