QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I batteri intestinali sani proteggono dai batteri resistenti agli antibiotici?

A – Sano – La flora intestinale (ovvero tutti i microrganismi (compresi i batteri) nel nostro intestino) è importante per la nostra salute. Ci proteggono dai patogeni infettivi e producono sostanze benefiche, come alcune vitamine. Se la normale flora intestinale viene interrotta, i batteri che causano malattie possono crescere e influire sulla salute.

Il Leiden University Medical Center (LUMC Leiden University Medical Center), il National Institute for Public Health and the Environment (RIVM) e il Medical Center Amsterdam (AMC Academic Medical Center) hanno studiato se la composizione della flora intestinale protegge dall’acquisizione e dall’introduzione di Escherichia coli resistente agli antibiotici nell’intestino. . La ricerca è stata condotta tra i partecipanti al progetto PIENTER. Questo progetto RIVM riguarda l’efficacia della protezione degli olandesi dalle malattie infettive e se questo sta cambiando nel tempo. Migliaia di persone partecipano allo studio, che compilano un questionario completo e forniscono oggetti come le feci.

I risultati dello studio sono stati pubblicati su The Lancet Microbe.

scoperta

“La nostra ricerca mostra che la flora intestinale delle persone con E. coli resistente agli antibiotici non è diversa dalla composizione della flora intestinale delle persone che non hanno questi batteri resistenti. Ciò può significare che i probiotici, prodotti a base di batteri sani, non aiuterà a combattere la vitalità del batterio E. coli resistente agli antibiotici”, afferma Quentin Ducarmon, ricercatore presso LUMC. Una scoperta importante perché i batteri resistenti agli antibiotici provocano migliaia di morti ogni anno.

Studi precedenti

Ed Kuijper, professore di batteriologia sperimentale alla LUMC e associato a RIVM come microbiologo: “I risultati sono stati sorprendenti perché studi precedenti avevano dimostrato che alcune specie batteriche nell’intestino potrebbero essere in grado di impedire ai batteri resistenti agli antibiotici di stabilirsi lì”.

READ  Marianne, 33 anni, è stata infettata dal coronavirus e si è svegliata semiparalizzata dal coma

Secondo lui, i ricercatori in quegli studi non hanno tenuto conto, ad esempio, dello stile di vita, dell’origine, di altre malattie o dell’uso di farmaci che potrebbero influenzare l’acquisizione di batteri resistenti agli antibiotici e la formazione della flora intestinale. Quentin Ducarmont: “La maggior parte degli studi si concentra sul tipo di batteri e non tanto su cosa fanno e quali sostanze producono. Abbiamo incluso questo nella nostra ricerca e la nostra conclusione è che la composizione e la funzione del microbioma non hanno alcun effetto. La presenza di Escherichia coli resistente agli antibiotici nell’intestino.