QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Hubble sta facendo un’importante scoperta sulla misteriosa luce spettrale tra le galassie

Tra i giganteschi ammassi di galassie, le stelle vagano, non legate gravitazionalmente a una singola galassia. Danno un bagliore spettrale. La grande domanda è: da dove vengono?

Gli astronomi si sono chiesti a lungo come queste stelle vaganti possano disperdersi in un ammasso. Ci sono diverse teorie: Le stelle erano molto precoci: si sono formate diversi miliardi di anni fa nel periodo di formazione dell’ammasso. In alternativa, potrebbero essere stati espulsi da una galassia o lanciati avanti e indietro tra le galassie dopo la loro convergenza.

Infrarossi
Un recente sondaggio a infrarossi del buon vecchio Hubble fa luce su questo problema. Questo telescopio spaziale della NASA ha esaminato la cosiddetta “luce all’interno dell’ammasso” e ha concluso che le stelle vagano da miliardi di anni e non sono il prodotto di un’attività più recente in un ammasso stellare che le ha espulse dalle loro normali galassie.

Hubble ha osservato dieci ammassi situati a circa 10 miliardi di anni luce dalla Terra. Poiché la luce è 10.000 volte più debole del cielo notturno visto dalla Terra, le misurazioni possono essere effettuate solo dallo spazio.

Giovani senzatetto
La ricerca ha rivelato che la rifrazione della luce all’interno dell’ammasso rimane costante per diversi miliardi di anni, rispetto alla quantità totale di luce nell’ammasso. “Ciò significa che queste stelle erano davvero senzatetto nelle prime fasi della formazione degli ammassi”, ha affermato James G della Yonsei University di Seoul, che ha condiviso le sue scoperte. pubblicato in natura.

Luce fantasma / Hubble

Le stelle possono espandersi dai loro luoghi di nascita perché orbitano attorno al centro dell’ammasso mentre la galassia si muove attraverso materiale gassoso nello spazio intergalattico. Nel processo, gas e polvere vengono espulsi dalla galassia. Ma questo meccanismo non è la ragione principale della formazione delle stelle all’interno dell’ammasso, secondo lo studio di Hubble. Quindi la rifrazione della luce aumenterà nel corso degli anni, ma non è così. La luce è rimasta invariata per molti miliardi di anni.

READ  I modi originali di utilizzare GoPro

Stelle trapelate
Non sappiamo esattamente cosa renda le star dei senzatetto. Le teorie attuali non possono spiegare i nostri risultati, ma in qualche modo sono stati prodotti in serie nell’universo primordiale”, afferma Gee. “Nei loro primi anni di formazione, le galassie potrebbero essere state molto giovani e le stelle sono sfuggite abbastanza facilmente perché c’era meno gravità”.

“Se riusciamo a determinare l’origine delle stelle all’interno dell’ammasso, acquisiremo maggiori conoscenze sulla storia della formazione di un intero gruppo di galassie, e possono anche servire come tracce visibili della materia oscura che circonda l’ammasso”, ha detto il collega. Hyungjin Joo. . La materia oscura è la materia invisibile nell’universo che tiene insieme galassie e ammassi.

Gioca a flipper
Se le stelle erranti fossero state create durante una partita di flipper intergalattico abbastanza recente, non avrebbero avuto abbastanza tempo per espandersi sull’intero campo gravitazionale dell’ammasso e sono quindi inadatte a determinare la distribuzione della materia oscura. Ma se si sono formati nelle prime fasi degli ammassi stellari, sono stati in grado di espandersi completamente. Di conseguenza, gli astronomi possono utilizzare le stelle per mappare la distribuzione della materia oscura.

Questa tecnica è nuova e integra il metodo tradizionale di indagine su dove risiede la materia oscura, ovvero mediante lenti gravitazionali. Questo è un campo gravitazionale relativamente forte, come quello di una galassia, che piega la luce da un oggetto dietro di sé.

Dal 1951
La luce intracluster fu scoperta per la prima volta nel 1951 in un ammasso di chioma. Poiché questo gruppo, che contiene almeno 1.000 galassie, è uno degli ammassi più vicini, a circa 330 milioni di anni luce dalla Terra, l’astronomo Fritz Zwicky è stato in grado di osservare la luce spettrale utilizzando un modesto telescopio da 18 pollici. Hubble e il nuovo telescopio James Webb potrebbero cercare meglio le stelle all’interno dell’ammasso più interno dell’universo. Speriamo che presto la loro misteriosa esistenza venga completamente spiegata.

READ  Anteprima Deathloop - Rogolike o no?