QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I cattivi denti ti mettono tre volte alle spalle: ‘Vivo di ibuprofene’

Chi ha i soldi si curerà con apparecchi ortodontici e denti bianchi. Per altri, un dentista non può permettersi. Ciò aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, limita le possibilità di trovare un lavoro e di trovare un partner.

Malika Civile

Di tanto in tanto tirava fuori dalla confezione otto pezzi di ibuprofene. “Ho pensato molto: supponiamo che non mi sia svegliato più tardi.” Weisel, 37 anni, soffriva di forti dolori ai denti. “Non potevo mentire, sedermi o stare in piedi, qualunque cosa facessi, il dolore era insopportabile”. Ma non aveva soldi per il dentista e non aveva un’assicurazione aggiuntiva. Così ha deciso di sopportare il dolore, sotto il motto: “Il tempo guarisce tutte le ferite” – la variante letterale che è.

Quel detto è sbagliato, Weissel ora lo sa. L’infiammazione acuta si è già placata, ma il foro nel suo molare, in alto a sinistra, è ancora presente. Soffre ogni giorno. Manovra tutto ciò che beve nell’esofago con una tecnica speciale di bere attraverso la guancia destra. Non ho ancora visto un dentista. Per lui è ancora prezioso. “Vivo di ibuprofene.”

per il loro conto privato

Chiunque abbia mal di denti, ma né denaro né assicurazione dentale aggiuntiva, ha un problema serio. Con un ginocchio forato, puoi andare al pronto soccorso. Sarà risarcito. Ma le spese dentistiche sono state per tutti gli adulti a proprie spese dal 1995. Ora è ampiamente accettato che questo sia un problema per le persone con pochi soldi. Anche l’inflazione non aiuta. Intanto si discute e si discute – la scorsa settimana alla Camera dei Deputati – su una possibile soluzione strutturale (vedi riquadro).

La città di Amsterdam non vuole aspettare e l’ha fatto Mezzo milione di euro a febbraio di quest’anno Presso l’Amsterdam Fund for Special Needs (FBNA) per l’assistenza odontoiatrica di emergenza. L’aspettativa è che 800 residenti ad Amsterdam con un budget limitato potranno ancora andare dal dentista. Ora ci sono 115 richieste. Utrecht e Haarlem sono state (parzialmente) in grado di includere le cure dentistiche nell’assicurazione sanitaria collettiva per un salario minimo, cosa che piacerebbe anche al comune di Amsterdam, ma sta ancora discutendo con le compagnie assicurative.

In effetti, il fondo salto di emergenzaha detto in precedenza l’assessore comunale Marjoline Moorman Albarol† “Le cure dentistiche dovrebbero semplicemente far parte del pacchetto base. Le protesi dentarie vengono sostituite. Questo è il motivo per cui i denti di così tante persone vengono estratti. Torneremo a com’era una volta: che puoi dire guardando i denti di qualcuno se A persona è ricca o povera”.

Radar per denti trascurati

In realtà è davvero così lontano, afferma Rox Cijntje (44). Svolge attività di volontariato presso il banco alimentare di Almere e, anche perché da dieci anni non può andare dal dentista a causa dei costi, ha sviluppato un radar per i denti trascurati. “Conosco persone sulla cinquantina che non possono più mangiare una mela. O giovani che possono masticare solo prodotti morbidi. Naturalmente, anche questo viene con un peccato”.

Cijntje dice che i denti cattivi influiscono sulla tua autostima. “Un bel sorriso è un biglietto da visita. Puoi fare molte cose non verbali con un sorriso. Ma l’ho perso. I miei denti non sono più meravigliosamente bianchi. Era tartaro. Mi vergognavo. ” Il suo sorriso sembrava uno sguardo nel suo portafoglio. “La povertà è privata e non vuoi condividerla con tutti. Ecco perché ero così felice ai tempi di Corona che posso indossare una maschera per la bocca ovunque”.

Benedetta da un ampio sorriso da un orecchio all’altro, Cijntje stava ristrutturando i debiti quando i suoi denti si sono rotti due anni fa. “Se devi scegliere tra un trattamento canalare a 700 euro o mangiare a tavola, la scelta si fa presto”.

I dentisti notano anche che i pazienti non scelgono sempre il trattamento migliore, ma il più economico. A maggio, un’indagine su più di duecento dentisti ha mostrato che il 68 per cento a volte riceve una richiesta di estrarre denti sani o facili da curare.

