QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I farmacisti dovrebbero essere vaccinati con tutti i vaccini aggiuntivi d’ora in poi?

I farmacisti dovrebbero essere vaccinati con tutti i vaccini aggiuntivi d’ora in poi?

Il governo tedesco ritiene che d’ora in poi i farmacisti dovrebbero essere in grado di vaccinare con tutti i vaccini aggiuntivi. Ecco perché vuole creare un “programma di vaccinazione aggiuntiva di basso livello”. I farmacisti potranno quindi fornire vaccinazioni preventive non solo contro l’influenza e il coronavirus nel sistema di rimborso, ma anche contro una serie di altre malattie infettive.

Lo riporta il nostro giornale gemello AerzteZeitung. Incentivi che dovrebbero sicuramente essere apprezzati dai farmacisti indipendenti. Verrà abolito anche il monopolio dei medici sui test per alcune malattie infettive nei nostri vicini orientali. Tutto ciò ci ricorda fortemente il movimento in atto anche nel nostro Paese.

Secondo i piani del governo, la legge sulla protezione dalle infezioni verrà modificata in modo che i farmacisti, dopo un’adeguata formazione, oltre alle vaccinazioni contro l’influenza e la SARS-CoV-2 per le persone di età superiore ai 18 anni, possano effettuare “più vaccinazioni con vaccini “inattivati” e contro l’encefalite, che viene trasmessa dalle zecche”.

In linea con questo requisito per i vaccini inattivati, ai farmacisti dovrebbe ora essere consentito anche di somministrare vaccini profilattici contro difterite, epatite B, poliomielite, pertosse e tetano. Questo sarà il tasso di pagamento, se la proposta di modifica della legge sarà approvata.

La licenza del medico è stata ulteriormente indebolita
Inoltre, ai farmacisti dovrebbe essere data più ampia autorità per la diagnosi di laboratorio delle malattie infettive. Finora la riserva del medico è stata formulata nella legge tedesca sulla protezione dalle infezioni (ad eccezione dei test rapidi per HIV, epatite C, SARS-CoV-2 e Treponema pallidum).

In futuro, anche “i farmacisti e il personale farmaceutico che lavora nelle farmacie” potranno utilizzare la diagnostica in vitro per test rapidi sui pazienti per adenovirus, virus influenzali, norovirus, virus RSA e rotavirus.

READ  No, le infezioni nasali non causano il morbo di Alzheimer

Tuttavia, il vero obiettivo della riforma farmaceutica non sarà l’espansione dei poteri medici della professione, ma il miglioramento della posizione finanziaria delle farmacie. Ad esempio, le farmacie tedesche dovrebbero poter avere orari di apertura più flessibili, e le farmacie sussidiarie e sussidiarie dovrebbero essere “liberate” da varie restrizioni una volta istituite.

L’accesso a tutte le funzionalità è riservato agli operatori sanitari professionali.

Se sei un operatore sanitario, effettua il login o registrati gratuitamente per ottenere l’accesso completo a questo contenuto.
Se sei un giornalista o vuoi farcelo sapere, scrivi a redactie@rmnet.be.