QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I clienti fiamminghi dei fornitori di energia possono sfuggire alle alte tariffe Fluvius fino al 7 gennaio | consumatore

L’ordinanza fiamminga sull’energia non prevede che i clienti rimarranno semplicemente senza elettricità o gas se il loro fornitore smette di funzionare. Fluvius agisce come risorsa di emergenza, se necessario, per un massimo di 60 giorni.

Si tratta di una soluzione temporanea, conferma Fluvius, in attesa che i clienti interessati trovino un nuovo fornitore. Tuttavia, le tariffe che Fluvius utilizza a questo scopo sono superiori a quelle del mercato commerciale. Questo perché l’azienda, in qualità di fornitore di emergenza, è improvvisamente costretta ad acquistare energia elettrica e gas naturale a un prezzo più alto. Inoltre, Fluvius dovrebbe svolgere un ruolo che normalmente non svolgerebbe nel mercato dell’energia liberalizzato. In qualità di operatore di rete, Fluvius non possiede unità di produzione, come turbine eoliche o distributori di benzina, e l’azienda non acquista o vende elettricità o gas come i suoi fornitori.

Lynn Vandesande, portavoce dell’organizzazione energetica fiamminga VREG, sottolinea che c’è ancora una via d’uscita. I clienti di un fornitore di energia fiammingo in bancarotta non devono sceglierne uno nuovo dall’oggi al domani. Se effettuano una nuova connessione entro 30 giorni (prima del 7 gennaio), possono chiedere al loro nuovo fornitore di effettuarla retroattivamente dal 7 dicembre. E poi non riceveranno una fattura da Fluvius ed eviteranno quei tassi alti”.

READ  Il Belgio ha imposto un divieto di ingresso in Sudafrica a causa di una nuova variante del virus e anche altri paesi stanno adottando misure