QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I bambini con un background migratorio hanno meno probabilità di essere vaccinati contro l’HPV e le malattie da meningococco

Le organizzazioni sanitarie giovanili sono preoccupate per la mancanza di copertura vaccinale per bambini e giovani di origine immigrata. Quindi Amsterdam, Rotterdam, L’Aia e Utrecht hanno chiesto un’analisi.

In collaborazione con RIVM e il Ministero della Salute, del Welfare e dello Sport, le quattro città vogliono ora indagare sulle spiegazioni delle differenze. Vogliono anche sviluppare una politica per garantire che più persone partecipino al programma nazionale di immunizzazione.

Persone chiave

Le quattro grandi città vogliono anche condividere idee e politiche attuali su questo argomento. Amsterdam presenterà presto un piano per aumentare la copertura vaccinale. Afferma, tra le altre cose, che GGD indagherà sul motivo per cui le persone non vaccinano i loro figli.

Rotterdam vuole utilizzare le cosiddette cifre chiave per personalizzare le informazioni sulle vaccinazioni degli immigrati. Ad esempio, vengono organizzati incontri informativi con un imam. L’Aia sta già lavorando con figure importanti nei quartieri con una copertura vaccinale relativamente bassa. Il comune sta inoltre formando ambasciatori sanitari per fornire informazioni nei centri comunitari.

Anche Utrecht ha un approccio vivace. L’assistenza sanitaria ai giovani impiega più tempo per parlare con i genitori e rispondere alle domande sulla vaccinazione.

READ  La variabile delta raddoppia le possibilità di ricovero per le persone non vaccinate