In circa la metà dei casi, la causa è data dal costo. Restaurare un dente è più costoso che rimuoverlo. Ciò incontra obiezioni etiche, poiché il principio del dentista è quello di mantenere quanti più denti sani possibile. Tuttavia, tre quarti dei dentisti hanno rimosso un molare o un dente dopo questa richiesta.

L’Unione dei pazienti ha lanciato l’allarme dopo il sondaggio della scorsa settimana: un decimo degli intervistati ha dichiarato di non aver ricevuto cure orali negli ultimi due anni. Quasi un terzo di loro ha dichiarato di non poter fare a meno dei soldi.

Malattia cardiovascolare

Ciò che molte persone non riescono a capire è che i denti cattivi non sono un problema locale, afferma il professore di parodontologia Bruno Loos dell’Academic Center for Dental Medicine Amsterdam (ACTA). Le gengive infiammate, ad esempio, aumentano il rischio di sviluppare determinate condizioni, come le malattie cardiovascolari.

Loos, che studia la relazione tra gengive infiammate, malattie cardiovascolari e diabete, a volte mostra nelle sue lezioni animazioni di una ferita aperta sulla parte superiore del braccio con spazio, ad esempio fette biscottate. Il messaggio: con una ferita così grande, anche le persone con gengivite acuta e non trattata (parodontite dal punto di vista medico) vanno in giro, solo in bocca.

Luce dice che questo fa qualcosa per il resto del corpo. “L’infiammazione, ovunque si trovi nel corpo, può essere un rischio di malattie cardiovascolari. La ricerca ha anche dimostrato questo: le persone con parodontite hanno un infarto o ictus più spesso e muoiono più giovani”. Loos sottolinea che la parodontite non è mai la causa principale. Oltre all’accumulo di fattori di rischio come il sovrappeso o il fumo.

Prendi solo i diabetici. È difficile per una persona con parodontite assumere la dose corretta di insulina se ha il diabete. Ma c’è di più: a causa della gengivite, anche i batteri hanno un accesso più facile al corpo. La normale barriera, la normale barriera del tessuto sano, è rotta. Alcuni batteri possono penetrarlo e vagare ulteriormente nel corpo. Possono anche raggiungere il cervello. Ora è stato dimostrato negli animali da laboratorio che i batteri possono esacerbare la demenza e il morbo di Alzheimer in questo modo”.

fattori di rischio

Una recente ricerca sui pazienti Covid non vaccinati in terapia intensiva ha dimostrato che meno denti ha una persona, maggiore è la possibilità che un paziente Covid raggiunga il reparto di terapia intensiva. “Nel reparto di terapia intensiva c’era una sovrarappresentazione di persone con malattia di base e sovrappeso, ma questi pazienti avevano anche meno denti. Ma anche qui vale quanto segue: è una complessa interazione di fattori di rischio”.

Quindi i denti cattivi non sono sani. Diversi studi hanno dimostrato che esiste un grande divario sanitario tra le persone nei quartieri svantaggiati e coloro che vivono nei quartieri più ricchi. Le statistiche di Statistics Netherlands nel 2020 hanno mostrato che gli olandesi con il più alto livello di istruzione hanno sei volte più probabilità di sviluppare il diabete e quasi tre volte più probabilità di essere obesi rispetto a quelli con un’istruzione superiore. Vivono meno di sei anni e anche 15 anni in cattive condizioni di salute.

aspetto educato

E questa è solo la storia medica. Esiste anche un “capitale estetico”, un bell’aspetto ben curato che facilita la ricerca di un lavoro o di un partner. Gislinde Kuipers, insegnante di bellezza e umorismo Descritto in un articolo lo scorso anno in Il Amsterdam verde Quanto sono belle le persone per diventare più ricche e le persone ricche per diventare più belle. Non solo grazie a uno stile di vita sano, ma anche con l’aiuto di trattamenti Botox o una visita da un cosmetologo. “Una forma di capitale minaccia di rendere i ricchi più ricchi e i poveri più poveri”, ha scritto Kupres.

Per Weissel, che ha trascurato così tanto i suoi denti che gli restano solo due molari, sono, oltre che dolorosi e malsani, una soglia per la vita a causa di un profondo senso di vergogna. Non va a trovare la sua famiglia in Marocco da sei anni. “Riesco già a sentirli dire: quindi vivi in ​​Olanda e hai questi denti”.

