QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I creatori di giochi continuano ad amare gli anni ’80 e ’90

In Brasile nei primi anni 2000, non c’era quasi nulla che suggerisse che l’adolescente Danilo Dias sarebbe entrato nei videogiochi. La moderna tecnologia informatica è praticamente inaccessibile nel paese latinoamericano, a causa dell’altissima tassa di consumo che vi è stata imposta per decenni. Quindi l’unica cosa che i suoi genitori avevano a casa era un computer con Windows 3.1, che a quel tempo aveva già più di dieci anni. “L’unica cosa che facevo per tenermi occupato era disegnare schizzi con un programma di disegno Microsoft PaintDice Dias: “Dipingevo oggetti in grandi blocchi quadrati, e li trovavo affascinanti nella loro semplicità. Anche quando ho iniziato a studiare architettura, ho continuato a creare questo tipo di pixel art. Ero solo innamorato di lei. E lentamente, mentre imparavo anche io a programmare, ciò è cresciuto fino a creare semplici videogiochi basati sulle primissime tecnologie del mezzo”.

Successi retrò

Oggi, all’età di 35 anni, Dias gestisce lo studio di gioco Joymasher con la fidanzata Thais Weiller da dieci anni. Guardiano vendicatore: Moonrideril nuovo gioco che stanno attualmente completando costruisce proprio come il loro grande successo Cromatura ardente (2019) continua esattamente con la stessa atmosfera retrò. È un classico gioco in 2D, con il tipo di grafica pixel che ti aspetteresti su una console trent’anni fa. Hanno sublimato elementi di vecchi giochi di quel periodo, ad es Super ninja (1987) e Ninja Gaiden (1988), ma anche motivi di film come Robocope manga e anime giapponesi. “Vogliamo riportare in vita qualcosa che oggi non esiste”, afferma Wheeler. “I videogiochi di oggi stanno diventando sempre più impegnativi dal punto di vista tecnico, e va bene. Ma allo stesso tempo, molti giocatori vogliono anche di nuovo una ‘pura’ vecchia esperienza.”

Non sono affatto gli unici giocattoli in quella giacca retrò. Solo quest’anno ha visto l’uscita di una serie di titoli che richiamano tutti stili di videogiochi vecchi di decenni. narrazione Norco, ad esempio, la sua grafica in pixel non gli ha impedito di diventare il primo videogioco premiato al Tribeca Film Festival dello scorso anno. o platform bidimensionale Assioma limite 2Gioco investigativo Agenzia investigativa cinesee il gioco di combattimento Teenage Mutant Ninja Turtles: La vendetta di Shredderche ha venduto un milione di copie entro una settimana dalla sua uscita la scorsa estate.

Assioma limite 2.foto di Thomas Hub Games

Agenzia investigativa cinese.  Immagine General Interactive Company

Agenzia investigativa cinese.Immagine General Interactive Company

Teenage Mutant Ninja Turtles: La vendetta di Shredder.  foto di DotEmu

Teenage Mutant Ninja Turtles: La vendetta di Shredder.foto di DotEmu

Fascino eterno

Dieci anni fa, tali giochi potevano ancora essere liquidati come una mania di breve durata. Ma dopo aver hackerato giochi come proforce E il Super Brothers: Sword & Sworcery EP Poi è seguita un’altra serie di giochi con la stessa estetica retrò, come ad esempio Super carne ragazzoE il AsciaE il Carta, per favoreE il niddogE il Zappa del cavaliereE il Madre Russia sta sanguinandoE il Stardew ValleyE il Iper Luce Drifter E il Undertale. Il fascino di alcuni produttori di giochi per questo stile di grafica pixel sembra destinato a durare per sempre. “L’uso della pixel art ti impone dei limiti come creatore, ma ti costringe a essere creativo”, ha detto Yutsi, un creatore di penna che lavora sotto quello pseudonimo. NorcoRecentemente, in un’intervista con il sito copia carbone. È un modo di lavorare puramente digitale: non esiste un analogo. Molte delle tecniche che lo rendono speciale e unico non funzionano con i dipinti ad olio o gli acquerelli”.

È anche possibile creare bellissime scene

Belle scene possono anche essere create in Pixel Graphics. Come qui nel gioco “Norco”.Immagine grezza di rabbia

Secondo Cyrille Imbert, CEO della società di giochi francese DotEmu (entrambi Guardiano vendicatore: Moonrider Se La vendetta di Shredder versioni), c’è stata anche una richiesta di questi tipi di giochi tra i giocatori negli ultimi dieci anni. Anche con i più piccoli. “C’è un piccolo gruppo di giocatori là fuori che è letteralmente interessato a tutto ciò che il mezzo ha da offrire, sia in futuro che in passato. Potrebbero non essere nemmeno nati quando i giochi originali sono usciti in questo stile, ma per loro questa è una cosa interessante che vogliono esplorare.

Lingua privata

Perché i videogiochi in quegli anni ’80 e ’90 ancora guidati dall’entusiasmo sembravano così belli, ovviamente, ha bisogno di una piccola spiegazione: la potenza di calcolo delle console (come il Sega Mega Drive o il Super Nintendo) e dei PC all’epoca era ancora così piccola che l’unico modo per ottenere forme non interlacciabili sullo schermo era colorare i quadrati su una sorta di carta millimetrata digitale. Le loro forme e colori sono stati poi riempiti nella mente del giocatore. Ma quella necessità ha anche dato vita a un’estetica molto speciale che continua ad affascinare i giocatori e i creatori di giochi oggi.

“Il mezzo ha quindi acquisito un linguaggio visivo che è ancora riconoscibile oggi”, afferma Dias. “Anche se, ovviamente, oggi si è evoluto di più. Applichiamo le moderne tecnologie di illuminazione, la spruzzatura di particelle (Per i produttori di videogiochi, questo significa: piccoli oggetti fisici come polvere, granelli di sabbia, fiocchi di neve o petali, RME). La pixel art è diventata qualcos’altro. Oggi non è più un modo per aggirare i limiti tecnici, ma uno stile in sé».

Guardiano vendicatore: Moonrider.  foto di DotEmu

Guardiano vendicatore: Moonrider.foto di DotEmu

Norco.Immagine grezza di rabbia

READ  Ubisoft utilizzerà i giochi per affrontare il cambiamento climatico