QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I concessionari si rifiutano di rifornire di carburante il 737

I concessionari si rifiutano di rifornire di carburante il 737

Domenica un Boeing 737-800 proveniente da El Al è stato costretto a dirottare. Successivamente, i dipendenti di una delle società di movimentazione si sono rifiutati di fare rifornimento all’aereo.

L’aereo Boeing, registrato 4X-EKA, operava il volo El Al LY5102 da Varsavia a Tel Aviv. Durante il viaggio si è verificata un’emergenza medica che ha causato il dirottamento dell’equipaggio all’aeroporto di Antalya. Dopo lo sbarco nella località costiera turca, il malato è stato rimosso dalla nave. Mentre i due piloti si preparavano a decollare, è stato detto loro che il personale di terra aveva fermato l’aereo rifiutare Per fare rifornimento. Come soluzione, l’aereo volò a Rodi, in Grecia. Lì, la macchina è stata rifornita di carburante prima di continuare il suo viaggio verso Israele.

Il 737 potrebbe non essere stato rifornito di carburante a causa delle tensioni tra Israele e Turchia. Dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas, le tensioni sono aumentate anche in altre parti del Medio Oriente. Per questo motivo il Ministero del Commercio turco aveva precedentemente imposto sanzioni a Israele. Anche i voli diretti tra i due paesi sono praticamente interrotti dall’ottobre 2023. La Turchia ha indicato che le sanzioni rimarranno in vigore fino a quando “Israele non dichiarerà un cessate il fuoco immediato a Gaza e consentirà il flusso ininterrotto di aiuti umanitari verso la Striscia di Gaza”.

Russia

La stessa cosa è accaduta a febbraio a un aereo governativo russo in Brasile. Sergei Lavrov, ministro degli Esteri russo, si è poi recato a Rio de Janeiro per partecipare al vertice del G20. Dopo il vertice, il ministro ha voluto recarsi da Rio de Janeiro a Brasilia per incontrare il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva. Ma non è arrivato lì con il suo aereo. La compagnia petrolifera VIBRA ha rifiutato di rifornire l’Il-96 per paura di violare le sanzioni statunitensi in risposta all’invasione russa dell’Ucraina.

READ  Meno di 400 pazienti sono in terapia intensiva