Non vede più amici, tanto meno osa entrare in una nuova relazione. “Una ragazza così mi vede arrivare.” I suoi denti fracassati gli ricordano la sua vecchia vita fatta di debiti, povertà, senzatetto e uso di droghe. In realtà vuole fare domanda per un lavoro presso il deposito bagagli di Schiphol, dove probabilmente possono farne buon uso, visti i recenti sviluppi. “Voglio un nuovo inizio, ma non oso quei denti.”

Qual è il modo migliore per aiutare i profitti?

L’igiene orale è assicurata fino all’età di 18 anni. Dopodiché, puoi iniziare la tua vita adulta con denti puliti e sani e costi gestibili. Con questo in mente, l’igiene orale per adulti è stata rimossa dal pacchetto base nel 1995.

Ma quel ragionamento è imperfetto, afferma Jasper Kuipers, direttore di Dokters van de Wereld, un’organizzazione che aiuta le persone bisognose con le cure dentistiche. Ad Amsterdam, ad esempio, più di un quarto dei bambini non va dal dentista. “Anche perché i genitori si vergognano dei loro denti. Quindi porto anche il mio cuore alla prossima generazione che soffre di scarsa igiene orale”. Inoltre, prima o poi ogni individuo ha bisogno di un dentista, dice Kuipers. Se non riesci a sopportarlo, le cose andranno di male in peggio.

Dokters van de Wereld ritiene che l’igiene orale dovrebbe essere inclusa nel pacchetto base dell’assicurazione sanitaria. E questo è ancora un argomento di dibattito, anche alla Camera dei Deputati, dove l’accesso all’igiene orale è stato messo all’ordine del giorno di Bij1 la scorsa settimana. L’ex Tesoro ha cercato una soluzione nell'”allocazione locale”.

evitatori

Nel frattempo, non è chiaro quanto sia grande il gruppo di evitatori dentali e chi siano. Su richiesta del Ministero della Salute, del Welfare e dello Sport, il Professore UvA di Odontoiatria Sociale Geert van der Heyden e il dentista/ricercatore Shahida Begovic di Acta stanno indagando sulla questione. Seguono anche il gruppo che è registrato presso l’Amsterdam Special Needs Fund per contribuire all’igiene orale.

Ci sono ancora molte domande. Van der Heijden cita una ricerca comparativa internazionale del 2019, che mostra che il 3% degli adulti nei Paesi Bassi non va da un dentista a causa del costo: più di quattrocentomila persone. Questo era l’1% per il gruppo a reddito più alto e il 12% per il gruppo a reddito più basso. In altre parole: gli olandesi a basso reddito evitano il dentista più degli olandesi ad alto reddito.

Tuttavia, Van der Heijden dubita che l’inclusione dell’assistenza orale nell’assicurazione di base sia la risposta. “Circa il 30 per cento di tutti i costi per l’igiene orale sono ora pagati dalle persone stesse”. Circa il 70 percento viene rimborsato, ad esempio, dalla WLZ, dalla legge sull’assicurazione sanitaria o dall’assicurazione dentale supplementare.

rischi speciali

Van der Heijden prevede un aumento significativo e uno spostamento dei costi sanitari se coloro che possono permetterselo riceveranno un buon compenso per l’igiene orale dal pacchetto base. La detrazione dall’assicurazione sanitaria sarà più alta per tutti, in modo che le persone che hanno già un budget limitato avranno meno da spendere. Il che evita ulteriormente altre cure. Nessuno lo sta aspettando”.

KNMT, l’associazione professionale dei dentisti, non vede il senso di includere un dentista nel pacchetto base, ma desidera una soluzione ai salari minimi che necessitano di cure urgenti.

Van der Heyden dice che le donazioni per gli aiuti di emergenza come ad Amsterdam e Rotterdam sono un bel gesto, ma non una soluzione strutturale. “Perché nulla è stato organizzato a lungo termine.” La speranza è che i risultati della ricerca aiutino a formulare una soluzione mirata, che, secondo van der Heyden, “è sempre più riconosciuta come una questione di urgenza”.

READ  Questo piccolo punto nel cervello può mostrare un aumento del rischio di malattia di Alzheimer 30 anni fa