QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I batteri “dormienti” possono resistere alla resistenza agli antibiotici

La nuova scoperta sui batteri “dormienti”, chiamati anche percistori, potrebbe essere interessante per lo sviluppo di terapie antibiotiche più efficaci. Lo ha rivelato martedì una ricerca di KU Leuven e dell’Istituto fiammingo di biotecnologia (VIB). I ricercatori hanno scoperto che il momento in cui i batteri “dormienti” si svegliano è legato allo sviluppo della resistenza agli antibiotici.

I costanti sono batteri che non si sentono trattati con antibiotici: sono inattivi e quindi possono sopravvivere al trattamento. Quando il perseverante si sveglia dal suo sonno in un ambiente privo di antibiotici, può moltiplicarsi di nuovo e innescare l’infezione. Fino ad ora, non era chiaro cosa avesse innescato esattamente il meccanismo alla base di quel risveglio. È stato anche difficile per i ricercatori esaminare queste cellule di “risveglio”, perché tali cellule sono rare e in questo caso lo sono solo temporaneamente.

Era già chiaro che nel momento in cui una cellula dormiente si è svegliata, ha perso la sua capacità di tollerare gli antibiotici. Una volta che una cellula dormiente diventa di nuovo attiva, può iniziare il trattamento con antibiotici. Tuttavia, nelle cellule si osserva una significativa eterogeneità: una cellula si sveglia più velocemente dell’altra. I ricercatori del VIB-KU Leuven hanno ora identificato alcuni bersagli che rivelano quando una tale cellula dormiente si risveglia.

acidificazione

Si individuava così il punto debole degli intellettuali. Durante il trattamento antibiotico, gli inibitori causano danni al DNA. Le cellule ripareranno questo danno al DNA mentre sono svegli, poiché questo è essenziale per la sopravvivenza, spiega il ricercatore post-dottorato Dorien Wilmaerts. “Abbiamo dimostrato che la riparazione del danno al DNA è alla base dei tempi del risveglio e contribuisce allo sviluppo della resistenza”.

READ  Il sistema immunitario del naso reagisce all'aura in modo diverso da come il sistema immunitario reagisce al sangue

Quando questi meccanismi di riparazione vengono attivati ​​negli inibitori, possono quindi prevenire la resistenza. Quindi questi meccanismi sono un interessante obiettivo per la scoperta di nuovi farmaci antibatterici. Un’altra importante scoperta è stata fatta in collaborazione con l’Università di Groningen. I ricercatori hanno scoperto che le cellule batteriche altamente tolleranti avevano una significativa acidificazione all’interno.

L’acidificazione si rivelò eliminare l’obiettivo principale degli antibiotici: così i batteri potevano continuare a sopravvivere, nonostante fossero sottoposti a trattamento antibiotico. Il professor Jean Michaels, che ha guidato il gruppo di ricerca, ha dichiarato: “Combattere l’acidificazione dei batteri potrebbe essere un modo standard per migliorare gli attuali trattamenti antibiotici. Ora che capiamo come risvegliare i batteri dormienti, i trattamenti anti-resistenza tanto attesi sono a portata di mano. “

I costanti sono batteri che non si sentono trattati con antibiotici: sono inattivi e quindi possono sopravvivere al trattamento. Quando il perseverante si sveglia dal suo sonno in un ambiente privo di antibiotici, può moltiplicarsi di nuovo e innescare l’infezione. Fino ad ora, non era chiaro cosa avesse innescato esattamente il meccanismo alla base di quel risveglio. È stato anche difficile per i ricercatori esaminare queste cellule di “risveglio”, perché tali cellule sono rare e in questo caso lo sono solo temporaneamente. Era già chiaro che nel momento in cui una cellula dormiente si è svegliata, ha perso la sua capacità di tollerare gli antibiotici. Una volta che una cellula dormiente diventa di nuovo attiva, può iniziare il trattamento con antibiotici. Tuttavia, nelle cellule si osserva una significativa eterogeneità: una cellula si sveglia più velocemente dell’altra. I ricercatori del VIB-KU Leuven hanno ora identificato alcuni bersagli che rivelano quando una tale cellula dormiente si risveglia. È stato individuato l’acidificazione e quindi il punto debole degli inibitori. Durante il trattamento antibiotico, gli inibitori causano danni al DNA. Le cellule ripareranno questo danno al DNA mentre sono svegli, poiché questo è essenziale per la sopravvivenza, spiega il ricercatore post-dottorato Dorien Wilmaerts. “Abbiamo dimostrato che la riparazione del danno al DNA è la chiave per i tempi del risveglio e contribuisce allo sviluppo della resistenza”. Quando questi meccanismi di riparazione vengono attivati ​​nei persistenti, possono quindi prevenire la resistenza. Pertanto, questi meccanismi sono un bersaglio interessante per la scoperta di nuovi farmaci antibatterici. Un’altra importante scoperta è stata fatta in collaborazione con l’Università di Groningen. I ricercatori hanno scoperto che le cellule batteriche altamente tolleranti avevano una significativa acidificazione all’interno. L’acidificazione si rivelò eliminare l’obiettivo principale degli antibiotici: così i batteri potevano continuare a sopravvivere, nonostante fossero sottoposti a trattamento antibiotico. Il professor Jean Michaels, che ha guidato il gruppo di ricerca, ha dichiarato: “Combattere l’acidificazione dei batteri potrebbe essere un modo standard per migliorare gli attuali trattamenti antibiotici. Ora che capiamo come risvegliare i batteri dormienti, i trattamenti anti-resistenza tanto attesi sono a portata di mano. ”

READ  I ricercatori creano un modello matematico per prezzi accessibili dei farmaci: il radar