QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“I carrelli del supermercato non garantiscono 1,5 metri” | Scienza

Se i clienti utilizzano un carrello della spesa al supermercato, ciò non garantisce che si trovino a 1,5 metri di distanza l’uno dall’altro. Questa è la conclusione raggiunta dai ricercatori dell’Università di Amsterdam. Ciò che funziona: ricompensa.




I ricercatori hanno fatto indossare agli agenti un sensore che registrava la distanza tra loro. Ciò ha permesso loro di determinare quanto spesso e per quanto tempo le persone si sono avvicinate a meno di 1,5 metri l’una dall’altra. I clienti con un carrello della spesa si avvicinavano l’un l’altro tanto quanto i clienti senza, e quindi avevano lo stesso numero di contatti con gli altri nel negozio. I ricercatori sottolineano che la stragrande maggioranza delle connessioni nel supermercato dura meno di 10 secondi.

Se i clienti nello studio ricevevano un sacchetto di uova di Pasqua se mantenevano una distanza sufficiente durante lo shopping, questo riduceva o addirittura accorciava il contatto tra loro. “I risultati della nostra ricerca forniscono punti di partenza concreti per una stimolazione del distanziamento efficace e positiva nella pratica”, afferma la ricercatrice UvA Tessa Blanken.

“I negozi possono utilizzare il semaforo per regolare la folla e un sistema di premi per incoraggiare la distanza. Abbiamo dimostrato che funziona, quindi sarebbe positivo se fosse effettivamente applicato”.

READ  Standard & Poor's 500 stabilisce un nuovo record a Wall Street dopo i dati sull'inflazione negli Stati Uniti | Economia