QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Guterres, capo delle Nazioni Unite in Pakistan: “Non abbiamo mai visto un massacro climatico di questa portata” | All’estero

I paesi in via di sviluppo stanno pagando un “prezzo terribile” per la dipendenza del mondo dai combustibili fossili. Lo ha affermato il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres durante una visita in Pakistan. Questo paese è stato duramente colpito dalle inondazioni dopo le piogge monsoniche attribuite al cambiamento climatico.

Guterres spera che la sua visita fornisca sostegno al Pakistan, che ha bisogno di almeno 10 miliardi di euro per riparare le infrastrutture danneggiate. “Il Pakistan e altri paesi in via di sviluppo stanno pagando un prezzo terribile per l’intransigenza dei principali inquinatori che continuano a scommettere sui combustibili fossili”, ha detto Guterres in un tweet poco prima di visitare alcune delle aree più colpite.

Guarda di seguito il videomessaggio che lo stesso Guterres ha condiviso sui social:

“Da Islamabad faccio un appello a livello globale: ferma la follia. Investi ora nelle energie rinnovabili. Metti fine alla guerra contro la natura”.


citazioni

Questo è un suicidio di massa

António Guterres, Segretario Generale delle Nazioni Unite

Non ho mai visto una tale catastrofe climatica prima d’ora. È stato davvero un bagno di sangue, ha detto Guterres. “Questo è inimmaginabile. Ho assistito a disastri umanitari in tutto il mondo, ma non ho mai assistito a un massacro climatico di tale portata”, ha affermato il Segretario generale delle Nazioni Unite.

pazzo

Guterres si è lamentato ieri della mancanza di interesse mondiale per i cambiamenti climatici, specialmente nei paesi industrializzati responsabili della stragrande maggioranza delle emissioni storiche di anidride carbonica. “Questa è follia, questo è un suicidio di massa”, ha detto.

Il Pakistan ha visto il doppio della normale quantità di pioggia da giugno. Di conseguenza, quasi un terzo della terra asiatica è sommerso dall’acqua, un’area grande quanto il Regno Unito. Ci sono poche aree asciutte di terra, specialmente nel sud e nell’ovest. Più di 33 milioni di persone sono state colpite dalle inondazioni, circa il 15% della popolazione del Pakistan. Secondo l’ultimo conteggio, quasi 1.400 persone sono già morte, inclusi più di 450 bambini. Decine di migliaia di persone sono state sfollate.

Shahbaz Sharif, il Primo Ministro del Pakistan (a destra) e il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres (a sinistra) incontrano i bambini sfollati a causa delle inondazioni nella provincia del Belucistan. © AFP

Ponti e strade sono stati distrutti e si stima che un milione di case siano state danneggiate o distrutte. Secondo il governo pachistano, la ricostruzione costerà almeno 10 miliardi di euro. Il Pakistan subisce ogni anno piogge pesanti, spesso distruttive, durante la stagione dei monsoni. Le precipitazioni sono fondamentali per l’agricoltura e l’approvvigionamento idrico. Ma piogge abbondanti come quest’anno non si vedevano da decenni.


‘Disastro climatico del decennio’: il Pakistan è sott’acqua (ma non è solo colpa del clima) (+)

Le Nazioni Unite stabiliscono un ponte aereo con il Pakistan per raggiungere le vittime delle inondazioni

L’emisfero settentrionale è stato duramente colpito quest’estate dagli effetti del riscaldamento globale

READ  Biden considera l'aborto un'emergenza di salute pubblica