QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Hanno perso 120mila euro di soldi privati ​​e il matrimonio è finito”: hanno dovuto far fallire il loro negozio

“Hanno perso 120mila euro di soldi privati ​​e il matrimonio è finito”: hanno dovuto far fallire il loro negozio

Ina De Quint (39) di Hovenen (Stabroek) ha dovuto lasciare fallire il suo negozio Captain Cork, che vende borse e altri accessori in sughero, nell’ottobre 2023. “È stato un periodo molto difficile”, dice Ina “Ho investito 120 Mille euro di denaro privato nella mia attività, e quel denaro ora è finito.” Peter-Jan Waters (32) è stato costretto a far fallire la sua azienda Andy Drinks di Boom nel giugno 2023. “Dopo il fallimento, ho passato del tempo. con la mia famiglia e i miei amici, e non c’era così”.

“Esiste un mercato per i prodotti sostenibili in sughero, ma la crisi del Corona, l’aumento degli affitti e un’economia stagnante hanno fatto sì che la mia attività non potesse sopravvivere. Il fallimento ha messo fine anche al mio matrimonio con l’uomo con cui avevo lavorato per vent’anni ore a settimana per un po’. Questo problema è diventato il mio focus assoluto, il che ha messo molta pressione sulla mia relazione. Ho prestato meno attenzione alla mia vita familiare e al matrimonio.

Leggi anche: I coach si offrono volontari gratuitamente per guidare gli imprenditori in fallimento: “Devono imparare di nuovo chi sono come persone”

Inna ha ricevuto sostegno da un coach dell’organizzazione Renaissance nei primi mesi difficili dopo il fallimento del suo negozio. “Il mio allenatore al Revival mi ha insegnato che dovevo lasciare andare la sensazione di fallimento”, dice Ina. “Ho anche un’amica americana che era molto emozionata per il mio fallimento e si è congratulata con me con le seguenti parole: ‘Congratulazioni, ora sei un vero imprenditore, perché dal fallimento si impara di più’ molte conoscenze e competenze derivanti dal fallimento della mia azienda. Mi ha insegnato Il mio coach a Revival mi ha detto che dovevo trasformare questa sensazione di fallimento in una sensazione di nuova energia vitale.

Oggi Ina è di nuovo una dipendente. Lavori per un’azienda che aiuta altre aziende a migliorare la propria politica del personale. Vuoi avviare nuovamente un’attività? “Sì”, dice Ina. “Ma lo farei diversamente. Chiederei più aiuto agli investitori esterni. Ora volevo farlo da solo, per paura di essere rifiutato. In ogni caso, a Cork non avrei più aperto un negozio di sughero qualcosa legato alla sostenibilità. E quando avvierò di nuovo un’attività commerciale, l’attenzione rimarrà sulla sostenibilità.

Peter Jan Waters ricomincerà a lavorare con Andy Drinks questo mese dopo il fallimento. Consegna bevande a domicilio. — © Joren de Verdt

Peter Jan Waters: “La mia azienda ha fallito, non io e sto ricominciando da capo.”

Peter Jan Waters, 32 anni, ha dovuto lasciare fallire la sua azienda Andy Drinks di Boom nel giugno 2023. “Consegnavamo bevande a casa dei consumatori utilizzando camion elettrici”, afferma Peter Jan Waters.

Leggi anche: Andy Drinks riavvia il delivery delle bevande: “Imparato dal passato”

“Si va dall’acqua alle bibite e alla birra. Molti di questi prodotti sono pesanti da portare a casa a piedi o in bicicletta. Quindi abbiamo sicuramente aggiunto valore alle aree urbane, perché molte persone lì non hanno un’auto è fallito perché non siamo riusciti a raccogliere abbastanza soldi da investitori esterni nell’ultimo round di capitale Ho lavorato duro negli ultimi mesi per salvare l’azienda e non sono stato pagato Vivevo dei miei risparmi, ma ora il mio conto di risparmio si sta seriamente riducendo. Come ho gestito il fallimento? Soprattutto il tempo trascorso con amici e familiari, perché negli ultimi mesi prima del fallimento non avevo tempo per questo.

READ  L'imprenditore Fernand Huts ha annunciato il suo successo nella lotta ai rifiuti di plastica: “Siamo riusciti a riciclare il 100 per cento della plastica” | Notizie Instagram VTM

Ho lavorato duro negli ultimi mesi per salvare l’azienda e non sono stato pagato. Vivevo dei miei risparmi

Peter Jan Waters

Dopo il fallimento, Peter Jan è stato mentore di un allenatore di Revival. “Da quelle conversazioni ho imparato che la mia azienda ha fallito, ma non io”, dice. “Ho trovato la flessibilità per ricominciare da capo. Ricominceremo da capo con i drink di Andy questo mese, ma in forma ridotta. Consegneremo drink ad Anversa, Bruxelles, Lovanio e Mechelen. Chi ordinerà prima delle 18 avrà la loro bevanda viene consegnata a casa il giorno successivo e non lo stesso giorno.” Guidiamo anche camion diesel e abbiamo un deposito centrale a Boom, quindi non abbiamo più due depositi e questo nuovo approccio riduce i nostri costi operativi.”