QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I bambini contraggono la scabbia all’ospedale di Utrecht ei genitori sono disperati

Gli infortuni si sono verificati nei mesi di giugno e luglio di quest’anno. RTL News ha parlato con tre madri ricoverate in ospedale con i loro figli, dopo di che si è scoperto che i loro figli avevano la scabbia. Due bambini su tre ora, mesi dopo, lottano ancora con la condizione della pelle.

Unità madre e bambino

L’infezione si è verificata nella cosiddetta unità materno-infantile del St. Anthony’s Hospital. In questo reparto, le madri ei loro bambini vengono curati se insorgono disturbi psicologici a seguito della gravidanza o del parto, come la depressione postpartum.

La scabbia, ufficialmente chiamata scabbia, è causata dagli acari della scabbia, che sono minuscole creature simili a ragni. Scavano tunnel nella tua pelle e vi depongono le uova. A causa di una reazione allergica della pelle, si avverte molto prurito, soprattutto di notte. La condizione è innocua ma molto fastidiosa e contagiosa.

I genitori combattono gli acari della scabbia con pomate e pillole prescritte loro, ma la malattia si rivela ostinata. Devi anche lavare accuratamente i vestiti, la biancheria da letto e gli asciugamani, spesso.

Sebbene non sia una condizione pericolosa per la vita, l’infezione ha un impatto significativo sulle giovani madri. “Distrugge tutta la mia famiglia”, dice uno. Da un mese e mezzo cercava di espellere la malattia contagiosa dalla sua casa, ma senza successo. “Non oso più abbracciare l’altra mia figlia, perché ho paura di contagiarla”.

poca comunicazione

L’epidemia, secondo le madri, è iniziata nel giugno di quest’anno, ma è apparsa solo alla fine dell’estate. Una madre dice che la diagnosi di suo figlio inizialmente era sbagliata. Appena due mesi dopo le prime lamentele, a suo figlio è stata diagnosticata la scabbia in un altro ospedale.

READ  L'intelligenza artificiale come collega digitale migliora la diagnosi della prostata

Un’altra madre il cui figlio è stato successivamente trovato infetto ha dovuto apprendere da altri pazienti che si era verificato un focolaio: “L’ho sentito da altre madri. Poi mio figlio era tutto coperto di eruzioni cutanee e sono andata dal dermatologo, dove si è scoperto che aveva scabbia.”

Le madri sono soddisfatte delle cure ricevute durante il ricovero, ma ritengono che l’ospedale sia un fallimento dopo l’infezione. Uno di loro ha detto: “Quando chiamo, porto qualcuno del dipartimento, e quando chiedo di parlare con uno psichiatra o il capo del dipartimento, promettono di richiamare, e dopo non sento più niente”.

denunce, contestazioni

Il 28 settembre, mesi dopo il primo contagio, l’ospedale ha inviato un messaggio ad alcune delle mamme che erano state ricoverate nel reparto in questione questa estate.

La lettera menziona l’infezione da scabbia e consiglia ai pazienti di sottoporsi a cure preventive. Due dei tre pazienti con cui RTL Nieuws ha parlato non hanno ricevuto questo messaggio.

Almeno una delle madri ha sporto denuncia per spese sostenute e danni psichici che sostiene di aver subito. Questa richiesta è ancora pendente.

Un’altra madre, il cui figlio soffre ancora molto per la malattia, desidera soprattutto che il bambino guarisca: “Voglio che mio figlio sia curato in ospedale sotto la supervisione di un medico, in modo da sapere per certo che la condizione scompare. ” “

Altri focolai

Negli ultimi anni si sono verificate regolarmente epidemie di scabbia, soprattutto nelle città studentesche.

I focolai negli ospedali sono più comuni. L’anno scorso, ad esempio, alcuni pazienti e il personale di un ospedale di Emmen sono stati contagiati. Nel 2018, il Juliana Children’s Hospital dell’Aia è intervenuto dopo aver scoperto che un membro del personale era stato infettato.

READ  4 motivi per visitare De Huidkliniek questo autunno

ospedale di risposta

Il St. Anthony’s Hospital non risponde alle domande di RTL Nieuws sull’epidemia o sulla mancanza di comunicazione, ma afferma in una risposta:

“È vero che abbiamo diagnosticato la scabbia a un paziente del nostro ospedale alla fine dell’estate. Abbiamo quindi avviato le procedure stabilite e consuete in consultazione con il GGD per verificare se fosse presente in casa da tempo. Le misure sono state preso immediatamente per prevenire la diffusione e informare i pazienti potenzialmente colpiti”.

“Comprendiamo che ci sono domande al riguardo. Stiamo indagando su questo con le parti interessate interne ed esterne. Poiché vogliamo farlo con attenzione, ci vuole tempo”.